Meghan Markle e il principe Harry coppia dell'anno! Ma come andrà a finire la loro favola?

Si sposeranno a Windsor l'anno prossimo, ma quello sarà solo l'inizio: i futuri duchi (di Sussex?) dovranno essere abbastanza giovani, carini ed emancipati da portare la monarchia britannica nel futuro

Più Popolare

La monarchia è una liturgia pop: sopravvive di simboli. E il fidanzamento di Harry e Meghan è un manuale illustrato. (Il problema dei cambiamenti lenti, in Italia, è che non abbiamo Hollywood e neppure Buckingham Palace: non c'è nessuno che ci spieghi il mondo coi disegnini). Rispettosamente diffuso dopo le nozze di platino di Elisabetta e Filippo, l'annuncio ha seguito il canone tradizionale: comunicato a social unificati alle 10 del mattino, fugace apparizione per la prima foto di coppia, intervista serale alla BBC. Eppure è riuscito a veicolare un messaggio rivoluzionario: siamo ragazzi di oggi (guardiamo lontano e pensiamo all'America, ma soprattutto: viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente, provare nuove emozioni e stare amici di tutti – nana nannè nennà, un tempo avevamo Sanremo). Meghan e Harry sono pertanto incaricati di rappresentare la contemporaneità.

Advertisement - Continue Reading Below

Il confronto con il fidanzamento di William e Kate è inevitabile ma inopportuno. Durante l'intervista – rilasciata a Mishal Husain, famosa giornalista di origini pakistane, invece che al solito maschio bianco: ogni simbolo è illuminato – Meghan è sbracciata e senza calze, non sembra posseduta da un manico di scopa, non affida la sua credibilità all'accento posh più incomprensibile che si riesca ad articolare. E soprattutto: interrompe Harry di continuo. (In un fuori onda lui la prende in giro per questo, e vanno avanti per 30 secondi a farsi faccette da GIF animata). Meghan Markle non è Kate Middleton, no. Innanzitutto perché Harry non è William. Non il primogenito, non l'erede, non è il cocco di nonna: è più facile fare l'avanguardia, se sei cadetto. Ma soprattutto perché Markle non è stata cresciuta a scopo matrimonio, non ha aspettato per sette anni un anello, e prima di conoscere il principe aveva un passato, un ex-marito, addirittura un lavoro vero.

Meghan Markle in una scena della serie tv Suits.
Più Popolare

L'incombente duchessa (forse) di Sussex è nata a Los Angeles nel 1981 – tre anni prima di Harry – da padre caucasico e madre afro-americana: la multietnicità è il suo argomento a piacere. Ha un fratellastro e una sorellastra, le cui esistenze vengono al momento dragate a caccia di pettegolezzi. È cresciuta in California da bambina cattolica – sul set di Sposati…con figli, dove papà era direttore delle luci, convinta che «non c'è niente che una spiaggia, lo yoga e un po' di avocado non possano curare» – e poi ha fatto l'università a Chicago: teatro e relazioni internazionali. Voleva diventare attrice, senza fortuna, e per arrotondare faceva la calligrafa (chissà se si scriverà da sola le partecipazioni). A 30 anni ha sposato un produttore - Trevor Engleson, fin qui riservatissimo - e divorziato due anni dopo. Contemporaneamente è entrata nel cast di Suits, un ordinario telefilm di avvocati: non fosse stato per Harry avremmo continuato a ignorarlo. Però a lei è bastato per darsi un tono da diva: metà Gwyneth, metà Angelina. Ha aperto un blog di abitudini fotogeniche, e ha intrapreso beneficenze. Bisogna vivere la vita che si vuole, mica quella che si ha.

È comunque improbabile che Kate si senta minacciata, ché è abituata a strategie di lungo termine: sarà principessa di Galles, e poi regina. La piccola Meghan – con quell'acca insensata – dovrà sempre farle l'inchino: la sua carriera da altezza reale inizia e finisce con le nozze a Windsor, il prossimo maggio. Invece quella di ragazza immagine del Regno Unito – internazionale, interrazziale, interconfessionale – ha tutt'altro respiro. E un inaudito livello di difficoltà: c'è la Brexit, c'è il terrore, ci sono i poveri. Meghan ha ufficializzato la fine della sua vita da attrice/benefattrice autonoma, e comunicato l'inizio del «lavoro di squadra» con Harry (non il massimo, in una scala di emancipazione da zero a Olivia Pope, ma realisticamente inevitabile). Passerà i prossimi mesi in missione nelle province del regno, per conoscere il suo popolo. Diventerà anglicana e cittadina inglese. Imparerà a non esprimere opinioni, ma comunicare coi vestiti. Verrà addestrata a difendersi come un soldato, ma sembrare inoffensiva. Dovrà mantenere allure femminista e principesca rispettabilità. Potrebbe essere la nuova Diana, o squinternata come Sarah Ferguson. Ma presenta l'unica caratteristica che nessuna favola ha avuto mai: tracce di imprevedibilità.

Meghan Markle.
More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Empowerment femminile ovvero l'alleanza tra donne che va oltre l'impossibile (e che farebbe tanto bene a tutte)
In tema di empowerment femminile, la più preziosa delle alleanze è tra quelle che ce l'hanno fatta e quelle che mollano il colpo
Storie
CONDIVIDI
Questo è il lavoro ideale che tutti vorrebbero fare nel 2018. Ah, non è il più pagato
O quello che dura tutta la vita? No, sono altre le garanzie che oggi giovani e meno giovani desiderano
Massimo Bottura refettori stellati
Storie
CONDIVIDI
Cibo per tutti! Addio spreco con i refettori stellati dello chef Massimo Bottura
Gettiamo un terzo del cibo che produciamo: una legge e uno chef cercano di cambiare la mentalità dello spreco alimentare
Bambini scomparsi
Storie
CONDIVIDI
Dove finiscono le migliaia di bambini scomparsi?
In Europa ogni 2 minuti sparisce un minore, in Italia più di 2.000 non sono mai stati ritrovati, e il dolore delle loro famiglie non ha...
Storie
CONDIVIDI
5 cose che Meghan Markle e Harry non possono assolutamente fare in pubblico secondo l'etichetta reale
Divieti royal in piena regola. L'obiettivo? Mantenere intatto l'understatement di Palazzo
Storie
CONDIVIDI
Quelle che Gomorra non è solo una serie tv
A Scampia non ci sono solo droga e criminalità, come nella serie di Sky, ci sono anche donne straordinarie, che abbiamo incontrato
Storie
CONDIVIDI
6 artigiane del gioiello al Maker Faire di Roma raccontano il futuro del made in Italy
6 artiste che ci dimostrano che quando si parla di gioielli, non sempre (e non solo) i diamanti sono i migliori amici delle donne
Donne belle diverse
Storie
CONDIVIDI
Fra unicità e perfezione non c'è gara! Oggi vincono le bellezze diverse, da Ashley Graham a Bebe Vio
L'unicità oggi vince sulla perfezione e il mondo sdogana canoni di bellezza non più assoluti ma "plurali"
Molestie Fausto Brizzi
Storie
CONDIVIDI
Molestie: con Brizzi lo scandalo arriva in Italia, e ora?
I nomi emersi fin qui sono solo la punta di un iceberg, che non riguarda solo il cinema: come difenderci? Ripartendo da noi
Storie
CONDIVIDI
Noi, italiani expat a Barcellona, vi parliamo della Catalogna
Sono arrivati anni fa in una città accogliente e cosmopolita: ora ci raccontano la (difficile) quotidianità del capoluogo catalano