Ragazze con i superpoteri: cosa succederebbe se fossero loro a governare il mondo?

Se le giovani donne fossero al comando potrebbero vendicarsi dei maschi, come immagina il romanzo Ragazze elettriche, oppure riscrivere le regole del potere, dove non contano i soldi e il successo, ma la libertà di essere ciò che vogliono

ALTRI DA Dalla parte delle donne
20 articles
Donne belle diverse
Fra unicità e perfezione non c'è gara! Oggi vincono le bellezze diverse, da Ashley Graham a Bebe Vio
Violenza sulle donne denuncia
Violenza sulle donne: "Lo denuncio, e dopo?"
Parità stipendio donne
Equo compenso, non si tratta solo di soldi

Come ve lo immaginate voi un mondo di cui le donne hanno preso il comando sugli uomini? Ve lo immaginate più umano, perché noi femmine possediamo - per dotazione biologica o culturale che sia - attitudine alla cura delle relazioni? Ve lo immaginate finalmente in pace, per via di quell'istinto a proteggere che ci viene dalla pratica atavica della maternità? Ve lo aspettate persino meno corrotto, perché noi donne non siamo state ancora guastate dal potere (si dice), visto che non l'abbiamo mai avuto? Allora state alla larga da Ragazze elettriche (Nottetempo), ultimo romanzo della pluripremiata Naomi Alderman: vi farebbe rimangiare tutto in un pugno di ore.

La cover del libro Ragazze elettriche di Naomi Alderman (Nottetempo).
Advertisement - Continue Reading Below

In questa feminist science fiction scioccante e irresistibile, che diventerà una serie tv già nel 2018, si immagina un futuro in cui il potere femminile, incarnato da teenager dotate di una super abilità (una misteriosa carica elettrica con cui seminano sofferenza), degenera in violenza e sopraffazione, e nella sistematica persecuzione dei maschi. Le femmine, insomma, distruggono. Esattamente come gli uomini, non appena hanno il potere di farlo. "Perché mai dovremmo pensare che noi donne siamo diverse? La signora Thatcher non si è messa certo in luce per compassione e calore verso le sofferenze dell'umanità", taglia corto Naomi Alderman, la 43enne autrice di Ragazze elettriche, che a Londra si divide tra scrittura, docenza all'università e il lavoro di autrice di videogiochi. È il potere per quel che è diventato e le sue degenerazioni a creare i mostri, dice la Alderman, che però è convinta che le nuove generazioni di donne potranno trovare una terapia, un vaccino. "Le giovani donne portano speranza, ogni nuova generazione un po' di più, e io sono molto ispirata dal giovane, nuovo femminismo", spiega. "Sono colpita dalla forza e dalla grazia di queste ragazze, guardo fiduciosa il loro sbocciare".

Cavalcare i draghi significa che ognuna di noi ha le sue paure, eppure le affronta e le trasforma sino a farne uno strumento

More From Dalla parte delle donne
20 articles
Donne belle diverse
Fra unicità e perfezione non c'è gara! Oggi...
Violenza sulle donne denuncia
Violenza sulle donne: "Lo denuncio, e dopo?"
Parità stipendio donne
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Michelle Hunziker: "Lo Stato non fa abbastanza...
Dakota Fanning: "Weinstein non è solo un affare...

Anche diversi economisti sono convinti che quando chi oggi ha 20-30 anni andrà al potere riuscirà a ricostruire il mondo su tutt'altre regole, a partire da un nuovo "umanesimo responsabile". È dunque questa l'idea di potere che hanno in testa le venti-trentenni? E se non questa, quale? E cosa ne farebbero, loro che si allenano a diventare la prossima classe dirigente, non certo per misteriosi poteri elettrici, ma per "la voglia di cavalcare i draghi, come fa Daenerys nel Trono di spade"? La chiama così Daria Bernardoni, 31 anni, direttrice di Freeda, un progetto editoriale femminile di nuova concezione, nato direttamente su Facebook e Instagram. "Qui noi intercettiamo la generazione di nuove donne che hanno tra i 18 e i 34 anni, donne completamente diverse da quelle che le hanno precedute. Cosa pensano che sia il potere? L'affermazione della propria libertà. Libertà di essere come vogliono, di diventare quel che desiderano. Per questo abbiamo chiamato il progetto editoriale Freeda, come il lato femminile di freedom, libertà, appunto. Insomma, queste ragazze non vedono il potere come l'occupazione di una posizione apicale al posto di un maschio o, chessò, la realizzazione economica a tutti i costi. È chiaro che è anche questo, ma per noi il potere non è riconducibile a una monocategoria. Non dico che sia facile, affatto. Ma per noi cavalcare i draghi significa anche che ognuna di noi, nella strada verso l'affermazione, ha le sue paure, eppure le affronta e le trasforma sino a farne uno strumento per cavalcare la vita che vuole".

Advertisement - Continue Reading Below

Anche Simona Cuomo, docente di Leadership e Hr management alla Bocconi, è convinta che le donne stiano piano piano elaborando un'idea di comando innovativa ed efficace. Della quale il mondo si accorgerà presto. "Le donne hanno uno stile di leadership più confacente ai tempi che ci attendono. E questo nonostante il campo del lavoro abbia ancora regole che premiano gli uomini, e per quanto nelle donne, anche le più giovani, rimangano ambivalenze rispetto al potere, per cui spesso sono loro stesse ad autoescludersi", ci dice Cuomo, forte di anni di ricerche sul tema che ha appena raccolto nel libro Essere leader al femminile (Egea). "Rispetto ai maschi, le donne leader si focalizzano sul sostegno ai loro collaboratori, includono le differenze - sempre più presenti nella realtà sociale -, hanno maggiore capacità di visione e spirito cooperativo… In poche parole: riescono a tenere insieme la complessità. Cioè: sono più contemporanee».

Advertisement - Continue Reading Below

"Per costruire una nuova idea di potere, alla mia generazione manca una pluralità di modelli femminili che la ispirino: in un Paese che si è organizzato sostanzialmente su strutture gerarchiche maschili, serve una grande forza per essere un'eccezione", aggiunge Federica Merenda. Lei, 24 anni, dopo diverse esperienze all'estero sta facendo un dottorato di ricerca alla Scuola superiore Sant'Anna di Pisa, ed è stata tra le prime allieve della Scuola di politiche voluta nel 2015 da Gianni Letta. "Alcune cose però le ho ben chiare: il potere non è una dimensione a parte rispetto ai valori in cui credo, e in questo riconosco un tratto della mia generazione. Possiamo fare politica o essere ingegnere, ma certamente abbiamo bisogno di esprimere ciò in cui crediamo: penso che questo sia l'unico motivo per cui vale la pena affrontare le grandi difficoltà che noi tutte incontriamo per affermarci. Anche per questo io non sono disposta a rinunciare alle mie passioni e al tempo per me, pur di conquistare posizioni: al potere non sacrifico la bellezza di una mia vita completa ed equilibrata".

Solo restando attaccate ai propri desideri è possibile proporre modelli di leadership personali e autentici

In fondo, il segreto ultimo per avere una leadership potente oggi è uno solo: l'autenticità. "Significa essere se stesse mentre si interpreta un ruolo, essere fedeli al proprio sentire, ai propri valori, al proprio modo di intendere le relazioni, le situazioni", conclude Cuomo. "A mia figlia che ha 21 anni, così come alle studentesse, dico sempre: ragazze, state attaccate ai vostri desideri! Solo conoscendo, accettando e poi dando voce a ciò che si è, per poi proteggere la propria natura dalle aspettative e dalle pressioni degli altri a essere ciò che non si è, è possibile proporre modelli di leadership personali, autentici e dunque credibili".

More from Gioia!:
Personaggi
CONDIVIDI
Michelle Hunziker: "Lo Stato non fa abbastanza contro i femminicidi"
Michelle Hunziker denuncia l'immobilismo della giustizia italiana, con una campagna shock realizzata da Doppia Difesa
Personaggi
CONDIVIDI
Dakota Fanning: "Weinstein non è solo un affare di Hollywood"
"Questo genere di scandali non è proprio solo di Hollywood, ma appartiene a tutti i settori dell'industria"
Molestie sessuali  campagna dauomoauomo
Storie
CONDIVIDI
Violenza di genere: l'invito agli uomini a dirsi contro
Il terremoto Weinstein ha aperto ovunque crepe profonde: anche in Italia, dove arriva una campagna che passa il testimone ai maschi
Personaggi
CONDIVIDI
Catherine Zeta Jones: "Donne, siate ambiziose"
A mia figlia ripeto sempre che non deve rinunciare ai propri sogni, ma battersi per raggiungerli: abbiamo una sola vita! Se fallisce,...
Personaggi
CONDIVIDI
Harvey Weinstein: le dichiarazioni (shock) di tutte le attrici coinvolte
Ashley Judd, Gwyneth Paltrow, Angelina Jolie, Léa Seydoux e Cara Delevingne sono solo alcune delle donne che accusano Harvey Weinstein di...
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Angelia Jolie ha scritto una lettera dalla Namibia sui diritti delle donne e la responsabilità verso il clima (per i 150 anni di Harper's Bazaar)
Personaggi
CONDIVIDI
Angelina Jolie ti ha scritto una lettera dalla Namibia (e dovresti leggerla)
L'attrice ha celebrato il 150° anniversario di Harper's Bazaar con una storia (la sua) bellissima
the-handmaid-s-tale-scena
TV
CONDIVIDI
3 motivi per cui The handmaid's tale vi conquisterà
Vi angoscerà, come poche serie tv riescono a fare, ma ne rimarrete stregati, per (almeno) tre motivi
Claudio Santamaria e Francesca Barra insulti e minacce sul web
Magazine
CONDIVIDI
L'amore ai tempi del web: Francesca Barra minacciata, Santamaria la difende
Il web ci dà la libertà di esprimere la nostra opinione, ma è una cosa positiva?
Personaggi
CONDIVIDI
Nobel: la vera storia di Grazia e Rita, le uniche donne italiane ad averlo vinto
Il più importante riconoscimento al mondo, il Nobel, ha premiato pochissime volte donne italiane