In tema di violenza sulle donne la domanda che ci facciamo è: "Lo denuncio, e dopo?"

Molte vittime di violenza si rivolgono all'autorità giudiziaria ma non basta, per proteggerle ci vorrebbe anche un processo veloce e adeguato: ne parla un corto con Ambra Angiolini e Alessio Boni presentato al Festival del cinema di Roma

ALTRI DA Dalla parte delle donne
20 articles
Donne belle diverse
Fra unicità e perfezione non c'è gara! Oggi vincono le bellezze diverse, da Ashley Graham a Bebe Vio
Donne potere leadership femminile
Ragazze con i superpoteri
Parità stipendio donne
Equo compenso, non si tratta solo di soldi

Lo dicono i dati. Il 70 per cento delle vittime di femminicidio, in Italia, aveva sporto denuncia contro il proprio futuro assassino. Perché non è servito? Cosa succede dopo una denuncia? A volte non succede proprio niente, come racconta il cortometraggio di Andrea Costantini Uccisa in attesa di giudizio, con Ambra Angiolini e Alessio Boni, prodotto dall'associazione Doppia difesa, fondata da Michelle Hunziker e dall'avvocato Giulia Bongiorno, e presentato alla Festa del cinema di Roma 2017.

Una scena del cortometraggio Uccisa in attesa di giudizio, con Alessio Boni e Ambra Angiolini.
Advertisement - Continue Reading Below

Più spesso accade qualcosa, ma troppo lentamente. «È fondamentale che la risposta giudiziaria sia rapida. Se una donna denuncia oggi, non la si può chiamare a testimoniare dopo cinque anni», spiega il magistrato Fabio Roia, tra i relatori del convegno Affrontare la violenza sulle donne. Prevenzione, riconoscimento, percorsi di uscita, organizzato dal Centro studi Erickson a Rimini in ottobre. «Importantissima è poi la valutazione del rischio: la donna deve essere messa in sicurezza in attesa che il maltrattante sia allontanato, ma non può restare in comunità per mesi. Spesso non riesce lei stessa a valutare l'effettiva gravità della minaccia: anche per questo motivo deve essere assistita da personale empatico, capace e formato».

Il processo non deve diventare violenza per la donna: bisogna evitare un approccio giudicante e gli stereotipi

More From Dalla parte delle donne
20 articles
Donne belle diverse
Fra unicità e perfezione non c'è gara! Oggi...
Donne potere leadership femminile
Ragazze con i superpoteri
Parità stipendio donne
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Michelle Hunziker: "Lo Stato non fa abbastanza...
Dakota Fanning: "Weinstein non è solo un affare...

Per Roja «quel che serve è un processo penale intelligente. Un processo che non crei una forma di vittimizzazione, che non diventi esso stesso violenza per la donna. Un processo del genere è possibile solo se tutti gli operatori sono specializzati in materia: la polizia giudiziaria, il pubblico ministero, l'avvocato e infine il giudice. Solo così si evitano errori e trappole come l'approccio giudicante o gli stereotipi: tutti gli operatori devono sapere che è possibile che una donna sopporti per anni violenze senza rivolgersi a nessuno ed è possibile che i certificati medici ospedalieri parlino solo di traumi accidentali. E poi il processo intelligente deve essere veloce».

L'avvocato Giulia Bongiorno in una scena del corto Uccisa in attesa di giudizio.

Oggi, nonostante tre delibere impongano a tutti gli uffici giudiziari, le procure e i giudici di creare delle corsie di priorità nella trattazione di questo problema, i tempi di intervento sono ancora troppo lunghi. A Milano dalla denuncia alla sentenza di primo grado passa in media un anno e mezzo, «ed è un tempo accettabile per l'Italia. Ma la situazione nel Paese non è omogenea. La denuncia è soltanto l'inizio della vicenda giudiziaria per le donne. Là dove la donna è seguita da una rete competente e formata - centri antiviolenza, servizio sanitario, servizio di assistenza, polizia giudiziaria, pm, magistratura e avvocati - le cose vanno bene. Altrove è tutto molto più difficile».

More from Gioia!:
Personaggi
CONDIVIDI
Dakota Fanning: "Weinstein non è solo un affare di Hollywood"
"Questo genere di scandali non è proprio solo di Hollywood, ma appartiene a tutti i settori dell'industria"
Molestie sessuali  campagna dauomoauomo
Storie
CONDIVIDI
Violenza di genere: l'invito agli uomini a dirsi contro
Il terremoto Weinstein ha aperto ovunque crepe profonde: anche in Italia, dove arriva una campagna che passa il testimone ai maschi
Justin Trudeau contro il sessismo
Personaggi
CONDIVIDI
Justin Trudeau: "Crescete i vostri figli maschi come femministi"
È bello, social e atletico, ma soprattutto il Primo ministro del Canada ha una sua teoria su come sconfiggere il sessismo
Personaggi
CONDIVIDI
Catherine Zeta Jones: "Donne, siate ambiziose"
A mia figlia ripeto sempre che non deve rinunciare ai propri sogni, ma battersi per raggiungerli: abbiamo una sola vita! Se fallisce,...
Personaggi
CONDIVIDI
Harvey Weinstein: le dichiarazioni (shock) di tutte le attrici coinvolte
Ashley Judd, Gwyneth Paltrow, Angelina Jolie, Léa Seydoux e Cara Delevingne sono solo alcune delle donne che accusano Harvey Weinstein di...
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Angelia Jolie ha scritto una lettera dalla Namibia sui diritti delle donne e la responsabilità verso il clima (per i 150 anni di Harper's Bazaar)
Personaggi
CONDIVIDI
Angelina Jolie ti ha scritto una lettera dalla Namibia (e dovresti leggerla)
L'attrice ha celebrato il 150° anniversario di Harper's Bazaar con una storia (la sua) bellissima
the-handmaid-s-tale-scena
TV
CONDIVIDI
3 motivi per cui The handmaid's tale vi conquisterà
Vi angoscerà, come poche serie tv riescono a fare, ma ne rimarrete stregati, per (almeno) tre motivi
Claudio Santamaria e Francesca Barra insulti e minacce sul web
Magazine
CONDIVIDI
L'amore ai tempi del web: Francesca Barra minacciata, Santamaria la difende
Il web ci dà la libertà di esprimere la nostra opinione, ma è una cosa positiva?
Personaggi
CONDIVIDI
Nobel: la vera storia di Grazia e Rita, le uniche donne italiane ad averlo vinto
Il più importante riconoscimento al mondo, il Nobel, ha premiato pochissime volte donne italiane