5 motivi per cui Kate Middleton veste i suoi figli sempre allo stesso modo

La famiglia reale è come tutte le altre: è questo il messaggio subliminale della duchessa di Cambridge, che comunque è tradizionalista nelle sue scelte, anche quando si tratta di abbigliamento per bambini

Più Popolare

Kate Middleton indossa spesso gli stessi abiti, o versioni molto simili tra di loro, e questo è ben documentato da molte foto. E sembra che stia adottando lo stesso approccio anche con i vestiti dei figli. Naturalmente, ha le sue ragioni per comportarsi così. Che sono 5, per la precisione, almeno secondo alcuni esperti intervistati dal Daily Mail, giornale che ha documentato la cosa con le foto sotto.

Advertisement - Continue Reading Below

1. Vuole evitare che ci sia la corsa all'acquisto di una marca indossata dai suoi figli

Anche se qualunque cosa i piccoli indossino va poi immediatamente a ruba. Nessuna sorpresa, comunque, visto che secondo la società di analisi di mercato Rakuten Marketing George e Charlotte occupano rispettivamente la seconda e la quarta posizione tra le celebrità più influenti nella moda dei bambini.

Più Popolare

2. Intende mostrare al mondo che i reali sono come tutti gli altri 

Pure loro indossano lo stesso vestito più di una volta, anche nei ritratti ufficiali di Stato. Per questo Kate veste solitamente i suoi pargoli con abiti dai prezzi accessibili e non considera le grandi marche, come fanno invece Kim Kardashian e Beyoncé.

3. Vuole limitare l'attenzione mediatica sui bambini

L'ultima cosa che Kate desidera è la fila di fotografi che cercano di immortalare l'ultimo capo indossato dai principini. 

4. È tradizionalista e cerca di tenere lontani i figli da qualunque cosa effimera o alla moda.

In altre parole, vuole che i suoi figli siano figli, non trendsetter. Naturalmente, la sua predilezione per un certo tipo di abbigliamento ha portato a un revival di quei vestitini nel Regno Unito, ma non c'è nulla da fare al riguardo: George e Charlotte potrebbero far diventare di tendenza anche i sacchetti della spazzatura! In ogni caso, Kate cerca di favorire i marchi meno noti e gli stilisti locali invece che delle grandi multinazionali.

5. Per mezzo degli abiti vuole creare un collegamento ideale tra i suoi figli e il passato.

Spesso veste George con abiti simili a quelli indossati da William quando aveva l'età del piccolo. Per il battesimo di Charlotte, per esempio, lo ha vestito con un paio di pantaloncini rossi e una camicina quasi simili a quelli indossati da William quando andò in visita per la prima volta al neonato principe Harry, nel 1984.

Per fortuna, Kate non ha ancora deciso di abbracciare l'amore della principessa Diana per gli abiti appaiati mamma/figli: è probabile che quando William e Harry guardino quelle foto rabbrividiscano ancora oggi!

Da: GoodHousekeeping
More from Gioia!:
Molestie Fausto Brizzi
Storie
CONDIVIDI
Molestie: con Brizzi lo scandalo arriva in Italia, e ora?
I nomi emersi fin qui sono solo la punta di un iceberg, che non riguarda solo il cinema: come difenderci? Ripartendo da noi
Storie
CONDIVIDI
Noi, italiani expat a Barcellona, vi parliamo della Catalogna
Sono arrivati anni fa in una città accogliente e cosmopolita: ora ci raccontano la (difficile) quotidianità del capoluogo catalano
Donne potere leadership femminile
Storie
CONDIVIDI
Ragazze con i superpoteri
Cosa succederebbe se fossero le giovani donne a governare il mondo? Potrebbero riscrivere le regole del potere
Calendario Pirelli 2018 Duckie Thot
Storie
CONDIVIDI
Calendario Pirelli 2018: Alice si fa black
Presentato a New York e firmato da Tim Walker è un manifesto al tema dell'inclusione e un inno alla diversità
Ho 13 anni e sono una bulla
Storie
CONDIVIDI
"Ho 13 anni e sono una bulla": la testimonianza shock
Mentre Amnesty International lancia una campagna contro il bullismo, una ragazza ci ha raccontato come ci si ammala di violenza
Violenza sulle donne denuncia
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: "Lo denuncio, e dopo?"
Molte vittime si rivolgono all'autorità giudiziaria, ma per proteggerle ci vorrebbe un processo veloce e adeguato: ne parla un corto
Molestie sessuali metoo confessione
Storie
CONDIVIDI
"Non sapevo con che occhi guardarmi: vittima o carnefice di me stessa"
La testimonianza di una lettrice all'insegna dell'hashtag #metoo: "A 24 anni non avevo chiaro che stavo subendo una molestia"
Millennials calo nascite Italia motivi
Storie
CONDIVIDI
Cosa fa paura alle millennial che non fanno figli?
Lo abbiamo chiesto alle dirette interessate, mentre le statistiche consegnano l'Italia a un destino di culle vuote
Molestie sessuali  campagna dauomoauomo
Storie
CONDIVIDI
Violenza di genere: l'invito agli uomini a dirsi contro
Il terremoto Weinstein ha aperto ovunque crepe profonde: anche in Italia, dove arriva una campagna che passa il testimone ai maschi
influencer-dalle-uova-d-oro-danielle-bernstein-camila-coehlo-aimee-song
Storie
CONDIVIDI
Influencer dalle uova d'oro
Basta che in un post indossino un abito perché diventi subito sold out: viaggio tra i nuovi guru del fashion system