5 motivi per cui Kate Middleton veste i suoi figli sempre allo stesso modo

La famiglia reale è come tutte le altre: è questo il messaggio subliminale della duchessa di Cambridge, che comunque è tradizionalista nelle sue scelte, anche quando si tratta di abbigliamento per bambini

Più Popolare

Kate Middleton indossa spesso gli stessi abiti, o versioni molto simili tra di loro, e questo è ben documentato da molte foto. E sembra che stia adottando lo stesso approccio anche con i vestiti dei figli. Naturalmente, ha le sue ragioni per comportarsi così. Che sono 5, per la precisione, almeno secondo alcuni esperti intervistati dal Daily Mail, giornale che ha documentato la cosa con le foto sotto.

Advertisement - Continue Reading Below

1. Vuole evitare che ci sia la corsa all'acquisto di una marca indossata dai suoi figli

Anche se qualunque cosa i piccoli indossino va poi immediatamente a ruba. Nessuna sorpresa, comunque, visto che secondo la società di analisi di mercato Rakuten Marketing George e Charlotte occupano rispettivamente la seconda e la quarta posizione tra le celebrità più influenti nella moda dei bambini.

Più Popolare

2. Intende mostrare al mondo che i reali sono come tutti gli altri 

Pure loro indossano lo stesso vestito più di una volta, anche nei ritratti ufficiali di Stato. Per questo Kate veste solitamente i suoi pargoli con abiti dai prezzi accessibili e non considera le grandi marche, come fanno invece Kim Kardashian e Beyoncé.

3. Vuole limitare l'attenzione mediatica sui bambini

L'ultima cosa che Kate desidera è la fila di fotografi che cercano di immortalare l'ultimo capo indossato dai principini. 

4. È tradizionalista e cerca di tenere lontani i figli da qualunque cosa effimera o alla moda.

In altre parole, vuole che i suoi figli siano figli, non trendsetter. Naturalmente, la sua predilezione per un certo tipo di abbigliamento ha portato a un revival di quei vestitini nel Regno Unito, ma non c'è nulla da fare al riguardo: George e Charlotte potrebbero far diventare di tendenza anche i sacchetti della spazzatura! In ogni caso, Kate cerca di favorire i marchi meno noti e gli stilisti locali invece che delle grandi multinazionali.

5. Per mezzo degli abiti vuole creare un collegamento ideale tra i suoi figli e il passato.

Spesso veste George con abiti simili a quelli indossati da William quando aveva l'età del piccolo. Per il battesimo di Charlotte, per esempio, lo ha vestito con un paio di pantaloncini rossi e una camicina quasi simili a quelli indossati da William quando andò in visita per la prima volta al neonato principe Harry, nel 1984.

Per fortuna, Kate non ha ancora deciso di abbracciare l'amore della principessa Diana per gli abiti appaiati mamma/figli: è probabile che quando William e Harry guardino quelle foto rabbrividiscano ancora oggi!

Da: GoodHousekeeping
More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Esquire Italia, il cocktail party di presentazione dell'edizione italiana del maschile di casa Hearst
Hearst ha presentato l'edizione italiana del maschile Esquire durante un cocktail party alle Gallerie D'Italia in Piazza Scala per dare il...
Gala Hearst, il video della serata al Teatro alla Scala di Milano
Storie
CONDIVIDI
Gala Hearst: il video della serata esclusiva
Hearst Italia ha festeggiato gli anniversari di Gioia!, Gente, Elle Italia e Marie Claire con un evento speciale: Placido Domingo ha...
Gala Hearst: concerto Placido Domingo
Storie
CONDIVIDI
Gala Hearst: le foto della serata
Hearst Italia ha festeggiato gli anniversari di Gioia!, Gente, Elle e Marie Claire con una serata speciale al Teatro alla Scala: tutti i...
Storie
CONDIVIDI
Maria Callas in scena: il vernissage della serata esclusiva di Hearst Italia e Teatro alla Scala di Milano
Le foto della serata evento che ha inaugurato la mostra dedicata al grande soprano
Maria Callas in scena: gli anni alla Scala - Mostra, anniversario Hearst
Storie
CONDIVIDI
Hearst celebra 4 dei suoi magazine con 2 eventi da non perdere al Teatro alla Scala
Tutto pronto per i grandi festeggiamenti di Gioia!, Gente, Elle Italia e Marie Claire Italia, quattro magazine che insieme rappresentano...
Storie
CONDIVIDI
Cristina Bowerman: dalla giurisprudenza alla cucina, come si diventa chef (stellati)
La chef, in occasione del Festival della Comunicazione, ci ha raccontato una storia di successo: la sua, fatta di passione, coraggio e...
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: ai raptus di gelosia non crediamo più
Dietro ai femminicidi c'è una cultura che rende possibile arrabbiarsi e ferire a morte: ecco perché serve fare prevenzione nelle scuole
Storie
CONDIVIDI
Abby Stein, nata due volte: da rabbino a donna attivista transgender
Non si è mai sentita un maschio, ma non sapeva cosa significasse «transgender»: l'ha imparato diventando donna, come ci racconta qui
The Weekend bazaar icons
Storie
CONDIVIDI
Harper's BAZAAR Icons: The Weeknd protagonista
L'incontro tra musica e moda sul numero speciale di Harper's BAZAAR firmato da Carine Roitfeld per raccontare lo stile del prossimo inverno
Storie
CONDIVIDI
Quello che nessuna madre osa dire sul proprio figlio (ma che pensa davvero)
L'ironia langue quando una madre parla dei propri figli, per cui se non ne potete più di ritratti irreali di bambini perfetti, leggete qui...