Cosa succederebbe se Facebook sparisse?

Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe traccia delle nostre parole, ovvero un oblio che va contro tutto ciò che Internet rappresenta: la parola a due esperti

Più Popolare

Ti sei mai chiesta che cosa succederebbe se, di colpo, Facebook non esistesse più? Posto che un futuro senza il più popolare dei social network potrebbe non essere nemmeno pura fantascienza, visto che per molti smettere di usarlo è il buon proposito per eccellenza del 2017, a oggi i numeri sono ancora, più delle intenzioni, dalla parte del fondatore Mark Zuckerberg. Secondo i dati dell'esperto Vincenzo Cosenza, infatti, ogni mese 30 milioni di italiani utilizzano Facebook e lo fanno pure con una frequenza molto alta: alla faccia della scienza che afferma che stare senza social renda più felici, 24 milioni di nostri compaesani utilizzano il social network ogni giorno. Si tratta in gran parte di adulti, di cui oltre la metà (53%) ha più di 35 anni, mentre l'unico vero calo si osserva fra i giovanissimi, tra, cioè, i ragazzi fra i 13 e i 18 anni dove poco più di uno su due ha un profilo Facebook.

Advertisement - Continue Reading Below

Negli States più che uso e abuso di Facebook è invece in corso un dibattito sulla sua «pericolosità». Ma non stiamo parlando di temi scottanti come il cyberbullismo, intorno al quale fioccano manuali utili a genitori e figli per stare in guardia da eventuali minacce, bensì della perdita dei contenuti. Gli esperti Dave Winer e John Gruber hanno su questo scritto un post dal titolo Fuck Facebook dove spiegano come i contenuti del «faccia di libro» non siano indicizzati dai motori di ricerca, e per questa ragione qualsiasi discussione rilevante che avviene da quelle parti rimarrà confinata agli iscritti. Linkare, in sostanza, simili contenuti da fuori è quasi impossibile, specie se non possiedi un profilo Facebook.

Cosa accadrebbe quindi, per tornare alla domanda originaria, se domani Facebook dovesse chiudere? Le nostre parole scivolerebbero via senza lasciare traccia, in un oblio che è l'esatto opposto di quello che Internet ha da sempre immaginato. Già oggi Facebook vieta all'Internet Archive, l'anima documentale di Internet, di salvare schermate rilevanti da archiviare per i posteri. Ecco, dunque, che quello che non t'aspetti è la realtà dei fatti: non esiste, almeno per ora, un archivio delle cose più o meno significative, più o meno divertenti, più o meno inutili che da anni postiamo sulla nostra bacheca. E questo, anche per chi ha già mezzo piede, o meglio dito, fuori da Facebook, fa comunque una certa impressione.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: ai raptus di gelosia non crediamo più
Dietro ai femminicidi c'è una cultura che rende possibile arrabbiarsi e ferire a morte: ecco perché serve fare prevenzione nelle scuole
Storie
CONDIVIDI
Abby Stein, nata due volte: da rabbino a donna attivista transgender
Non si è mai sentita un maschio, ma non sapeva cosa significasse «transgender»: l'ha imparato diventando donna, come ci racconta qui
The Weekend bazaar icons
Storie
CONDIVIDI
Harper's BAZAAR Icons: The Weeknd protagonista
L'incontro tra musica e moda sul numero speciale di Harper's BAZAAR firmato da Carine Roitfeld per raccontare lo stile del prossimo inverno
Storie
CONDIVIDI
Quello che nessuna madre osa dire sul proprio figlio (ma che pensa davvero)
L'ironia langue quando una madre parla dei propri figli, per cui se non ne potete più di ritratti irreali di bambini perfetti, leggete qui...
Baby modella in sfilata
Storie
CONDIVIDI
Baby modelle, luci e ombre del backstage
C'è chi comincia da piccolissima, chi sogna di farlo anche da grande: un libro (e questa inchiesta) racconta le loro infanzie «da catalogo»
Storie
CONDIVIDI
Manterrupting: come liberarsi dalla brutta abitudine maschile di interrompere i nostri discorsi
Avete presente quella volta che un collega o un amico vi ha interrotte per dire la sua e voi siete rimaste lì, mortificate? Ebbene, siete...
Sbarchi migranti Italia navi Marina militare reportage: il soccorso ai profughi
Storie
CONDIVIDI
Migranti: siamo stati sulla nave che presta soccorso
Oltre 12mila profughi in 48 ore: noi eravamo a bordo delle navi della Marina Militare, ecco il reportage esclusivo di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
Che cos'è il manspreading e perché, almeno una volta, ne sei stata vittima anche tu
L'invasione machista dello spazio altrui è diventata tema di dibattito, al punto che in alcune città del mondo si stanno attivando divieti...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!