Cosa succederebbe se Facebook sparisse?

Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe traccia delle nostre parole, ovvero un oblio che va contro tutto ciò che Internet rappresenta: la parola a due esperti

Più Popolare

Ti sei mai chiesta che cosa succederebbe se, di colpo, Facebook non esistesse più? Posto che un futuro senza il più popolare dei social network potrebbe non essere nemmeno pura fantascienza, visto che per molti smettere di usarlo è il buon proposito per eccellenza del 2017, a oggi i numeri sono ancora, più delle intenzioni, dalla parte del fondatore Mark Zuckerberg. Secondo i dati dell'esperto Vincenzo Cosenza, infatti, ogni mese 30 milioni di italiani utilizzano Facebook e lo fanno pure con una frequenza molto alta: alla faccia della scienza che afferma che stare senza social renda più felici, 24 milioni di nostri compaesani utilizzano il social network ogni giorno. Si tratta in gran parte di adulti, di cui oltre la metà (53%) ha più di 35 anni, mentre l'unico vero calo si osserva fra i giovanissimi, tra, cioè, i ragazzi fra i 13 e i 18 anni dove poco più di uno su due ha un profilo Facebook.

Advertisement - Continue Reading Below

Negli States più che uso e abuso di Facebook è invece in corso un dibattito sulla sua «pericolosità». Ma non stiamo parlando di temi scottanti come il cyberbullismo, intorno al quale fioccano manuali utili a genitori e figli per stare in guardia da eventuali minacce, bensì della perdita dei contenuti. Gli esperti Dave Winer e John Gruber hanno su questo scritto un post dal titolo Fuck Facebook dove spiegano come i contenuti del «faccia di libro» non siano indicizzati dai motori di ricerca, e per questa ragione qualsiasi discussione rilevante che avviene da quelle parti rimarrà confinata agli iscritti. Linkare, in sostanza, simili contenuti da fuori è quasi impossibile, specie se non possiedi un profilo Facebook.

Cosa accadrebbe quindi, per tornare alla domanda originaria, se domani Facebook dovesse chiudere? Le nostre parole scivolerebbero via senza lasciare traccia, in un oblio che è l'esatto opposto di quello che Internet ha da sempre immaginato. Già oggi Facebook vieta all'Internet Archive, l'anima documentale di Internet, di salvare schermate rilevanti da archiviare per i posteri. Ecco, dunque, che quello che non t'aspetti è la realtà dei fatti: non esiste, almeno per ora, un archivio delle cose più o meno significative, più o meno divertenti, più o meno inutili che da anni postiamo sulla nostra bacheca. E questo, anche per chi ha già mezzo piede, o meglio dito, fuori da Facebook, fa comunque una certa impressione.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Empowerment femminile ovvero l'alleanza tra donne che va oltre l'impossibile (e che farebbe tanto bene a tutte)
In tema di empowerment femminile, la più preziosa delle alleanze è tra quelle che ce l'hanno fatta e quelle che mollano il colpo
Storie
CONDIVIDI
Questo è il lavoro ideale che tutti vorrebbero fare nel 2018. Ah, non è il più pagato
O quello che dura tutta la vita? No, sono altre le garanzie che oggi giovani e meno giovani desiderano
Massimo Bottura refettori stellati
Storie
CONDIVIDI
Cibo per tutti! Addio spreco con i refettori stellati dello chef Massimo Bottura
Gettiamo un terzo del cibo che produciamo: una legge e uno chef cercano di cambiare la mentalità dello spreco alimentare
Il principe Harry e l'attrice americana Meghan Markle si sposeranno nella cappella del castello di Windsor a maggio dell'anno prossimo, e quello sarà solo l'inizio: l'obiettivo è portare la monarchia britannica nel futuro.
Storie
CONDIVIDI
Meghan Markle e il principe Harry coppia dell'anno! Ma come andrà a finire la loro favola?
Ovvero: riuscirà la nostra eroina a diventare la nuova principessa del popolo?
Bambini scomparsi
Storie
CONDIVIDI
Dove finiscono le migliaia di bambini scomparsi?
In Europa ogni 2 minuti sparisce un minore, in Italia più di 2.000 non sono mai stati ritrovati, e il dolore delle loro famiglie non ha...
Storie
CONDIVIDI
5 cose che Meghan Markle e Harry non possono assolutamente fare in pubblico secondo l'etichetta reale
Divieti royal in piena regola. L'obiettivo? Mantenere intatto l'understatement di Palazzo
Storie
CONDIVIDI
Quelle che Gomorra non è solo una serie tv
A Scampia non ci sono solo droga e criminalità, come nella serie di Sky, ci sono anche donne straordinarie, che abbiamo incontrato
Storie
CONDIVIDI
6 artigiane del gioiello al Maker Faire di Roma raccontano il futuro del made in Italy
6 artiste che ci dimostrano che quando si parla di gioielli, non sempre (e non solo) i diamanti sono i migliori amici delle donne
Donne belle diverse
Storie
CONDIVIDI
Fra unicità e perfezione non c'è gara! Oggi vincono le bellezze diverse, da Ashley Graham a Bebe Vio
L'unicità oggi vince sulla perfezione e il mondo sdogana canoni di bellezza non più assoluti ma "plurali"
Molestie Fausto Brizzi
Storie
CONDIVIDI
Molestie: con Brizzi lo scandalo arriva in Italia, e ora?
I nomi emersi fin qui sono solo la punta di un iceberg, che non riguarda solo il cinema: come difenderci? Ripartendo da noi