Cutting, l'autolesionismo delle adolescenti che finisce anche sui social

Sono molto diffuse le pratiche autolesioniste tra gli adolescenti italiani: soprattutto le ragazze, che per trovare sollievo dai problemi ricorrono a lamette e rasoi, per poi postare talvolta le foto dei loro tagli

Più Popolare

Un taglio e poi il sollievo. La lametta che incide la carne e al contempo scioglie la rabbia. E poi le maniche lunghe, mille braccialetti, i jeans anche d'estate, la stagione più odiata, a coprire tutto. Quel «tutto» che talvolta è invece mostrato e condiviso su social e blog. Così funziona il mondo sommerso del cutting, la pratica autolesionista che fa sì che da un dolore accecante e inespresso si passi al ferire il proprio corpo, a martoriarlo e perfino a massacrarlo. Un comportamento che gli ultimi dati dell'Osservatorio nazionale adolescenza danno come sempre più precoce, si inizia anche a 11 anni, e sempre più diffuso: due adolescenti italiani su dieci sono autolesionisti. L'11,5 per cento dei ragazzi, inoltre, si fa del male intenzionalmente e nel segreto della propria stanza senza che i genitori sappiano nulla, in modo ripetitivo; e proprio la cronicità, che diventa dipendenza dal dolore fisico, riguarda in prevalenza le ragazze (il 67 per cento del totale). C'è poi un altro dato che è quanto mai importante mettere a fuoco: il 50 per cento di chi pratica cutting è, o è stato, vittima di bullismo o cyberbullismo (anche questi fenomeni sempre più diffusi).

Advertisement - Continue Reading Below

Così e accaduto a Claudia (nome di fantasia), che mi racconta in una serie di messaggi via Facebook (perché anche al telefono, per lei, studentessa 16enne di un istituto tecnico commerciale, sarebbe troppo difficile parlare) di aver iniziato a tagliarsi «quasi un anno fa per colpa del bullismo che mi fanno a scuola. Lì per me è un terreno di guerra, perché vengo presa in giro, bersagliata, insultata quasi ogni giorno e la mattina, mentre varco la soglia, sento un nodo allo stomaco che se ne va solo quando, a un certo punto della mattinata, mi taglio. Le mie compagne sono cattive, usano nomignoli osceni per chiamarmi e ogni volta che lo fanno per me èuna ferita che si riapre, mi viene una rabbia enorme, mi distruggerei in quei momenti e loro non lo capiscono. Oppure lo capiscono e ci godono». Quando le domando perché per reagire a questi abusi ha iniziato a tagliarsi, lei risponde subito: «Perché avevo letto su Internet che sarei stata meglio. Ragazze come me, un po' sole e additate come "sfigate", dicevano che tagliandosi e poi condividendo le foto con altre autolesioniste su Instagram riuscivano a stare bene. Per un po' mi è sembrato che funzionasse, credevo di avere la situazione sotto controllo. Oggi, invece, vorrei smettere, perché i tagli sono diventati sempre di più e sempre più profondi, un giorno ero così disperata che mi sono massacrata un braccio... Eppure non riesco ancora a chiedere aiuto».

Più Popolare

Chi invece è uscita dalla dipendenza da cutting è Marina, oggi ventenne, che anni fa ha deciso di raccontare sul suo blog Diary of a self-harmer, diario di un'autolesionista, un periodo molto duro sfociato nel cutting. Oggi, come scrive lei stessa, è «pulita da più di un anno», ma per riuscirci ha dovuto affrontare il demo-ne peggiore per chiunque debba fare i conti con una dipendenza, cioè parlarne. Lo ha fatto prima con la psicologa della scuola, poi con una psichiatra e da quell'incubo di sangue e cicatrici è riuscita a venirne fuori. Così adesso il blog in cui prima condivideva con altri self-harmer consigli su quali fossero le lamette più taglienti e le dritte per nascondere i segni, è diventato un luogo nuovo e diverso, in cui chi pratica l'autolesionismo può trovare aiuto. Aiuto che naturalmente, passa prima di tutto dal dialogo con un esperto.

Come Maura Manca, presidente dell'Osservatorio nazionale adolescenza, autrice di L'autolesionismo nell'era digitale, primo libro in Italia a raccontare il legame tra cutting e social network (anche questi fonte di dipendenza). «I ragazzi che fanno cutting sistematicamente», spiega Manca, «usano i tagli come veicolo di gestione delle emozioni: una lite con i genitori, un brutto voto a scuola, un episodio di bullismo ed ecco che ci si ferisce per convogliare lì la sofferenza. Il bisogno di tagliarsi fa fluire il dolore: con il sangue esce il negativo che si ha dentro. Il sollievo è ovviamente transitorio, così come è falso il benessere che può dare una droga, e infatti gli autolesionisti parlano di se stessi con i medesimi termini usati dai tossici. Il ruolo che, in più, hanno i social fa leva sulla grande paura dei self- harmer di essere scoperti. Loro si vergognano moltissimo e temono lo stigma sociale più di ogni altra cosa, perché spesso sentono associare a chi ha il loro stesso problema termini come "pazzi" o peggio "scemi". Per cui si rifugiano in Rete dove ci sono tantissime comunità, specie su Instagram e su YouTube, di teenager che condividono questo segreto. Lì e solo lì si sentono liberi di confrontarsi, e sempre lì trovano un "rinforzo" emotivo, che va al di là dei consigli su come non farsi scoprire dai genitori, ma è proprio un rifugio che non li fa più sentire soli».

Resta il fatto che questo rinforzo non risolve le cose, anzi talvolta, dato il peso che il segreto ha sui ragazzi, fa sì che rinuncino alle relazioni sociali in favore del mondo virtuale. Dove non è brutto neppure, per esempio, tagliarsi nelle parti intime; dove anche per gli altri l'estate è un incubo e non un divertimento, e dove in sostanza non ci si sente diversi o matti. Per questo il primo passo di un genitore che ha sentore che il figlio si faccia del male è accoglierlo senza mortificarlo. Bisogna evitare qualsiasi tipo di inquisizione, per far sì che i ragazzi non si chiudano maggiormente, e parlare con loro senza accuse e giudizi, evitando scenate teatrali e drammi familiari: si sentirebbero ancora più in colpa.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: ai raptus di gelosia non crediamo più
Dietro ai femminicidi c'è una cultura che rende possibile arrabbiarsi e ferire a morte: ecco perché serve fare prevenzione nelle scuole
Storie
CONDIVIDI
Abby Stein, nata due volte: da rabbino a donna attivista transgender
Non si è mai sentita un maschio, ma non sapeva cosa significasse «transgender»: l'ha imparato diventando donna, come ci racconta qui
The Weekend bazaar icons
Storie
CONDIVIDI
Harper's BAZAAR Icons: The Weeknd protagonista
L'incontro tra musica e moda sul numero speciale di Harper's BAZAAR firmato da Carine Roitfeld per raccontare lo stile del prossimo inverno
Storie
CONDIVIDI
Quello che nessuna madre osa dire sul proprio figlio (ma che pensa davvero)
L'ironia langue quando una madre parla dei propri figli, per cui se non ne potete più di ritratti irreali di bambini perfetti, leggete qui...
Baby modella in sfilata
Storie
CONDIVIDI
Baby modelle, luci e ombre del backstage
C'è chi comincia da piccolissima, chi sogna di farlo anche da grande: un libro (e questa inchiesta) racconta le loro infanzie «da catalogo»
Storie
CONDIVIDI
Manterrupting: come liberarsi dalla brutta abitudine maschile di interrompere i nostri discorsi
Avete presente quella volta che un collega o un amico vi ha interrotte per dire la sua e voi siete rimaste lì, mortificate? Ebbene, siete...
Sbarchi migranti Italia navi Marina militare reportage: il soccorso ai profughi
Storie
CONDIVIDI
Migranti: siamo stati sulla nave che presta soccorso
Oltre 12mila profughi in 48 ore: noi eravamo a bordo delle navi della Marina Militare, ecco il reportage esclusivo di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
Che cos'è il manspreading e perché, almeno una volta, ne sei stata vittima anche tu
L'invasione machista dello spazio altrui è diventata tema di dibattito, al punto che in alcune città del mondo si stanno attivando divieti...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!