Donne migranti: un miracolo che poteva succedere

Sono arrivate stremate dall'Africa con i figli, ma gli abitanti di Gorino, nella provincia di Ferrara, le hanno respinte: noi abbiamo immaginato un'altra storia, eccola

Tutto è cominciato per caso, quando s'è sparsa voce che sarebbero arrivate in paese 12 donne stremate, in fuga da fame e violenza - una all'ottavo mese di gravidanza - insieme ai loro bambini. In un attimo l'aria s'è fatta elettrica, una pioggia festosa di messaggi WhatsApp ha spazzato via il malumore autunnale. Come far sentire un po' di calore italico e solidarietà a quelle donne, a quei bambini sopravvissuti a un viaggio disperato e spaventoso, è stata la prima preoccupazione di tutti; la proverbiale concretezza padana ha fatto il resto.

Advertisement - Continue Reading Below

L'accoglienza ai migranti

Chi è corso a casa a raccogliere qualche abito caldo, chi ha messo in una borsa i giocattoli venuti a noia ai figli, chi ha preferito presentarsi all'arrivo del pullman, per un sorriso che rendesse meno spaesante l'approdo. Quando poi s'è scoperto che i titolari dell'ostello che avrebbe ospitato le donne e i bambini, non a caso chiamato Amore-Natura, erano stati informati all'ultimo momento dell'arrivo delle migranti (e si sa che non è facile mettere a tavola con così poco preavviso venti persone affamate), gli amici del bar hanno avuto un'idea: perché non organizzare una grigliata di benvenuto invitando tutto il paese? In fondo sono così poche, soprattutto con la cattiva stagione, le occasioni per uscire e sentirsi parte di una comunità. Detto fatto: s'è messo su un gruppo Facebook e in centinaia hanno voluto contribuire portando qualcosa da casa.

Più Popolare

Sarebbe stato un bel Natale

E come spesso capita con le feste improvvisate, la serata italo-africana imprevista, con la sua miracolosa moltiplicazione dei pani e dei pesci, è stata magnifica: gli adulti commossi, i piccoli eccitati e nell'aria, per tutti, la promessa d'un Natale memorabile, illuminato dalla magia d'un bambino venuto da lontano per nascere proprio lì, in una qualunque comunità di culle vuote. Un bambino che, ovunque crescerà, potrà un giorno dire che in Italia esiste un paese, piccolo, sconosciuto ai più, ma gentile e accogliente, dov'è stato bello venire al mondo. Peccato solo che i giornali e la tv non ne abbiano parlato.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Esquire Italia, il cocktail party di presentazione dell'edizione italiana del maschile di casa Hearst
Hearst ha presentato l'edizione italiana del maschile Esquire durante un cocktail party alle Gallerie D'Italia in Piazza Scala per dare il...
Gala Hearst, il video della serata al Teatro alla Scala di Milano
Storie
CONDIVIDI
Gala Hearst: il video della serata esclusiva
Hearst Italia ha festeggiato gli anniversari di Gioia!, Gente, Elle Italia e Marie Claire con un evento speciale: Placido Domingo ha...
Gala Hearst: concerto Placido Domingo
Storie
CONDIVIDI
Gala Hearst: le foto della serata
Hearst Italia ha festeggiato gli anniversari di Gioia!, Gente, Elle e Marie Claire con una serata speciale al Teatro alla Scala: tutti i...
Storie
CONDIVIDI
Maria Callas in scena: il vernissage della serata esclusiva di Hearst Italia e Teatro alla Scala di Milano
Le foto della serata evento che ha inaugurato la mostra dedicata al grande soprano
Maria Callas in scena: gli anni alla Scala - Mostra, anniversario Hearst
Storie
CONDIVIDI
Hearst celebra 4 dei suoi magazine con 2 eventi da non perdere al Teatro alla Scala
Tutto pronto per i grandi festeggiamenti di Gioia!, Gente, Elle Italia e Marie Claire Italia, quattro magazine che insieme rappresentano...
Storie
CONDIVIDI
Cristina Bowerman: dalla giurisprudenza alla cucina, come si diventa chef (stellati)
La chef, in occasione del Festival della Comunicazione, ci ha raccontato una storia di successo: la sua, fatta di passione, coraggio e...
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: ai raptus di gelosia non crediamo più
Dietro ai femminicidi c'è una cultura che rende possibile arrabbiarsi e ferire a morte: ecco perché serve fare prevenzione nelle scuole
Storie
CONDIVIDI
Abby Stein, nata due volte: da rabbino a donna attivista transgender
Non si è mai sentita un maschio, ma non sapeva cosa significasse «transgender»: l'ha imparato diventando donna, come ci racconta qui
The Weekend bazaar icons
Storie
CONDIVIDI
Harper's BAZAAR Icons: The Weeknd protagonista
L'incontro tra musica e moda sul numero speciale di Harper's BAZAAR firmato da Carine Roitfeld per raccontare lo stile del prossimo inverno
Storie
CONDIVIDI
Quello che nessuna madre osa dire sul proprio figlio (ma che pensa davvero)
L'ironia langue quando una madre parla dei propri figli, per cui se non ne potete più di ritratti irreali di bambini perfetti, leggete qui...