Donne migranti: un miracolo che poteva succedere

Sono arrivate stremate dall'Africa con i figli, ma gli abitanti di Gorino, nella provincia di Ferrara, le hanno respinte: noi abbiamo immaginato un'altra storia, eccola

Tutto è cominciato per caso, quando s'è sparsa voce che sarebbero arrivate in paese 12 donne stremate, in fuga da fame e violenza - una all'ottavo mese di gravidanza - insieme ai loro bambini. In un attimo l'aria s'è fatta elettrica, una pioggia festosa di messaggi WhatsApp ha spazzato via il malumore autunnale. Come far sentire un po' di calore italico e solidarietà a quelle donne, a quei bambini sopravvissuti a un viaggio disperato e spaventoso, è stata la prima preoccupazione di tutti; la proverbiale concretezza padana ha fatto il resto.

Advertisement - Continue Reading Below

L'accoglienza ai migranti

Chi è corso a casa a raccogliere qualche abito caldo, chi ha messo in una borsa i giocattoli venuti a noia ai figli, chi ha preferito presentarsi all'arrivo del pullman, per un sorriso che rendesse meno spaesante l'approdo. Quando poi s'è scoperto che i titolari dell'ostello che avrebbe ospitato le donne e i bambini, non a caso chiamato Amore-Natura, erano stati informati all'ultimo momento dell'arrivo delle migranti (e si sa che non è facile mettere a tavola con così poco preavviso venti persone affamate), gli amici del bar hanno avuto un'idea: perché non organizzare una grigliata di benvenuto invitando tutto il paese? In fondo sono così poche, soprattutto con la cattiva stagione, le occasioni per uscire e sentirsi parte di una comunità. Detto fatto: s'è messo su un gruppo Facebook e in centinaia hanno voluto contribuire portando qualcosa da casa.

Più Popolare

Sarebbe stato un bel Natale

E come spesso capita con le feste improvvisate, la serata italo-africana imprevista, con la sua miracolosa moltiplicazione dei pani e dei pesci, è stata magnifica: gli adulti commossi, i piccoli eccitati e nell'aria, per tutti, la promessa d'un Natale memorabile, illuminato dalla magia d'un bambino venuto da lontano per nascere proprio lì, in una qualunque comunità di culle vuote. Un bambino che, ovunque crescerà, potrà un giorno dire che in Italia esiste un paese, piccolo, sconosciuto ai più, ma gentile e accogliente, dov'è stato bello venire al mondo. Peccato solo che i giornali e la tv non ne abbiano parlato.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Quello che nessuna madre osa dire sul proprio figlio (ma che pensa davvero)
L'ironia langue quando una madre parla dei propri figli, per cui se non ne potete più di ritratti irreali di bambini perfetti, leggete qui...
Baby modella in sfilata
Storie
CONDIVIDI
Baby modelle, luci e ombre del backstage
C'è chi comincia da piccolissima, chi sogna di farlo anche da grande: un libro (e questa inchiesta) racconta le loro infanzie «da catalogo»
Storie
CONDIVIDI
Manterrupting: come liberarsi dalla brutta abitudine maschile di interrompere i nostri discorsi
Avete presente quella volta che un collega o un amico vi ha interrotte per dire la sua e voi siete rimaste lì, mortificate? Ebbene, siete...
Storie
CONDIVIDI
Che cos'è il manspreading e perché, almeno una volta, ne sei stata vittima anche tu
L'invasione machista dello spazio altrui è diventata tema di dibattito, al punto che in alcune città del mondo si stanno attivando divieti...
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...
Storie
CONDIVIDI
«Come mia sorella mi ha rubato il fidanzato»
Una pubblica umiliazione davanti alla famiglia intera è una sofferenza immensa, ma utile: ti insegna a perdere senza andare in pezzi