Brad e Angelina, cronaca di un divorzio (non) annunciato

​Dovevamo capirlo prima: lei santa a salvare il mondo, lui divo a produrre rosé, ecco perché non poteva funzionare

Più Popolare

È la fine di un'epoca. È la fine del mondo. È la fine del bene che vince sul male. Angelina Jolie ha chiesto il divorzio da Brad Pitt – avrete notato. E non l'ha fatto nella maniera che avremmo potuto immaginare, se avessimo potuto immaginare la fine della coppia più esemplare di sempre. Non ha fatto recapitare a un'istituzione del pettegolezzo un comunicato in cui, consensuali e rassegnati, entrambi si impegnavano a rimanere amici nell'interesse dei molteplici bambini. No. Angelina Jolie ha lasciato che fosse TMZ a dare la notizia – pubblicando la foto della petizione unilaterale – come succede solo per gli scandali maggiori.

Advertisement - Continue Reading Below

Il gossip, di questi tempi, è disciplina della scienza. Siccome si sviluppa perlopiù su internet – dove la gente ha un sacco di spazio da riempire, e documentato talento per le congetture – funziona come per i cani: ogni notizia ne vale sette. Dai tempi e dai modi del primo lancio su TMZ (quello che ha trasformato ogni attività produttiva sul pianeta in un barbarico "gasp") abbiamo pertanto dedotto che qualcosa di monumentale stava per accadere: lei era sola al comando, bella e spietata. E non chiedeva soldi, ma l'affidamento esclusivo dei figli «per la salute della famiglia». Brad è un pessimo padre, voleva farci sapere: passa la giornata a farsi le canne, e nelle pause dà di matto. Il divorzio è mio, e lo gestisco io.

Più Popolare

È troppo lungo farvi l'elenco delle dicerie a seguire – il non essere responsabili di una paginetta social rende la padronanza del flusso di notizie ancora più efficace – e francamente inutile: tra mezz'ora sarebbe da aggiornare. All'immagine di sconvoltone che si alza dal divano solo per inveire contro quei poveri bambini (irrobustita da una denuncia anonima per maltrattamenti a Maddox, quindicenne) Pitt ha cercato di contrapporre l'idea di una Jolie sconnessa dalla realtà, ieratica madre di selvaggi, incapace di imporre elementari forme di disciplina: «Lei non strilla mai» è quanto di più spaventoso si possa dire sul conto di una che ha sei figli. (A pari merito con: «Vuole portarli tutti a ricostruire la Siria»).

Intanto sono spuntate intorno suggestive ipotesi di tradimento – vi ricordate di Marion Cotillard? Ha girato Allied con Pitt in primavera, adesso è incinta del solito fidanzato, e con grande cura si è affrettata a smentire ogni sospetto sulla paternità – e l'immancabile rimando a Jennifer Aniston, che naturalmente augura a tutti pace e bene ma (è l'indiscrezione più credibile) si è concessa un brindisi all'infallibilità del karma, piccino picciò.

Insomma: divergenze insormontabili. Che avremmo potuto ricostruire, se avessimo letto con attenzione i giornali degli ultimi mesi: lei a salvare il mondo, lui provolone sui red carpet. (Ovvero: lei che che vuole prendere casa a Londra, e si affida a Arminka Helič, parlamentare bosniaca alla camera dei Lord, per liberarsi di ogni residua frivolezza; lui che si impunta per rimanere in Francia, a fare i ricconi e produrre rosé). O quantomeno: che avremmo potuto dedurre, prendendo alla lettera l'estenuante crisi coniugale messa in scena in By the Sea, il film in cui lei sta zitta e lui si ubriaca. Ma erano Brad Pitt e Angelina Jolie, santa pazienza. Divi patroni dell'amore universale. Com'è stato possibile?

In un'intervista a Us Weekly, 16 (fantastiliardi di) anni fa, Brad Pitt aveva espresso un'opinione molto precisa sul matrimonio: «Essere sposati significa poter rimanere tutto il giorno a letto a fare puzzette e mangiare gelato». Non particolarmente seducente, mi rendo conto, ma in linea con l'idea che avevamo di lui e del suo ménage di coppia: un eterno venerdì sera fuori corso, stravaccati a fumare erba e immaginare architetture impossibili. Era facile vivere allora, ogni ora. Poi è arrivata quell'invasata di Angelina, a caccia di un padre ideale da imporre agli infelici del mondo. Brad ci ha provato, a rinnegare la cialtronaggine e diventare adulto: «Ho buttato anni raggomitolato su un divano con uno spinello in mano. Patetico. Cercavo ruoli interessanti, ma non avevo una vita interessante. Come il mio matrimonio: fingevo fosse qualcosa che non era». (Jen, quel brindisi: fallo doppio). 

Ma c'è un numero finito di volte in cui puoi simulare un interesse per i rifugiati più genuino di quello per il motomondiale. Gli uomini non cambiano, figuriamoci le donne. Mentre Angelina lavorava alla propria beatificazione – la moglie martire, la madre mistica – Brad è diventato il grande Lebowski. Quando stai con una che accudisce l'umanità, abbaiare ai ragazzini è l'unica crisi di mezz'età possibile.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Italiani, popolo di ignoranti?
Un'indagine di Libreriamo mette in luce la scarsa propensione per la cultura e la lettura dei nostri connazionali
Storie
CONDIVIDI
Shampoo (r)evolution: i nuovi parrucchieri
I saloni sono diventati posti pieni di idee, dove tra phon e lavello si fanno corsi di storytelling, aperitivi e sfilate
Diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
A che punto siamo con i diritti delle donne?
Le conquiste femminili in Italia e nel mondo, tra passi in avanti e anacronismi (e divieti) senza senso
Storie
CONDIVIDI
Femminicidio: troppo facile dire raptus
Accoltellata dal compagno nel sonno: le dinamiche nascoste dietro queste tragedie che fanno delle donne delle cittadine di secondo grado
Storie
CONDIVIDI
Che tenero il koala che si chiama come Bowie!
Grazie ai suoi occhi (un rarissimo caso di eterocromia nei marsupiali) rende omaggio con il suo nome alla rockstar
Storie
CONDIVIDI
Cutting, mi taglio per stare bene
Le pratiche autolesioniste sono molto diffuse tra le adolescenti italiani, che talvolta postano persino le foto dei tagli sui social
Storie
CONDIVIDI
Non perdere la mostra dell'artista record Basquiat
Se passi da Roma visita l'esposizione del pittore morto giovane le cui opere valgono oggi decine di milioni di dollari
Storie
CONDIVIDI
Il mio primo bacio: da film o da incubo?
Alcuni lo ricordano come un sogno, altri come un disastro: le storie più curiose su Reddit
Storie
CONDIVIDI
Perché il 1° maggio è la festa dei lavoratori?
Questa data ha un significato che forse non sai: scopri la storia, gli slogan famosi e come si celebra nei diversi Paesi
Storie
CONDIVIDI
«Ero drogata, ora lavoro per aiutare gli altri»
Di droga si può guarire (e far guarire) anche facendo da spalla a chi sta cercando di uscirne, e così sono diventata una sober coach