7 divieti assurdi per le donne

Tra il ridicolo e il tragico: ecco una serie di cose incredibilmente vietate fino a pochi anni fa alle donne! Per esempio, fumare in pubblico

Più Popolare

1. Viaggiare in treno

Genevieve Bell, antropologa e direttrice dell'Intel Corporation's Interaction and Experience Research, ha detto che l'uso crescente del motore a vapore nei primi anni del 19° secolo ha prodotto un inusuale panico. Alcuni «esperti» ritenevano che il corpo delle donne non ce la facesse a viaggiare a 80 km orari. «Pensavano che i nostri uteri sarebbero schizzati fuori dai nostri corpi non appena il treno avesse raggiungo quella velocità», spiega Bell. 

Advertisement - Continue Reading Below

2. Stare in prima linea in guerra

Più Popolare

Il servizio militare Usa ha una lunga storia di limitazione della libertà delle donne. Ann Dunwoody, la prima donna generale ad avere quattro stelle nell'esercito statunitense, ricorda che nel 1980 c'era il divieto per le donne di usare mollette e forcine per i capelli sotto i caschi, perché si pensava che fossero pericolosi nel lanciarsi con il paracadute. Nel 1948, sebbene alle donne fosse permesso svolgere il servizio militare, era loro espressamente vietato essere in prima linea. Solo nel 2013 tale divieto è stato tolto perché, come ha detto il Segretario alla Difesa Leon E. Panetta: «Se le nostre militari sono qualificate per il lavoro, lo sono anche per servire la Patria sul campo».

3. Fumare in pubblico a New York

«Dopo oggi – si legge nell'edizione del 21 gennaio 1908 del New York Times – sarà contro la legge per un ristoratore, o chiunque gestisca un locale, permettere alle donne di fumare in pubblico». Anche se l'ordinanza venne approvata in fretta e furia, non mancarono delle proteste. Uno dei presenti alla discussione, John Henry Smith, disse che sarebbe stato molto meglio che il consiglio cittadino si occupasse dei disagi dei poveri e non di «cose senza senso» come una donna che fuma in un ristorante.

4. Correre nelle maratone

Per anni, la Amateur Athletic Union, la federazione sportiva statunitense che si occupa dell'organizzazione di vari campionati sportivi, ha vietato alle donne di correre nelle maratone. L'organizzazione, fondata per «promuovere la forma fisica», aveva anche diffuso un falso studio scientifico che sosteneva che la corsa su lunga distanza poteva causare infertilità nelle donne. Nel 1970 la federazione ha ceduto, permettendo che «alcune donne» potessero partecipare alle maratone.

5. Ottenere una carta di credito

A lungo nel 20° secolo le società di carte di credito hanno negato alle donne single di accedere alle loro linee di credito. Le carte, infatti, erano riservate agli uomini e alle donne sposate, che comunque dovevano avere la controfirma dei mariti. L'Equal Credit Opportunity Act del 1974 ha cambiato le cose, rendendo illegale qualunque discriminazione per motivi di razza, colore, religione, nazionalità, sesso o stato civile.

6. Fare parte di una giuria

Per una ventina d'anni, dal 1879 al 1898, alle donne è stato completamente vietato far parte delle giurie in tutti gli Stati Uniti. Poco prima dell'inizio del secolo scorso, lo Utah ha iniziato a cambiare le cose, ma si dovette giungere al 1927 perché la metà degli stati Usa permettesse alle donne di fare da giurate. Tra le varie motivazioni addotte per escludere le donne troviamo che non erano idonee ad ascoltare i dettagli delle cause penali, in particolare quelle che vertevano sui reati sessuali; che compito principale delle donne era quello di essere mogli e madri; che era improprio per le donne far parte delle giurie in quanto risultava disdicevole che uomini e donne passassero lunghi periodi insieme. Solo nel 1975 la Corte Suprema ha annullato il divieto per tutti gli Usa.

7. Diventare astronaute

Non c'è mai stato un divieto ufficiale per le donne astronaute, ma i metodi di reclutamento della Nasa di fatto hanno bloccato ogni possibilità per le donne in tal senso. Sul finire degli anni '50 e i primi anni '60, i responsabili della Nasa hanno deciso di accettare donne solo come piloti per i test militari. Ma visto che l'esercito Usa non permetteva alle donne di fare da pilota, di fatto non ce n'era nessuna nemmeno alla Nasa. Le cose sono andate avanti così fino al 1979, quando la Nasa ha assunto direttamente candidate donne da formare come astronaute. Nel 1983 Sally Ride è diventata la prima donna ad andare nello spazio.

Da: WomansDay
More from Gioia!:
Vita segreta delle mucche
Storie
CONDIVIDI
Perché il libro che racconta la vita segreta delle mucche può sorprendervi
Un'allevatrice inglese ha raccontato in un libro la vita dei bovini, che hanno caratteri e sentimenti: ce ne parla qui
Storie
CONDIVIDI
Elle Decor Grand Hotel The Open House, le foto della festa
Ha aperto a Palazzo Morando di Milano Elle Decor Grand HotelThe Open House, il progetto espositivo di Elle Decor Italia dedicato al...
Storie
CONDIVIDI
Esquire Italia, il cocktail party di presentazione dell'edizione italiana del maschile di casa Hearst
Hearst ha presentato l'edizione italiana del maschile Esquire durante un cocktail party alle Gallerie D'Italia in Piazza Scala per dare il...
Gala Hearst, il video della serata al Teatro alla Scala di Milano
Storie
CONDIVIDI
Gala Hearst: il video della serata esclusiva
Hearst Italia ha festeggiato gli anniversari di Gioia!, Gente, Elle Italia e Marie Claire con un evento speciale: Placido Domingo ha...
Gala Hearst: concerto Placido Domingo
Storie
CONDIVIDI
Gala Hearst: le foto della serata
Hearst Italia ha festeggiato gli anniversari di Gioia!, Gente, Elle e Marie Claire con una serata speciale al Teatro alla Scala: tutti i...
Storie
CONDIVIDI
Maria Callas in scena: il vernissage della serata esclusiva di Hearst Italia e Teatro alla Scala di Milano
Le foto della serata evento che ha inaugurato la mostra dedicata al grande soprano
Maria Callas in scena: gli anni alla Scala - Mostra, anniversario Hearst
Storie
CONDIVIDI
Hearst celebra 4 dei suoi magazine con 2 eventi da non perdere al Teatro alla Scala
Tutto pronto per i grandi festeggiamenti di Gioia!, Gente, Elle Italia e Marie Claire Italia, quattro magazine che insieme rappresentano...
Storie
CONDIVIDI
Cristina Bowerman: dalla giurisprudenza alla cucina, come si diventa chef (stellati)
La chef, in occasione del Festival della Comunicazione, ci ha raccontato una storia di successo: la sua, fatta di passione, coraggio e...
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: ai raptus di gelosia non crediamo più
Dietro ai femminicidi c'è una cultura che rende possibile arrabbiarsi e ferire a morte: ecco perché serve fare prevenzione nelle scuole
Storie
CONDIVIDI
Abby Stein, nata due volte: da rabbino a donna attivista transgender
Non si è mai sentita un maschio, ma non sapeva cosa significasse «transgender»: l'ha imparato diventando donna, come ci racconta qui