Calciatori gay, perché nessuno fa coming out?

Ci sono gay nel mondo del calcio? Molto probabilmente sì, ma qualche giocatore italiano si è mai dichiarato? Scopriamo di più e perché è molto difficile uscire allo scoperto, a parte casi rarissimi

Più Popolare

Da sempre l'omosessualità nel mondo del calcio è considerata un tabù. Si ha come la presunzione di pensare che non ci siano calciatori gay, ma è solo una falsa convinzione che non ci fa aprire gli occhi davanti alla realtà. Viene considerato uno sport di soli uomini e visto da sempre quindi come virile. Proviamo a fare qualche considerazione a riguardo. Immaginate per un momento che in Italia la percentuale di uomini gay sia del 2 per cento (un dato sicuramente esagerato per difetto): considerando che solo nel campionato italiano militano centinaia di giocatori, per la legge dei grandi numeri è matematico che qualche calciatore sia omosessuale. Purtroppo a differenza di altri paesi, in Italia, è ancora molto difficile fare coming out a causa di numerosi pregiudizi a riguardo

Advertisement - Continue Reading Below

Coming out famosi di calciatori

Ad oggi sono pochi i giocatori di calcio che si sono dichiarati gay, sempre per il motivo che questo mondo è ancora guidato da pregiudizi. Nonostante tutto, qualcuno ha avuto il coraggio di fare il primo passo e uscire allo scoperto: uno degli esempi più famosi è quello di Justin Fashanu. Giocatore della Premier League inglese, ha fatto coming out, ma la sua storia è finita con una tragedia: si è purtroppo suicidato a fine anni 90, in seguito alle pressioni e disapprovazioni del mondo del calcio e anche di suo fratello. Altri esempi più recenti sono quelli di  Thomas Hitzlsperger, che in Germania si è anche guadagnato i complimenti di Angela Merkel, Robbie Rogers, giocatore del Los Angeles Galaxy in America e Liam Davis, giocatore inglese famoso per aver detto che nei prossimi anni non sarà l'unico a dichiararsi. 

Più Popolare

Un solo calciatore italiano che è uscito allo scoperto

Così nella scia di queste dichiarazioni negli altri campionati, i media stanno cercando di indagare se anche nel campionato italiano di serie A militano calciatori gay. L'unico esempio che possiamo citare e raccontare è quello di Giovanni Licchello, giovane ex calciatore di serie minori che ha però scelto di abbandonare la strada calcistica per poi essere eletto nel 2013 Mister Gay. Sempre nel 2013, Licchello ha rilasciato un'intervista a Sky Sport dove ha confermato di aver vissuto la sua carriera calcistica recitando una parte per soddisfare le richieste di un ambiente molto maschilista che però non gli apparteneva. Nella speranza che in un prossimo futuro i calciatori possano essere giudicati soltanto per le loro doti tecniche e non per le scelte sessuali

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...
Storie
CONDIVIDI
«Come mia sorella mi ha rubato il fidanzato»
Una pubblica umiliazione davanti alla famiglia intera è una sofferenza immensa, ma utile: ti insegna a perdere senza andare in pezzi
Storie
CONDIVIDI
«Se i miei figli non crescono, io torno ragazza»
Le nostre mamme avevano la sindrome del nido vuoto, i miei figli invece restano accampati a casa, nel caos
Storie
CONDIVIDI
Italiani, popolo di ignoranti?
Un'indagine di Libreriamo mette in luce la scarsa propensione per la cultura e la lettura dei nostri connazionali
Storie
CONDIVIDI
Shampoo (r)evolution: i nuovi parrucchieri
I saloni sono diventati posti pieni di idee, dove tra phon e lavello si fanno corsi di storytelling, aperitivi e sfilate
Diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
A che punto siamo con i diritti delle donne?
Le conquiste femminili in Italia e nel mondo, tra passi in avanti e anacronismi (e divieti) senza senso