Sex and The City: 7 bugie che Carrie Bradshaw ci ha raccontato

Sembrava davvero spensierata e alla moda la vita di una giornalista freelance single a New York, ma forse la realtà era un po' diversa

Più Popolare

Non vi siete perse una puntata di Sex and the City e, a un certo punto, avete creduto che la vita di Carrie Bradshaw fosse davvero invidiabile. Per un attimo avete pensato di trasferirvi a New York, diventare una scrittrice e trovare pure il vostro Mr. Big, vedervi con le amiche ogni domenica per un brunch e spettegolare su chiunque.

Non si può negare che Carrie Bradshaw è stata davvero brava a raccontare la giornata splendida di una donna single e la vita glamour a Manhattan indossando scarpe firmate alla moda ogni giorno, incontrando uomini attraenti, facendo credere che il lavoro di freelance sia retribuito con uno stipendio che permette di pagare ogni desiderio, compresa una cabina armadio da sogno!

Advertisement - Continue Reading Below

Non so voi, ma io che vivo a Manhattan (e non ho lo spazio per un armadio come il suo e non incontro così spesso uomini da urlo), ho capito una cosa: in realtà, Carrie Bradshaw è una gran bugiarda. Sedotti dalla sua vita, ha ingannato davvero tutti nel credere di poter avere quello che ha lei. Sbagliato. Ecco le 7 bugie che ci ha raccontato.

1) È semplice incontrare uomini a New York! La verità: se siete una donna single in città,  è davvero difficile conoscere un uomo che possa interessarvi, anzi saranno davvero pochi quelli per cui vale la pena uscire per un primo appuntamento. Non vi capiterà quasi mai di dover decidere tra due uomini da sogno, caso mai tra i due più decenti. 

Più Popolare

2) Non avrete nessun problema se spenderete tutto lo stipendio per le scarpe e non per l'affitto. No, purtroppo il vostro padrone di casa non capirà mai l'amore sconsiderato per un paio di Manolo Blahnik. E dovete anche sapere che il vostro conto corrente funziona come la vita umana: sopravvive finchè ci sono i soldi. Poi muore.

3) Potete permettervi e trovare facilmente un appartamento in Upper East Side talmente grande da avere una cabina armadio. Non ci sono coinquilini, nessun topo, camere separate per tutto? Impossibile: l'appartamento di Carrie Bradshaw non esiste, tutto è una grande bugia. 

4) Non dovete mai prendere i mezzi pubblici quando ci sono taxi ovunque! Le corse in taxi non sono gratuite e non sono la soluzione ideale per uno scrittore in termini economici. La verità: vi ritroverete in metropolitana su un treno affollato e con la puzza di sudore. Chic, no?

5) Potete camminare in città con un tacco 12. Quelle scarpe da sogno firmate non sono proprio l'ideale per chi deve prendere la metropolitana, camminare su marciapiedi, evitare le pozzanghere tutti i giorni.  

6) Sarete sempre soddisfatti di spendere soldi per lo shopping invece del cibo. Nessuno nella storia del genere umano è mai stato felice di acquistare una rivista di moda invece che mangiare del cibo. 

7Si può vivere a New York scrivendo solo un articolo a settimana. La più grande bugia di tutte: impossibile.

Da: HarpersBAZAAR
More from Gioia!:
Molestie Fausto Brizzi
Storie
CONDIVIDI
Molestie: con Brizzi lo scandalo arriva in Italia, e ora?
I nomi emersi fin qui sono solo la punta di un iceberg, che non riguarda solo il cinema: come difenderci? Ripartendo da noi
Storie
CONDIVIDI
Noi, italiani expat a Barcellona, vi parliamo della Catalogna
Sono arrivati anni fa in una città accogliente e cosmopolita: ora ci raccontano la (difficile) quotidianità del capoluogo catalano
Donne potere leadership femminile
Storie
CONDIVIDI
Ragazze con i superpoteri
Cosa succederebbe se fossero le giovani donne a governare il mondo? Potrebbero riscrivere le regole del potere
Calendario Pirelli 2018 Duckie Thot
Storie
CONDIVIDI
Calendario Pirelli 2018: Alice si fa black
Presentato a New York e firmato da Tim Walker è un manifesto al tema dell'inclusione e un inno alla diversità
Ho 13 anni e sono una bulla
Storie
CONDIVIDI
"Ho 13 anni e sono una bulla": la testimonianza shock
Mentre Amnesty International lancia una campagna contro il bullismo, una ragazza ci ha raccontato come ci si ammala di violenza
Violenza sulle donne denuncia
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: "Lo denuncio, e dopo?"
Molte vittime si rivolgono all'autorità giudiziaria, ma per proteggerle ci vorrebbe un processo veloce e adeguato: ne parla un corto
Molestie sessuali metoo confessione
Storie
CONDIVIDI
"Non sapevo con che occhi guardarmi: vittima o carnefice di me stessa"
La testimonianza di una lettrice all'insegna dell'hashtag #metoo: "A 24 anni non avevo chiaro che stavo subendo una molestia"
Millennials calo nascite Italia motivi
Storie
CONDIVIDI
Cosa fa paura alle millennial che non fanno figli?
Lo abbiamo chiesto alle dirette interessate, mentre le statistiche consegnano l'Italia a un destino di culle vuote
Molestie sessuali  campagna dauomoauomo
Storie
CONDIVIDI
Violenza di genere: l'invito agli uomini a dirsi contro
Il terremoto Weinstein ha aperto ovunque crepe profonde: anche in Italia, dove arriva una campagna che passa il testimone ai maschi
influencer-dalle-uova-d-oro-danielle-bernstein-camila-coehlo-aimee-song
Storie
CONDIVIDI
Influencer dalle uova d'oro
Basta che in un post indossino un abito perché diventi subito sold out: viaggio tra i nuovi guru del fashion system