Sex and The City: 7 bugie che Carrie Bradshaw ci ha raccontato

Sembrava davvero spensierata e alla moda la vita di una giornalista freelance single a New York, ma forse la realtà era un po' diversa

Più Popolare

Non vi siete perse una puntata di Sex and the City e, a un certo punto, avete creduto che la vita di Carrie Bradshaw fosse davvero invidiabile. Per un attimo avete pensato di trasferirvi a New York, diventare una scrittrice e trovare pure il vostro Mr. Big, vedervi con le amiche ogni domenica per un brunch e spettegolare su chiunque.

Non si può negare che Carrie Bradshaw è stata davvero brava a raccontare la giornata splendida di una donna single e la vita glamour a Manhattan indossando scarpe firmate alla moda ogni giorno, incontrando uomini attraenti, facendo credere che il lavoro di freelance sia retribuito con uno stipendio che permette di pagare ogni desiderio, compresa una cabina armadio da sogno!

Advertisement - Continue Reading Below

Non so voi, ma io che vivo a Manhattan (e non ho lo spazio per un armadio come il suo e non incontro così spesso uomini da urlo), ho capito una cosa: in realtà, Carrie Bradshaw è una gran bugiarda. Sedotti dalla sua vita, ha ingannato davvero tutti nel credere di poter avere quello che ha lei. Sbagliato. Ecco le 7 bugie che ci ha raccontato.

1) È semplice incontrare uomini a New York! La verità: se siete una donna single in città,  è davvero difficile conoscere un uomo che possa interessarvi, anzi saranno davvero pochi quelli per cui vale la pena uscire per un primo appuntamento. Non vi capiterà quasi mai di dover decidere tra due uomini da sogno, caso mai tra i due più decenti. 

Più Popolare

2) Non avrete nessun problema se spenderete tutto lo stipendio per le scarpe e non per l'affitto. No, purtroppo il vostro padrone di casa non capirà mai l'amore sconsiderato per un paio di Manolo Blahnik. E dovete anche sapere che il vostro conto corrente funziona come la vita umana: sopravvive finchè ci sono i soldi. Poi muore.

3) Potete permettervi e trovare facilmente un appartamento in Upper East Side talmente grande da avere una cabina armadio. Non ci sono coinquilini, nessun topo, camere separate per tutto? Impossibile: l'appartamento di Carrie Bradshaw non esiste, tutto è una grande bugia. 

4) Non dovete mai prendere i mezzi pubblici quando ci sono taxi ovunque! Le corse in taxi non sono gratuite e non sono la soluzione ideale per uno scrittore in termini economici. La verità: vi ritroverete in metropolitana su un treno affollato e con la puzza di sudore. Chic, no?

5) Potete camminare in città con un tacco 12. Quelle scarpe da sogno firmate non sono proprio l'ideale per chi deve prendere la metropolitana, camminare su marciapiedi, evitare le pozzanghere tutti i giorni.  

6) Sarete sempre soddisfatti di spendere soldi per lo shopping invece del cibo. Nessuno nella storia del genere umano è mai stato felice di acquistare una rivista di moda invece che mangiare del cibo. 

7Si può vivere a New York scrivendo solo un articolo a settimana. La più grande bugia di tutte: impossibile.

Da: HarpersBAZAAR
More from Gioia!:
oscar: discorsi memorabili degli attori vincitori
Storie
CONDIVIDI
Come si ringrazia quando si prende l'Oscar?
Pochi secondi per dire qualcosa: ecco i ringraziamenti dei vincitori degli Academy Awards entrati nella storia
Storie
CONDIVIDI
Single è meglio: lo dice la scienza!
Lo stereotipo vuole che le persone non in coppia siano tristi e sole, ma ora una ricercatrice spiega che non se la passano male
super bowl 2017: le foto più belle delle celeb su Instagram
Storie
CONDIVIDI
Il Super Bowl 2017 raccontato dalle celeb
Da Lady Gaga a Emily Ratajkowski, ecco le foto su Instagram che hanno fatto touchdown nei nostri cuori
Il MoMA contro il Muslim Ban di Trump
Storie
CONDIVIDI
Arte vs Trump: la protesta del Moma
Il Museo d'arte moderna di New York si ribella alla chiusura delle frontiere ed espone opere dei Paesi non graditi
Storie
CONDIVIDI
«Come si fa a vivere da separati in casa?»
A chi me lo chiede rispondo così: si fa, per amore delle bambine, e alla fine ci si abitua! Ha il sapore di un avanzo, ma è pur sempre cibo
Dal 20 gennaio 2017 Donald Trump è il presidente degli USA: mentre la first family impara la parte, noi abbiamo dato le pagelle ai protagonisti dell'Inauguration Day.
Storie
CONDIVIDI
Donald Trump & Co.: le pagelle del debutto
Alla Casa Bianca cambia tutto: arredi in oro zecchino, tanti nipotini, e una first family che deve ancora imparare la parte
Storie
CONDIVIDI
Che cosa ti tocca fare se sei una escort
Le richieste più strane dei clienti raccontate in prima persona dalle professioniste del sesso sulla piattaforma di Reddit
Storie
CONDIVIDI
Le marce delle donne prima della Women's march
Da quella della rivoluzione francese fino al recente Black monday polacco, ecco 5 momenti storici per i diritti delle donne
Donald Trump inauguration ball 2017
Storie
CONDIVIDI
Vi siete perse l'Inauguration day?
No problem: ecco la fotostoria dell'insediamento di Donald Trump come 45° presidente degli Stati Uniti
Storie
CONDIVIDI
Le foto della marcia delle donne contro Trump
La Women's march ha preso piede in ogni angolo della Terra: la protesta pacifica di donne, uomini e bambini