Sex and The City: 7 bugie che Carrie Bradshaw ci ha raccontato

Sembrava davvero spensierata e alla moda la vita di una giornalista freelance single a New York, ma forse la realtà era un po' diversa

Più Popolare

Non vi siete perse una puntata di Sex and the City e, a un certo punto, avete creduto che la vita di Carrie Bradshaw fosse davvero invidiabile. Per un attimo avete pensato di trasferirvi a New York, diventare una scrittrice e trovare pure il vostro Mr. Big, vedervi con le amiche ogni domenica per un brunch e spettegolare su chiunque.

Non si può negare che Carrie Bradshaw è stata davvero brava a raccontare la giornata splendida di una donna single e la vita glamour a Manhattan indossando scarpe firmate alla moda ogni giorno, incontrando uomini attraenti, facendo credere che il lavoro di freelance sia retribuito con uno stipendio che permette di pagare ogni desiderio, compresa una cabina armadio da sogno!

Advertisement - Continue Reading Below

Non so voi, ma io che vivo a Manhattan (e non ho lo spazio per un armadio come il suo e non incontro così spesso uomini da urlo), ho capito una cosa: in realtà, Carrie Bradshaw è una gran bugiarda. Sedotti dalla sua vita, ha ingannato davvero tutti nel credere di poter avere quello che ha lei. Sbagliato. Ecco le 7 bugie che ci ha raccontato.

1) È semplice incontrare uomini a New York! La verità: se siete una donna single in città,  è davvero difficile conoscere un uomo che possa interessarvi, anzi saranno davvero pochi quelli per cui vale la pena uscire per un primo appuntamento. Non vi capiterà quasi mai di dover decidere tra due uomini da sogno, caso mai tra i due più decenti. 

Più Popolare

2) Non avrete nessun problema se spenderete tutto lo stipendio per le scarpe e non per l'affitto. No, purtroppo il vostro padrone di casa non capirà mai l'amore sconsiderato per un paio di Manolo Blahnik. E dovete anche sapere che il vostro conto corrente funziona come la vita umana: sopravvive finchè ci sono i soldi. Poi muore.

3) Potete permettervi e trovare facilmente un appartamento in Upper East Side talmente grande da avere una cabina armadio. Non ci sono coinquilini, nessun topo, camere separate per tutto? Impossibile: l'appartamento di Carrie Bradshaw non esiste, tutto è una grande bugia. 

4) Non dovete mai prendere i mezzi pubblici quando ci sono taxi ovunque! Le corse in taxi non sono gratuite e non sono la soluzione ideale per uno scrittore in termini economici. La verità: vi ritroverete in metropolitana su un treno affollato e con la puzza di sudore. Chic, no?

5) Potete camminare in città con un tacco 12. Quelle scarpe da sogno firmate non sono proprio l'ideale per chi deve prendere la metropolitana, camminare su marciapiedi, evitare le pozzanghere tutti i giorni.  

6) Sarete sempre soddisfatti di spendere soldi per lo shopping invece del cibo. Nessuno nella storia del genere umano è mai stato felice di acquistare una rivista di moda invece che mangiare del cibo. 

7Si può vivere a New York scrivendo solo un articolo a settimana. La più grande bugia di tutte: impossibile.

Da: HarpersBAZAAR
More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...
Storie
CONDIVIDI
«Come mia sorella mi ha rubato il fidanzato»
Una pubblica umiliazione davanti alla famiglia intera è una sofferenza immensa, ma utile: ti insegna a perdere senza andare in pezzi
Storie
CONDIVIDI
«Se i miei figli non crescono, io torno ragazza»
Le nostre mamme avevano la sindrome del nido vuoto, i miei figli invece restano accampati a casa, nel caos
Storie
CONDIVIDI
Italiani, popolo di ignoranti?
Un'indagine di Libreriamo mette in luce la scarsa propensione per la cultura e la lettura dei nostri connazionali
Storie
CONDIVIDI
Shampoo (r)evolution: i nuovi parrucchieri
I saloni sono diventati posti pieni di idee, dove tra phon e lavello si fanno corsi di storytelling, aperitivi e sfilate
Diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
A che punto siamo con i diritti delle donne?
Le conquiste femminili in Italia e nel mondo, tra passi in avanti e anacronismi (e divieti) senza senso
Storie
CONDIVIDI
Femminicidio: troppo facile dire raptus
Accoltellata dal compagno nel sonno: le dinamiche nascoste dietro queste tragedie che fanno delle donne delle cittadine di secondo grado