Roger Federer vince (anche) Miami: 2017 oltre la leggenda

Il tennista di Basilea batte Rafa Nadal in finale a Key Biscane, vince il terzo torneo del 2017 dopo gli Australian Open e Indian Wells, guadagna la quarta posizione nella classifica ATP

Più Popolare

La verità è bellezza, la bellezza è verità (John Keats). Se circoscrivere l'abilità tennistica di Roger Federer è diventato ormai impossibile, per descrivere la metafisica dei suoi gesti bisogna far ricorso a categorie di pensiero riservate all'arte e alla filosofia. Anzi no, basta guardare le foto al termine dell'ultima prova vinta nell'annus mirabilis 2017, quello della Resurrezione del maestro di Basilea, che dopo una sosta forzata per problemi fisici di sei mesi, sulla soglia dei 36 anni, si è concesso l'impossibile per chiunque altro: Australian open a gennaio, Indian Wells a marzo e Key Biscane a inizio aprile. Le foto, dicevamo. Roger a fine partita, esultante: un albatros a terra, coi lineamenti ordinari, il naso sbilanciato su un sorriso largo ma decisamente imperfetto. E Roger in partita, nel mezzo del gesto atletico: un albatros in volo, bello di una bellezza apollinea, le braccia come ali maestose, la linea degli occhi perpendicolare a quella del naso, la bocca schiusa e perfetta, mai una goccia di sudore: come se nulla, nemmeno l'intensità dello sforzo, potesse scomporre l'armonia irraggiungibile di ogni suo colpo.

Advertisement - Continue Reading Below

C'è chi ha provato a trovare una teoria del tutto, come lo scrittore americano David Foster Wallace in un memorabile articolo pubblicato dal New York Times – Roger Federer as religious experience – riassunto: certi colpi non si spiegano con le leggi della fisica terrena, sono la Rivelazione di un'Essenza superiore. Roger Federer ha vinto battendo Rafa Nadal per la seconda volta in finale, la terza sulla sua nemesi tennistica dall'inizio di quest'anno. Grazia e impeto, Apollo e Dioniso, una rivalità che, al di là dei numeri, esprimeva un equilibrio inespugnabile e rivelava, secondo alcuni, l'unico vero limite di Roger: troppa bellezza. Una perfezione alla soglia della ieraticità. Fino a ieri.

Le due divinità si sono riunite, nell'anno di grazia 2017. In questo semidio ormai superiore a un dio, capace di fermarsi dopo una finale a Wimbledon, di per sé un traguardo per molti ma non per tutti e certamente non per lui. Capace di soffrire, finalmente, di allontanarsi dalla Terra come fece Astolfo nell'Orlando Furioso, per raggiungere la sua Luna e trovare tutto ciò che si era perso, o che forse gli era sempre mancato, qui: il suo lato selvaggio, un'incontrollabile voracità dionisiaca. Sublimata in una grazia ancora superiore, in una classe se possibile ancor più cristallina perché sostenuta, nelle retrovie, dalla perdita di ogni inibizione, di ogni posta in palio, di ogni limite imposto dalla decenza e dall'età.

Più Popolare

Non lo conosco personalmente, ma dicono che sia un ragazzo semplice, Roger. Di certo non uno che parlerebbe in terza persona del suo corpo, come invece ha fatto nell'ultima conferenza stampa: «Il mio corpo ha bisogno di riposare e non giocherà altri tornei, sulla terra battuta, al di fuori di Roland Garros». Presunzione? Non credo. Credo invece che Federer abbia capito che il suo corpo e il suo talento trascendono la sua persona fisica, pur essendo un tutt'uno con essa. Sono altro rispetto al ragazzo cresciuto che gioca ancora alla Playstation, che di rado concede interviste, se non a corredo di un servizio moda sulle pagine patinate di certi magazine, e le cui sponsorizzazioni valgono quanto «il pil di un piccolo Paese africano», come scriveva un collega qualche tempo fa. Roger sa di non appartenere più soltanto a se stesso, ma a tutti coloro che hanno e avranno la fortuna di ammirarne le gesta sportive per capire qualcosa di più sul senso della vita. Se non sbaglio, signori, questa si chiama arte.

More from Gioia!:
Personaggi
CONDIVIDI
Bobo Vieri e Costanza Caracciolo sono terribilmente crazy in love (ma non si erano lasciati?)
#bobococo sono una cosa sola e hanno un messaggio speciale per gli invidiosi
Personaggi
CONDIVIDI
Svelati i segreti più intimi del matrimonio tra Lady Diana e il principe Carlo
Pensavamo di sapere tutto del royal wedding tra lady D e Carlo eppure ci sono ben 12 segreti, tra cui una promessa mai mantenuta, che solo...
Personaggi
CONDIVIDI
Kate Bosworth e quel (bellissimo) difetto agli occhi che faceva impazzire Orlando Bloom
Meravigliosa Kate
Personaggi
CONDIVIDI
Caro James Franco, tuo fratello minore Dave è molto meglio di te (al cinema soprattutto)
Diventato famosa all'ombra del celebre fratello, ora l'attore classe 1985 brilla di luce propria
Personaggi
CONDIVIDI
Rocío Muñoz Morales ovvero l'Immatura più caliente del pianeta che deve tutto (il suo amore) a Raoul Bova
Alla soglia dei 30 anni, compagna di un certo Raoul Bova, e mamma di Luna, l'attrice spagnola ci insegna che a seguire i sentimenti non si...
Personaggi
CONDIVIDI
Frances Bean Cobain figlia di Kurt e Courtney Love, dopo la dipendenza da alcol oggi ha trovato il Nirvana
Da crisalide a farfalla, la (splendida) metamorfosi della figlia delle due leggende del rock a stelle e strisce
Personaggi
CONDIVIDI
Audrey Hepburn inedita nelle foto intime degli anni d'oro a Hollywood scattate da Bob Willoughby
Parlava 5 lingue e si ricaricava passando intere giornate da sola, storia -fotografica- di una dea
Personaggi
CONDIVIDI
Come e quanto influisce il potere della Regina Elisabetta e della Royal Family sul mondo intero?
La Regina Elisabetta II può un sacco di cose ed è per questo che devi sapere quali sono i poteri che tutt'oggi la famiglia reale inglese...
Personaggi
CONDIVIDI
Debra Winger da folle stunt-woman a follemente persa per Richard Gere, biografia di un'attrice da Oscar
Anti diva da sempre e da sempre lontana da red carpet e riflettori, tutto sulla mitica Debra Winger
Personaggi
CONDIVIDI
Barbara D'Urso e Patrick Dempsey insieme? Quando la dottoressa Giò incontra Dereck Shepherd...
A vent'anni dall'ultima stagione, rivive in tv il cult degli anni 90 con Barbara D'urso e (pare) la star di Grey's Anatomy