Isabelle Huppert racconta in un'intervista l'arte di essere invisibile (e misteriosa)

​Metti un condominio di periferia, dove un'attrice non più giovane vive sperando che nessuno la riconosca: è il suo ruolo in un film francesissimo, Il condominio dei cuori infranti, che l'ha affascinata subito (è c'è un perché)

Più Popolare

All'ultimo festival di Cannes ha suscitato molta curiosità. In effetti, Il condominio dei cuori infranti (ora nelle sale) è un film sui generis. Primo perché il regista è Samuel Benchetrit, affascinante scrittore 40enne, ex compagno di Marie Trintignant e di Anna Mouglalis, capace di manovrare con la stessa abilità cinepresa e penna. Poi perché la pellicola trasforma quella che avrebbe potuto essere la classica storia degli inquilini di un palazzo in un racconto surreale, leggero come una piuma, ambientato in una periferia straniante. E non ultimo perché una degli interpreti è l'iconica Isabelle Huppert. Il che significa che il film è sofisticato, particolare, très intello. Gioca sul non detto, sul mistero, come la Huppert in ogni intervista. Provare a chiederle qualcosa sui suoi tre figli, suo marito (Ronald Chammah) o le sue passate relazioni (negli anni '80 è stata legata a Daniel Toscan Du Plantier, grande capo della Gaumont) significa farla chiudere in un rigoroso silenzio. Meglio partire dal film.

Advertisement - Continue Reading Below
Isabelle Huppert in una scena del film Il condominio dei cuori infranti, di Samuel Benchetrit.
Più Popolare

Qual è stata la sua prima reazione quando ha letto la sceneggiatura?

Mi è venuta voglia di accettare subito. I dialoghi erano meravigliosi, poetici, divertenti, minimalisti. Si vede che Samuel è uno scrittore. C'è qualcosa che ti cattura.

Provi a definire cos'è...

Tutto ciò che è l'inatteso nella vita, ciò che può nascere da piccolissime cose, dettagli, dal caso. Il film è fatto di atmosfere: i colori delle periferie, il vuoto delle loro strade, il cielo sempre più o meno uguale, i rumori…

Chi è Jeanne Mayer, il suo personaggio?

È un'attrice che non ha più voglia di esserlo. Qualcuno che si è arenato in questo condominio, che ha tagliato i ponti con la vita. Qualcuno che, proprio a causa del suo mestiere, ha un passato ancora visibile, ma che vuole dimenticare.

Lei nel film incontra Charly, il figlio 17enne del regista. Che tipo di coppia siete?

È buffo perché non abbiamo affatto la stessa età, ma in breve tempo, diventiamo davvero un po' come una coppia. Non c'è nulla di materno nel rapporto che si sviluppa tra di noi, anche se lo spettatore subito pensa a quello.

Sì, ma il monologo che lei recita guardando in macchina è tutto sulla maternità…

È vero, ma è un discorso sull'amore anche in senso lato, sul femminile, sul sentire delle donne. Sono parole che soltanto una donna conosce.

Cosa c'è di lei in Jeanne Meyer?

A tutti capita di attraversare un tempo di sospensione, di voler rompere con una parte di sé. E forse a un attore più che ad altri.

Lei ha detto che recitare è come una terapia psicanalitica. Conferma?

No, questo di solito lo dicono gli attori. Come se a esplorare certe parti di sé uno alla fine non capisse più bene chi è. No, io quello che so, lo so, e viceversa. Direi che nella vita sono assolutamente normale e la mia parte di follia la confino sullo schermo.

Però in analisi c'è andata, per sei anni, l'ha raccontato una volta a Paris Match

Sì, quando ero più giovane.

Ha anche detto di soffrire di claustrofobia…

Se resto chiusa in un ascensore ho veri attacchi di panico.

Sa che è famosa perché non racconta mai nulla di sé?

Suppongo che il tacere nutra il mio mistero. Ma l'essere silenziosa è un talento che mi viene da mio padre.

Suo padre era un imprenditore, sua madre un'insegnante e una pianista. Da lei cosa ha preso?

La curiosità, la voglia di conoscere e una certa impazienza.

È anche avventurosa: ama lavorare con nuovi talenti…

Scelgo buoni ruoli in buoni film, non sono qui per aiutare nessuno. La mia motivazione è lavorare con registi interessanti, conosciuti o no fa poca differenza. Certo, se mi chiama Haneke non leggo neppure lo script. 

More from Gioia!:
Justin Trudeau
Personaggi
CONDIVIDI
Quel lato B perfetto di Justin Trudeau
Tutto è cominciato per scherzo, ma il tweet con il fondoschiena del primo ministro del Canada ha fatto il giro della rete
amal clooney pancione
Personaggi
CONDIVIDI
Amal Clooney in bianco svela il pancione
La moglie di George Clooney è davvero incinta! La conferma dal red carpet dei César Awards, dove indossava un abito di Versace
chiaa ferragni
Personaggi
CONDIVIDI
Impossibile non notare Chiara Ferragni!
Era in prima fila alla sfilata di Fendi e il suo stile è riconoscibile tra mille: tutte le altre influncer in front row a Milano
Personaggi
CONDIVIDI
Melania Trump immigrata a rischio espulsione?
Con la politica di Trump sull'immigrazione anche sua moglie, modella di origini slovene, non sarebbe entrata negli Usa
Il principe William d'Inghilterra
Personaggi
CONDIVIDI
William e la difesa dei diritti gay
Dopo essere comparso sulla copertina di una rivista gay, il principe è canditato a un premio per chi è impegnato nella causa Lgbt
paris hilton amore
Personaggi
CONDIVIDI
Un attore ruba il cuore di Paris Hilton
L'ereditiera si è innamorata di Chris Zylka, ecco chi è: scopri tutti i flirt, colpi di fulmine e rotture del 2017
Personaggi
CONDIVIDI
Andrew Garfield pacifista verso l'Oscar?
L'attore ha avuto una nomination per il suo ruolo di un medico obiettore nel film La battaglia di Hacksaw Ridge, regia di Mel Gibson
lana del rey
Personaggi
CONDIVIDI
Che fine ha fatto Lana Del Rey?
Più famosa per lo stile che per le sue canzoni, la cantante torna con un nuovo singolo che è già un successo
Personaggi
CONDIVIDI
Cindy Crawford, splendida cinquantenne
In onore del compleanno della supermodel, che cade oggi 21 febbraio, scopri le sue foto più iconiche
zoe saldana mamma
Personaggi
CONDIVIDI
Zoe Saldana è diventata mamma
L'attrice e il marito Marco Perego hanno annunciato la nascita del erzo figlio, ma anche Geri Halliwell e Janet Jackson hanno un bebè