Isabelle Huppert racconta in un'intervista l'arte di essere invisibile (e misteriosa)

​Metti un condominio di periferia, dove un'attrice non più giovane vive sperando che nessuno la riconosca: è il suo ruolo in un film francesissimo, Il condominio dei cuori infranti, che l'ha affascinata subito (è c'è un perché)

Più Popolare

All'ultimo festival di Cannes ha suscitato molta curiosità. In effetti, Il condominio dei cuori infranti (ora nelle sale) è un film sui generis. Primo perché il regista è Samuel Benchetrit, affascinante scrittore 40enne, ex compagno di Marie Trintignant e di Anna Mouglalis, capace di manovrare con la stessa abilità cinepresa e penna. Poi perché la pellicola trasforma quella che avrebbe potuto essere la classica storia degli inquilini di un palazzo in un racconto surreale, leggero come una piuma, ambientato in una periferia straniante. E non ultimo perché una degli interpreti è l'iconica Isabelle Huppert. Il che significa che il film è sofisticato, particolare, très intello. Gioca sul non detto, sul mistero, come la Huppert in ogni intervista. Provare a chiederle qualcosa sui suoi tre figli, suo marito (Ronald Chammah) o le sue passate relazioni (negli anni '80 è stata legata a Daniel Toscan Du Plantier, grande capo della Gaumont) significa farla chiudere in un rigoroso silenzio. Meglio partire dal film.

Advertisement - Continue Reading Below
Isabelle Huppert in una scena del film Il condominio dei cuori infranti, di Samuel Benchetrit.
Più Popolare

Qual è stata la sua prima reazione quando ha letto la sceneggiatura?

Mi è venuta voglia di accettare subito. I dialoghi erano meravigliosi, poetici, divertenti, minimalisti. Si vede che Samuel è uno scrittore. C'è qualcosa che ti cattura.

Provi a definire cos'è...

Tutto ciò che è l'inatteso nella vita, ciò che può nascere da piccolissime cose, dettagli, dal caso. Il film è fatto di atmosfere: i colori delle periferie, il vuoto delle loro strade, il cielo sempre più o meno uguale, i rumori…

Chi è Jeanne Mayer, il suo personaggio?

È un'attrice che non ha più voglia di esserlo. Qualcuno che si è arenato in questo condominio, che ha tagliato i ponti con la vita. Qualcuno che, proprio a causa del suo mestiere, ha un passato ancora visibile, ma che vuole dimenticare.

Lei nel film incontra Charly, il figlio 17enne del regista. Che tipo di coppia siete?

È buffo perché non abbiamo affatto la stessa età, ma in breve tempo, diventiamo davvero un po' come una coppia. Non c'è nulla di materno nel rapporto che si sviluppa tra di noi, anche se lo spettatore subito pensa a quello.

Sì, ma il monologo che lei recita guardando in macchina è tutto sulla maternità…

È vero, ma è un discorso sull'amore anche in senso lato, sul femminile, sul sentire delle donne. Sono parole che soltanto una donna conosce.

Cosa c'è di lei in Jeanne Meyer?

A tutti capita di attraversare un tempo di sospensione, di voler rompere con una parte di sé. E forse a un attore più che ad altri.

Lei ha detto che recitare è come una terapia psicanalitica. Conferma?

No, questo di solito lo dicono gli attori. Come se a esplorare certe parti di sé uno alla fine non capisse più bene chi è. No, io quello che so, lo so, e viceversa. Direi che nella vita sono assolutamente normale e la mia parte di follia la confino sullo schermo.

Però in analisi c'è andata, per sei anni, l'ha raccontato una volta a Paris Match

Sì, quando ero più giovane.

Ha anche detto di soffrire di claustrofobia…

Se resto chiusa in un ascensore ho veri attacchi di panico.

Sa che è famosa perché non racconta mai nulla di sé?

Suppongo che il tacere nutra il mio mistero. Ma l'essere silenziosa è un talento che mi viene da mio padre.

Suo padre era un imprenditore, sua madre un'insegnante e una pianista. Da lei cosa ha preso?

La curiosità, la voglia di conoscere e una certa impazienza.

È anche avventurosa: ama lavorare con nuovi talenti…

Scelgo buoni ruoli in buoni film, non sono qui per aiutare nessuno. La mia motivazione è lavorare con registi interessanti, conosciuti o no fa poca differenza. Certo, se mi chiama Haneke non leggo neppure lo script. 

More from Gioia!:
Personaggi
CONDIVIDI
James Franco #youtoo? Un altro attore accusato di molestie
Lo scandalo delle molestie sessuali ha travolto anche lui, smascherato subito dopo aver ricevuto un Golden globe
Personaggi
CONDIVIDI
Jeanette Madsen è la fashion editor più popolare della Danimarca. Cosa dovremmo imparare da lei? Tutto
Fashion Editor di Costume Magazine e universalmente riconosciuta come icona di stile, la Brigitte Bardot dei Nord ha classe da vendere
Woody Harrelson Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Personaggi
CONDIVIDI
Woody Harrelson ci parla di Tre manifesti, il film più vicino agli Oscar (e dell'America più gretta e razzista)
La storia straziante di un poliziotto sotto accusa nella provincia americana più razzista e rancorosa, ago della bilancia tra bene e male
L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Ricky Martin ed Édgar Ramírez raccontano L'assassinio di Gianni Versace, la serie tv in onda su Sky
Intervista esclusiva a Ricky Martin ed Édgar Ramírez che vedremo sullo schermo nella serie L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Chiara Mastroianni a noi due: la storia da sceneggiatura della figlia d'arte che ha vissuto mille vite in una
Papà Marcello si assicurava sempre che lei mangiasse, per questo, anche sul set, le portava dei panini!
Personaggi
CONDIVIDI
Rosa Fanti e Carlo Cracco in love: la loro serenata social pre matrimonio è più unica che rara
Lo chef più famoso della televisione e la compagna diventeranno molto presto marito e moglie (c'è chi assicura che il wedding day sarà...
Personaggi
CONDIVIDI
La vita rosa pastello di Faye Dunaway: dalla gaffe agli Oscar al suo amore incondizionato per l'Italia e Marcello Mastroianni
Forse la più grande attrice della sua generazione, a Faye il cinema americano deve tanto, tutto
Personaggi
CONDIVIDI
Isabella Rossellini nel nome del padre, della madre, e del suo spirito rivoluzionario
Cinema, passerelle tv, è perfetta sempre ma il suo ruolo in Velvet Blu è storia
Ben Affleck e Jennifer Garner news
Personaggi
CONDIVIDI
Ben Affleck distrutto è la prova di quanto fare la parte di quello che lascia sia uno schifo. Ma la tristezza?
Se Jennifer Garner fosse cattiva potrebbe essere fiera di aver vinto la guerra lasciando che diventasse Ben Affleck il meno figo dei due
Personaggi
CONDIVIDI
La storia fragile (e la fine atroce) di Gabriella Ferri, la casta diva di Roma Testaccio vittima di se stessa
È stata la grande bellezza di Roma, la sua voce e i suoi occhi in un ricordo breve ma intenso