Lucky Blue: sono un ragazzo fortunato

​A 17 anni è il modello più popolare del mondo. Vive assediato dalle fan, ma è mormone praticante: niente sesso prima del matrimonio

Più Popolare

Il biondo che vedete nelle foto quassù ha 17 anni, e tutta l'intenzione di arrivare vergine al matrimonio. Ma non è questala sua caratteristica più incredibile: il biondo che vedete nelle foto quassù si chiama – proprio di battesimo – Lucky Blue.

Ci vuole un certo coraggio a imporre a un innocente un nome del genere senza trasmettere anche il pedigree di Jay Z e Beyoncé. Ma i genitori del biondo, signori Smith, sapevano di poter contare su un patrimonio genetico rispettabilissimo: la mamma era una modella, e pure tutt'e due le nonne.

Advertisement - Continue Reading Below

Insomma: sono abituati a essere carucci da generazioni. Per questo anche le sue tre sorelle hanno nomi da cartone animato: Daisy Clementine, Pyper America e Starlie Cheyenne(ce ne fosse stata un'altra, avrei scommesso su Magica Emi).

Più Popolare

Neanche genitori così fantasiosi, però, potevano immaginare che, prima ancora di prendere la patente, Lucky Blue sarebbe diventato il modello più famoso di sempre secondo le metriche contemporanee: 1,4 milioni di follower su Instagram.

Quando a 10 anni accompagnò la sorella Daisy all'agenzia Next di Los Angeles, gli dissero: «Cresci bene, poi ripassa». Due anni dopo, tutti e quattro i ragazzi Smith furono messi sotto contratto, e poi fotografati da Hedi Slimane per Vogue Japan.

E pensare che erano sulle strade della California col furgoncino per provare a diventare famosi come The Atomics, la family band costituita qualche inverno prima, quando Babbo Natale aveva deciso di regalare a ognuno uno strumento, e che la musica sarebbe stata il loro talento: «Nessun ragazzo può considerare quella da modello una carriera definitiva. Aspettate di sentirlo suonare la batteria», minaccia ora la mamma.

Advertisement - Continue Reading Below

Per distinguersi, Lucky Blue ha ossigenato il ciuffo – così ha un'aria più audace – e posato per campagne a coefficiente di lusso progressivamente crescente: Gap, Levi's, Tommy Hilfiger, Adidas, Moncler, Philipp Plein, Tom Ford (con gli occhiali per sembrare più grande).

E se vi pare insensato che un diciassettenne promuova acquisti impervi per il budget del coetaneo medio, non avete colto la visione di lungo periodo: lui e il suo seguito web diventeranno grandi insieme.

«Prima di sfilare in Italia non avevo mai sentito parlare della maggior parte degli stilisti. Forse Fendi, o Gucci. Ma… come si chiama l'altra che ho fatto? Botte… Veneta? Non conoscevo neanche Roberto Cavalli».

Quando le sue fan guadagneranno stipendi adulti, quelli saranno i nomi che avevano sui ritagli appesi ai muri della cameretta: come la madeleine di Proust, ma senza i carboidrati.

Fuori dalle sfilate della moda uomo, intanto,  squadroni di ragazzine vanno all'arrembaggio degli (usualmente ignorati) ingressi per modelli con la speranza di vederlo passare – non è difficile: oltre al capello catarifrangente, Lucky può contare su 190 dinoccolati centimetri di altezza – e magari riuscire a ottenere un selfie souvenir.

A lui il bagno di folla piace molto, e volentieri improvvisa adunate postando su Instragram data e ora dell'evento. Per ristabilire la normalità, talvolta, deve intervenire la polizia.

Ma la sua è sincera gratitudine, e giovanile assenza di riservatezza: «Vogliono solo una foto e un abbraccio. Io non capisco cosa trovino in me, ma se posso farle contente rimanendo là fuori un po' di più, perché no?».

Per ottenere l'espressione accigliata che è richiesta ai modelli ambosessi sulle passerelle, Lucky Blue trova molto utile concentrarsi sui compiti da fare.

Ha smesso di frequentare il liceo due anni fa, ed è la mamma che si occupa della sua educazione da quando si sono trasferiti dallo Utah – dove i vicini li chiamavano "I Cullen" come i vampiri di Twilight – nella casetta di Los Angeles in cui Lucky Blue è costretto a dividre la camera con le sorelle: «È il posto più brutto del mondo: lo detesto», frigna.

Ma la frugalità è un tratto essenziale nel sistema di valori dei signori Smith, mormoni praticanti. Insieme all'astinenza dal sesso prematrimoniale, dicevamo. E pure da droga, alcol e persino caffeina.

Chissà a cosa serve diventare così famosi così giovani, se non puoi neanche permetterti una condotta giudiziosamente debosciata.


(Gallery: Martina Cancellotti; foto: Getty/Instagram@luckybsmith)

More from Gioia!:
Personaggi
CONDIVIDI
Stefano De Martino impacciatissimo e la Cipriani ingestibile. La prima puntata dell'Isola dei Famosi da SOS
Cayo Cochinos si è popolata eccome (e come) si è popolata
Michael Caine 1965
Personaggi
CONDIVIDI
La mitica Swinging London raccontata da un personaggio molto speciale: Michael Caine
L'attore ripercorre in un film-evento la Londra degli anni 60, quando nacque la pop revolution
Personaggi
CONDIVIDI
James Franco #youtoo? Un altro attore accusato di molestie
Lo scandalo delle molestie sessuali ha travolto anche lui, smascherato subito dopo aver ricevuto un Golden globe
Personaggi
CONDIVIDI
Fabio Rovazzi al cinema e lo slogan diventa "andiamo a lavorare"
L'idolo dei teenager è un laureato in cerca di impiego nel film Il vegetale, con un messaggio: sono tempi precari, ma pieni di opportunità
Personaggi
CONDIVIDI
Jeanette Madsen è la fashion editor più popolare della Danimarca. Cosa dovremmo imparare da lei? Tutto
Fashion Editor di Costume Magazine e universalmente riconosciuta come icona di stile, la Brigitte Bardot dei Nord ha classe da vendere
Woody Harrelson Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Personaggi
CONDIVIDI
Woody Harrelson ci parla di Tre manifesti, il film più vicino agli Oscar (e dell'America più gretta e razzista)
La storia straziante di un poliziotto sotto accusa nella provincia americana più razzista e rancorosa, ago della bilancia tra bene e male
L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Ricky Martin ed Édgar Ramírez raccontano L'assassinio di Gianni Versace, la serie tv in onda su Sky
Intervista esclusiva a Ricky Martin ed Édgar Ramírez che vedremo sullo schermo nella serie L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Chiara Mastroianni a noi due: la storia da sceneggiatura della figlia d'arte che ha vissuto mille vite in una
Papà Marcello si assicurava sempre che lei mangiasse, per questo, anche sul set, le portava dei panini!
Personaggi
CONDIVIDI
Rosa Fanti e Carlo Cracco in love: la loro serenata social pre matrimonio è più unica che rara
Lo chef più famoso della televisione e la compagna diventeranno molto presto marito e moglie (c'è chi assicura che il wedding day sarà...
Personaggi
CONDIVIDI
La vita rosa pastello di Faye Dunaway: dalla gaffe agli Oscar al suo amore incondizionato per l'Italia e Marcello Mastroianni
Forse la più grande attrice della sua generazione, a Faye il cinema americano deve tanto, tutto