Jennifer Lawrence, prendere o lasciare

​Il successo non le impedisce di dire, fare e mangiare quello che vuole. «Male che vada perdi un lavoro, ma non te stessa»

Più Popolare

Fumantina per temperamento e irrequieta in amore, Jennifer Lawrence ha la capacità di alzare sempre molta polvere intorno a sé. Intanto, perché le cose non le manda certo a dire. È di qualche settimana fa la sua (legittima) polemica sulla disparità di compensi a Hollywood, che non ha esitato a definire "sessista", dopo che un manipolo di hacker entrati negli archivi della Sony ha pubblicato le cifre dei compensi degli attori di American hustle: a dispetto della grande popolarità, è emerso che il premio Oscar Lawrence avrebbe guadagnato sensibilmente meno dei suoi colleghi di cast Jeremy Renner, Christian Bale e Bradley Cooper.

Advertisement - Continue Reading Below

Quanto all'amore, si fa fatica a starle dietro, cosa peraltro normale alla sua età, il punto è che a differenza delle colleghe, Jennifer non si cura di occultare una certa vivacità: dopo la fine del fidanzamento con Nicholas Hoult le hanno attribuito parecchi flirt: si vociferava ci fosse del "tenero" con Bradley Cooper, suo caro amico e compagno di set in tanti film, come Il lato positivo e American hustle. E naturalmente con Chris Martin, leader dei Coldplay, ufficialmente divorziato da Gwyneth Paltrow, e ora pare fidanzatissimo con un'altra attrice, Annabelle Wallis. Ciò non le ha impedito durante il ComicCon, dove l'abbiamo incontrata per la presentazione dell'ultimo episodio di Hunger games. Il canto della rivolta. Parte II, di sciropparsi una specie di scenata di gelosia proprio dall'ex Nicholas Hoult (apparentemente ancora piuttosto preso da lei) davanti a un sushi in un ristorante giapponese di San Diego.

Più Popolare

Insomma, Jennifer, icona di bellezza, beniamina degli stilisti e testimonial della campagna Dior Addict, è così: senza filtri. E racconta "a getto", senza troppo pensarci su, tutto quello che le passa per la testa.

In quest'ultimo episodio della saga il suo personaggio, Katniss, capisce che la posta in gioco non riguarda solo la sua sopravvivenza, ma il futuro di un'intera comunità. Crede che valga la pena di combattere in casi estremi? Non ritengo che la guerra in sé sia sempre il modo migliore per risolvere i problemi. Questa serie di tre romanzi racconta una storia di finzione, ma spinge a riflettere e a porsi delle domande. Induce la gente, in particolare le nuove generazioni che ci seguono con tanta passione, a pensare. Questa credo sia la vera "missione" del film.

Siamo al capitolo finale. Le mancherà  Josh Hutcherson, con cui il suo personaggio è legato sentimentalmente in questi film? Beh, siamo molto amici nella vita privata. E quindi continuiamo a vederci fuori dal set. Con lui e con altri membri del cast. Ma per ora non mi manca nessuno, perché ci vediamo abbastanza e usciamo spesso insieme. Mi è piaciuto un sacco recitare con loro, è stato maledettamente divertente! Soprattutto quando capitavano cose incresciose durante le riprese e tutti erano tremendamente seri: noi evitavamo di guardarci negli occhi per non scoppiare a ridere! Ci conosciamo troppo bene e ci siamo dovuti impegnare per restare sempre credibili in certe situazioni! (ride).

Mi sento di dire che alla fine le mancheranno. In effetti non ho mai costruito un rapporto del genere con nessun altro cast o singolo attore. Forse perché Hunger gamesè stato un processo di crescita. In principio non ero ancora tanto famosa, ero meno esperta. Eravamo tutti più spontanei gli uni con gli altri.

Advertisement - Continue Reading Below

Il personaggio di Katniss l'ha resa più coraggiosa? È indubbiamente una ragazza fortissima e so che è vista come un esempio da molti spettatori e fan che ci seguono. Sono stata messa nella posizione di rispondere alle loro domande come se fossi lei e questo mi ha reso di sicuro più consapevole. Sembrava davvero che tutto il mondo fosse interessato a quello che dicevo.

Tutta questa attenzione però non sembra averla influenzata o cambiata troppo. No, ma mi ha dato più responsabilità. E mi ha fatto crescere. Ci tengo a offrire un buon esempio a tutti quelli che credono in me e mi hanno sostenuto. La fama non penso mi abbia reso tanto diversa dalla persona che sono sempre stata, ma è qualcosa di improvviso, ti trovi dentro e non hai scelta. Sono perfettamente in grado di immaginare che per tanta gente sia difficile averci a che fare. Ti devi improvvisamente confrontare con chi sei davvero e con l'immagine che gli altri ti attribuiscono. È allora che capisci davvero quanto contano gli amici veri e quanto sia importante tenerseli vicini.

Si tiene ben lontana da Hollywood. Ci ritrova qualche affinità con la fauna da circo di Hunger games?(Ride) … a Hollywood ci sono tante persone matte, davvero, alcune portano perfino acconciature e make up assurdi come si vede nel film!

Non sente mai l'ansia di sentirsi accettata da questo ambiente glamour? So che esistono pressioni e aspettative intorno a tutti quelli che sono famosi, ma sia io che Josh (Hutcherson) e Liam(Hemsworth) viviamo nella nostra "isola" a Los Angeles. E io non avverto stress da parte di Hollywood. Mi fermo spesso a casa di Liam a Malibù a guardare film, a cucinare insieme con un buon bicchiere di vino.

Esiste un collegamento tra Hunger games e la nostra società contemporanea? Ne esistono parecchi. Pensi all'influenza che possono avere i media nel manipolare le menti di chi li segue. O ai rischi della propaganda di governi repressivi e ossessionati dal controllo. Pensi alla glorificazione della violenza, che viene mostrata specialmente nei primi due film della serie. Si potrebbero trovare molti altri parallelismi tra la vita reale e finzione della saga, per questo i libri hanno avuto un tale successo.

Molte sue colleghe si sono lamentate per la scarsità di ruoli femminili interessanti a Hollywood, dove produttori, registi e sceneggiatori sono quasi tutti uomini. Condivide?Sicuramente. Mi auguro che ruoli come il mio, un'eroina in un film d'azione, siano sempre più numerosi e che noi donne possiamo avere maggiori opportunità. Spero che per ottenere una parte non dobbiamo appunto "morire di fame" o ridurci a essere magrissime. Odio tutto questo almanaccare sul peso e le taglie che va tanto di moda a Hollywood.

Odia pure le diete, da quello che si legge… Sì, adoro mangiare, per questo, quando so che devo essere in forma per un film, mi "uccido" con lo sport: jogging, pilates, yoga, tiro con l'arco e tanti altri esercizi. Sul set mi hanno tenuto lontano dalle patate fritte, che adoro, ma sono riuscita a mangiare un sacco di panini e anche formaggio. E, poi, in caso di emergenza, ho cominciato a nascondere delle caramelle nella borsa (ride). Scusate, dico a voi che siete italiani, cosa c'è più sexy di mangiare? Ma il punto non è questo…

E qual è? Come attrici, dobbiamo puntare ad affermarci prima di tutto per il nostro talento e non per l'aspetto fisico. Perché poi, quando riesci a raggiungere una certa fama, tutti sono costretti ad accettarti per come sei. Mi dispiace appunto per tutti quegli attori e artisti che stanno lottando per farcela, perché vengono sottoposti a stress di ogni tipo e devono adeguarsi a modelli che magari non corrispondono alla loro vera personalità. Il mio consiglio è di cercare di restare sempre fedeli a se stessi, a costo di perdere un lavoro. Non è detto che non ne trovi uno migliore. E per lo meno, non perderai te stessa.

C'è qualcosa in cui si sente limitata? In tutta onestà, sento che dovrei solo stare zitta. Sono molto fortunata e privilegiata. Adesso che sono una star non mi manca di certo la possibilità di scegliere. Ma mi dispiace per tutti gli altri. Mi auguro con tutto il cuore, sinceramente, che il sistema cambi.

C'è qualche attrice che ammira? Jodie Foster. È sempre stata fedele a se stessa, fregandosene di quello che pensavano gli altri. Mi ispira tantissimo. È un'artista, una mamma, una donna normale.

È cresciuta in un mondo di uomini, con due fratelli più grandi? Sono molto protettivi, ma mi hanno insegnato soprattutto a farmi rispettare e a credere in me stessa. E poi da loro ho imparato ben presto come la pensano gli uomini.

Questo l'ha aiutata in amore? Rispetto l'amore perché, come me, fa quello che vuole: arriva sempre quando meno te lo aspetti. Ma chi mi conosce sa che non deve deludermi o… divento pericolosa!

(Alessandra Mattanza)

More from Gioia!:
Personaggi
CONDIVIDI
Fabio Rovazzi al cinema e lo slogan diventa "andiamo a lavorare"
L'idolo dei teenager è un laureato in cerca di impiego nel film Il vegetale, con un messaggio: sono tempi precari, ma pieni di opportunità
Personaggi
CONDIVIDI
Jeanette Madsen è la fashion editor più popolare della Danimarca. Cosa dovremmo imparare da lei? Tutto
Fashion Editor di Costume Magazine e universalmente riconosciuta come icona di stile, la Brigitte Bardot dei Nord ha classe da vendere
Woody Harrelson Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Personaggi
CONDIVIDI
Woody Harrelson ci parla di Tre manifesti, il film più vicino agli Oscar (e dell'America più gretta e razzista)
La storia straziante di un poliziotto sotto accusa nella provincia americana più razzista e rancorosa, ago della bilancia tra bene e male
L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Ricky Martin ed Édgar Ramírez raccontano L'assassinio di Gianni Versace, la serie tv in onda su Sky
Intervista esclusiva a Ricky Martin ed Édgar Ramírez che vedremo sullo schermo nella serie L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Chiara Mastroianni a noi due: la storia da sceneggiatura della figlia d'arte che ha vissuto mille vite in una
Papà Marcello si assicurava sempre che lei mangiasse, per questo, anche sul set, le portava dei panini!
Personaggi
CONDIVIDI
Rosa Fanti e Carlo Cracco in love: la loro serenata social pre matrimonio è più unica che rara
Lo chef più famoso della televisione e la compagna diventeranno molto presto marito e moglie (c'è chi assicura che il wedding day sarà...
Personaggi
CONDIVIDI
La vita rosa pastello di Faye Dunaway: dalla gaffe agli Oscar al suo amore incondizionato per l'Italia e Marcello Mastroianni
Forse la più grande attrice della sua generazione, a Faye il cinema americano deve tanto, tutto
Personaggi
CONDIVIDI
Isabella Rossellini nel nome del padre, della madre, e del suo spirito rivoluzionario
Cinema, passerelle tv, è perfetta sempre ma il suo ruolo in Velvet Blu è storia
Ben Affleck e Jennifer Garner news
Personaggi
CONDIVIDI
Ben Affleck distrutto è la prova di quanto fare la parte di quello che lascia sia uno schifo. Ma la tristezza?
Se Jennifer Garner fosse cattiva potrebbe essere fiera di aver vinto la guerra lasciando che diventasse Ben Affleck il meno figo dei due
Personaggi
CONDIVIDI
La storia fragile (e la fine atroce) di Gabriella Ferri, la casta diva di Roma Testaccio vittima di se stessa
È stata la grande bellezza di Roma, la sua voce e i suoi occhi in un ricordo breve ma intenso