Pietro Sermonti: «Sono di nuovo single, il casting è aperto»

Il protagonista di Un medico in famiglia interpreta un elettrauto nato e cresciuto sul Tevere​ nel film Cristian e Palletta, e poi sarà di nuovo sul set di Smetto quando voglio 2 e ​3: in questa intervista ci dice alcune cose di sé

Più Popolare

Per molti Pietro Sermonti è il Guido Zanin di Un medico in famiglia, Stanis, l'attore narciso di Boris o Alessandro nella serie Tutto può succedere. Per altri è il dongiovanni che conta fra le sue conquiste Margot Sikabonyi e Alessia Marcuzzi. Per altri infine è il figlio del dantista Vittorio Sermonti e il nipote di Susanna Agnelli. Oggi è il coprotagonista di Cristian e Palletta contro tutti, debutto alla regia dello scrittore Antonio Manzini. 

Advertisement - Continue Reading Below

Che cosa racconta il film? 

L'odissea malinconica e grottesca di due delinquentelli senza ambizioni impigliati in una storia più grande di loro. Io sono l'elettrauto Palletta, buono, serio, lavoratore trascinato dall'amico Cristian (Libero De Rienzo) in una truffa improbabile. 

Più Popolare

Che cosa le piace di Palletta?

Per la prima volta ho potuto recitare un personaggio romano fin nelle viscere, come sono io. Con questi tratti somatici da scozzese non me lo avevano mai fatto fare.

Che fa, si prende in giro?

L'autoironia è l'antidoto omeopatico per sopravvivere ai vuoti d'aria dell'esistenza. 

Ora sta girando Smetto quando voglio 2 e 3, riprendendo il ruolo del laureato in antropologia. 

Sì, giriamo di notte e andiamo a dormire alle sei: io che sono rincoglionito già di mio adesso brancolo in una specie di torpore, come se vivessi a Hong Kong. Subito dopo inizierò la seconda serie di Tutto può succedere. Smetto quando voglio è il primo tentativo di commedia italiana d'azione, ma mi piace anche raccontare sentimenti cupi e fragilità, come fa appunto Tutto può succedere: quando si va verso una certa età si ha voglia di toccare corde più nascoste, specie se come me si ha un'indole malinconica.

Smetto quando voglio ha dato il via a un rinnovamento nel cinema italiano.

Se lo dico io sembro Renzi, ma se lo dice lei condivido. Il segnale che ha dato il film è che, quando ci sono una sceneggiatura intelligente e un regista che sa il fatto suo, non c'è bisogno di cast preconfezionati o grandi nomi in cartellone. 

Lo dimostra anche il successo di Lo chiamavano Jeeg Robot.

Finalmente si sta ampliando la platea degli spettatori, e di questo non posso che giovarmi, come cittadino italiano prima ancora che come attore.

Pietro Sermonti e Libero De Rienzo in una scena di Cristian e Palletta.

Oggi sembrano andare per la maggiore i film di genere.

Per me i film si dividono in due categorie: quelli di genere brutto e quelli di genere bello. E penso che il cinema italiano oggi sia pieno di registi, sceneggiatori e attori bravissimi.

Lei come si sente?

Come Totti, un uomo che ha voglia di continuare a giocare anche quando cercano di tenerlo in panchina. E sogno di diventare come il Leicester, la squadra inglese che l'anno scorso era ultima in classifica e quest'anno ha vinto il campionato.

E nella vita privata?

Sono di nuovo single: dichiaro aperti i casting. 

More from Gioia!:
Jennifer Lawrence
Personaggi
CONDIVIDI
Jennifer Lawrence: il ritratto di un'attrice che voleva fare il medico
Biografia, filmografia e curiosità sulla vita privata dell'attrice statunitense protagonista di Hunger Games e X-Men
Jada Pinkett Smith
Personaggi
CONDIVIDI
Jada Pinkett Smith: la sua storia racconta che non è solo una moglie di
Jada Pinkett Smith è la moglie di Will Smith, ma non solo: attrice, imprenditrice, cantante e mamma, è una donna fortissima
Jennifer Lawrence innamorata del regista Darren Aronofsky
Personaggi
CONDIVIDI
Jennifer Lawrence: e poi ti innamori del regista
L'ultima sfida dell'attrice è un horror psicologico di Darren Aronofsky, che è anche il suo fidanzato (oh, finalmente si può dire)
Ivanka Trump ha sofferto di depressione post-partum
Personaggi
CONDIVIDI
Ivanka Trump: «Quando la mattina ti alzi e senti di non poter essere genitore»
La figlia del presidente americano ha raccontato di aver sofferto di depressione post-partum per ognuno dei suoi tre figli
Liliane Bettencourt è morta, chi era Madame L'Oréal
Personaggi
CONDIVIDI
Chi era Liliane Bettencourt, la donna più ricca al mondo
È morta all'età di 94 anni Liliane Bettencourt, erede del colosso beauty più potente del pianeta: era conosciuta come Madame L'Oréal
Cristiana Capotondi, intervista
Personaggi
CONDIVIDI
Cristiana Capotondi: «Quello che so sull'amore»
A tu per tu con l'attrice e la donna: Cristiana Capotondi for president
Chiara Ferragni: rompe vestito sul red carpet
Personaggi
CONDIVIDI
Chiara Ferragni: l'abito si rompe alla MFW
Galeotta fu la spallina del suo abito... monospalla
Halle Berry il nuovo fidanzato è Alex Da Kid: tutto il gossip sul nuovo amore
Personaggi
CONDIVIDI
Halle Berry, col suo nuovo giovanissimo fidanzato, dimostra che bisogna sempre credere nell'amore
Con una dichiarazione d'amore da incorniciare Halle Berry conferma la sua storia con il produttore cinematografico Alex Da Kid
Chi è Lila Grace Moss Hack la figlia di Kate Moss
Personaggi
CONDIVIDI
Chi è Lila Grace Moss Hack, la figlia (bellissima) di Kate Moss
Per la prima volta ha accompagnato mamma Kate Moss a una sfilata durante la London Fashion Week (e qualcosa ci dice che non sarà l'ultima)
Personaggi
CONDIVIDI
Perché Diletta Leotta ha battuto la Ferragni su Instagram
Tra i vincitori dell'edizione 2017 dei MIA (Macchianera Internet Awards) la presentatrice si aggiudica il titolo di migliore instagrammer...