Idris Elba : «Io che volevo diventare il nuovo De Niro»

Da giovane aveva come modello il grande Bob, oggi gli piacerebbe interpretare James Bond, ma nel frattempo si dà al fantasy con Torre nera, e tra un film e l'altro fa il dj (sempre con una certa isola italiana nel cuore)

Più Popolare

Quando entra nella suite del Beverly Hills Hotel, incute quasi timore, con il suo metro e novanta e quella barba. Poi però Idris Elba svela un sorriso e un calore che lo rendono subito simpatico, affabile come uno che sa di essere fortunato nella vita perché è riuscito a trovare la strada giusta. Per i suoi ruoli in Luther (serie che riprenderà il prossimo anno) e Beasts of no nation, ha vinto rispettivamente un Golden Globe e ricevuto quattro nomination Emmy, mentre la serie Tv The wire lo ha consacrato in America. E infatti ormai è riconosciuto da tutti non solo come attore (è in Il domani tra di noi e nel prossimo Thor), ma anche come produttore, soprattutto dopo la miniserie Guerrilla, che racconta le vicende di una coppia di attivisti per i diritti civili nella Londra degli anni '70.

Idris Elba in una scena di Thor -The dark world.
Advertisement - Continue Reading Below

Dal 10 agosto 2017, invece, lo vedremo nelle sale italiane con l'atteso La Torre nera, ispirato all'omonima saga letteraria fantasy-western scritta da Stephen King.

Nella Torre nera è nei panni di Roland Deschain. Chi è?

Un pistolero, l'ultimo membro di un ordine di cavalieri che combatte l'Uomo in Nero, stregone malvagio interpretato da Matthew McConaughey. Il film mantiene l'atmosfera della saga di Stephen King, che mescola thriller, fantascienza, horror e western. Non l'avevo mai letta, ora mi ci sono appassionato.

Idris Elba in una scena del film Torre nera, con Tom Taylor.

A proposito di thriller e pistole. Spesso la indicano come il prossimo James Bond. Le piacerebbe?

A chi non piacerebbe? Sono inglese, 007 e Shakespeare sono nel nostro Dna. Ma nessuno mi ha offerto quel ruolo, anche perché è già di Daniel Craig, che è perfetto.

Qual è stata la parte più importante per la sua carriera?

Lo spacciatore Russell "Stringer" Bell di The wire. Mi ha fatto conoscere sulla scena internazionale; prima, anche con anni di Tv alle spalle, ero noto solo in Inghilterra. Nessuno mi offriva un ruolo negli Stati Uniti, un luogo sacro per me, la terra di Robert De Niro, il mio attore preferito.

È stato lui a farle venire la voglia di recitare?

Sì. A 16 anni ho saltato la scuola per andare a vedere C'era una volta in America: indimenticabile. Il giorno dopo sono andato dalla mia insegnante di recitazione a "confessarmi".

Più Popolare

Che cosa le disse?

Che volevo diventare come De Niro. Mi rispose che i sogni vanno inseguiti, che era sicura del mio talento, sarei diventato un grande attore. Chissà che reazione avrebbe avuto mia madre a sapere che la sua insegnante preferita mi istigava a lasciare la scuola.

Ecco: i suoi genitori come presero la notizia che avrebbe fatto l'attore?

Non erano contenti. Sono di Hackney, una zona problematica di Londra: non ci sono attori famosi cresciuti lì, eppure per me è casa, ho bellissimi ricordi. Mio padre era operaio, per lui recitare significava fare la fame. Mia madre mi diede la sua benedizione, ma disse che avrei dovuto mantenermi da solo. E così ho fatto: ho iniziato a fare il dj per pagare le bollette.

Perché proprio il dj?

Era un modo per fare soldi e allo stesso tempo esprimere la mia creatività, e poi la musica è un linguaggio universale. Ho passato vent'anni cercando di sfondare come attore, ora sono fortunato: faccio il dj e il produttore nelle pause tra i film.

Com'è nato questo amore per la musica?

Sono cresciuto con reggae e dancehall, mixavo cassette con le mie canzoni preferite. Ma i miei genitori amavano calypso, blues, jazz e anche country, così ho sempre ascoltato di tutto.

Come ricorda la sua prima esperienza negli Stati Uniti?

Dura. Sono arrivato a New York da ragazzo, negli anni '80. Speravo di incontrare De Niro e passavo ore davanti al Lee Strasberg Theatre & Film Institute, sognando di poter studiare con le leggende del cinema. Non avevo molti soldi, dormivo in macchina. Nel 1997 mi sono trasferito, ho fatto tutte le audizioni possibili, ma a nessuno piaceva il mio accento. Ho passato quattro anni facendo i lavori più strani, perché non riuscivo a ottenere un ruolo. Ero un attore disoccupato che viveva in zone poco raccomandabili sperando di fare fortuna.

Una cosa che nessuno sa di lei?

Imito perfettamente Barry White e il dj Lupo Solitario di American graffiti. E sono appassionato di rally.

C'è un luogo che le piacerebbe visitare?

L'Elba! Un giorno mia madre mi fece vedere quest'isola con il nostro cognome. Per lei era importante perché ci avevano esiliato Napoleone, per me è un posto esotico che ho sempre considerato un po' mio. Anzi, se una delle vostre lettrici volesse spedirmi una cartolina con scritto ELBA... ringrazierei.

More from Gioia!:
Chiara Ferragni: rompe vestito sul red carpet
Personaggi
CONDIVIDI
Chiara Ferragni: l'abito si rompe alla MFW
Galeotta fu la spallina del suo abito... monospalla
Halle Berry il nuovo fidanzato è Alex Da Kid: tutto il gossip sul nuovo amore
Personaggi
CONDIVIDI
Halle Berry, col suo nuovo giovanissimo fidanzato, dimostra che bisogna sempre credere nell'amore
Con una dichiarazione d'amore da incorniciare Halle Berry conferma la sua storia con il produttore cinematografico Alex Da Kid
Chi è Lila Grace Moss Hack la figlia di Kate Moss
Personaggi
CONDIVIDI
Chi è Lila Grace Moss Hack, la figlia (bellissima) di Kate Moss
Per la prima volta ha accompagnato mamma Kate Moss a una sfilata durante la London Fashion Week (e qualcosa ci dice che non sarà l'ultima)
Personaggi
CONDIVIDI
Perché Diletta Leotta ha battuto la Ferragni su Instagram
Tra i vincitori dell'edizione 2017 dei MIA (Macchianera Internet Awards) la presentatrice si aggiudica il titolo di migliore instagrammer...
Principe William parla dei figli e delle preoccupazioni per George ma anche per Charlotte
Personaggi
CONDIVIDI
Principe William: «Charlotte ci farà dannare da grande»
A chi crede che il più pestifero di casa Windsor sia George, il principe William ha qualcosa da dire
Elisabeth Moss: Emmy per Handmaid's tale
Personaggi
CONDIVIDI
Elisabeth Moss e il suo Emmy per una serie tv (che non è Mad men)
Dal 26 settembre 2017 la vedremo protagonista dell'attesissima e super premiata serie The handmaid's tale, su TimVision
Nicole Kidman and Keith Urban
Personaggi
CONDIVIDI
Le coppie più belle degli Emmy Awards
Non solo glamour e abiti da sogno il tappeto rosso degli Oscar delle TV made in USA ha regalato tantissimi momenti di tenerezza
Personaggi
CONDIVIDI
Nicole Kidman: «Guardando questo premio le mie figlie sapranno che è per tutte le donne»
Ritirando il premio per la sua interpretazione nella mini serie TV Big Little Lies, ha parlato di abusi domestici: «Una malattia complicata...
Personaggi
CONDIVIDI
Federica Pellegrini: la donna oltre la campionessa
Non solo la nostra super campionessa di nuoto, ma anche una donna piena di passioni (e di amori)
Personaggi
CONDIVIDI
Che fine ha fatto Fernanda Lessa?
Fernanda Lessa è stata una top model famosissima negli anni 2000 e oggi vive una nuova carriera a ritmo di musica