Eddie Redmayne: «La donna che è in me»

Recitava in ruoli femminili fin da ragazzino e i suoi compagni non ci vedevano niente di strano, poi è arrivata la parte della prima trans della storia in The danish girl che gli ha dato una nomination all'Oscar 2016

Più Popolare

La statuetta dell'Oscar la tiene in salotto, su un tavolino: certe sere, quando Eddie Redmayne rientra a casa un po' brillo, la vede e torna sui suoi passi, giusto per controllare. «La tocco, l'annuso, per verificare che sia vera». Quando la vinse, nel 2015, per aver interpretato Stephen Hawking in La teoria del tutto, aveva già iniziato le riprese di The danish girl, film per cui ha avuto una nomination all'Academy 2016, nei panni di Lili Elbe, la prima icona transgender del Ventesimo secolo.

Eddie Redmayne in una scena di The danish girl.
Advertisement - Continue Reading Below

«Ero molto nervoso, come sempre quando inizio qualcosa». A quanto pare l'ansia è un suo problema ricorrente, Eddie Redmayne l'attribuisce al fatto di non aver mai frequentato una scuola di recitazione. Ma, british per nascita e piacione per inclinazione, sa mascherare bene le emozioni. «Sono un uomo molto, molto fortunato», dichiarò infatti quella notte, ricevendo l'omino dorato nel suo smoking blu notte Alexander McQueen, un potente distillato della sua personalità. Chissà se alludeva al premio, o al suo status di londinese cresciuto nel benessere di Chelsea, istruito prima a Eton (tra i suoi compagni c'erano il principe William e il collega Tom Hiddleston), poi a Cambridge.

Più Popolare

Già da studente, dice la sua biografia, recitava vestito da donna. Un destino? Lili l'aspettava dietro l'angolo?

Inevitabile, se fai teatro in una scuola maschile: ho interpretato un sacco di parti femminili, da ragazzo. Ero identico a mia madre. Avevo abbastanza talento nella musica e nelle arti, ma ero anche bravo negli sport. Ho però sempre percepito che la gente intravedeva qualcosa di femminile in me. Ci sta. E grazie al cielo i miei compagni non ci hanno mai trovato niente di strano.

E un giorno mentre girava Les misérables, il regista Tom Hooper le mandò il copione di The danish girl...

Lo trovai profondamente commovente.

Poi, fedele al suo corso, il destino le ha fatto incontrare la regista transgender Lana Wachowski, che l'ha diretta in Jupiter ascending.

Che donna straordinaria. Avevo già in mano il copione di The danish girl, ma il film sembrava non dover mai decollare. Eppure, la storia di quel pittore così tenacemente deciso a diventare donna era ormai nei miei pensieri. Ho iniziato a parlare con Lana di Lili e lei, con pazienza e gentilezza, ha guidato la mia formazione, mi ha anche segnalato dei libri da leggere.

Prima di indossare le gonne e i corsetti di Lili ha conosciuto o intervistato altri trans?

Sì. Tutte persone così gentili e generose da condividere con me la propria esperienza. Apertamente. «Chiedimi qualsiasi cosa», era la prima frase che mi dicevano.

E lei?

Chiedevo. Col ruolo di Lili ero consapevole che mi fosse stata data una straordinaria occasione. Nel frattempo, sapevo anche che, educando me stesso, potevo educare il pubblico. Accidenti, è delicato. Complicato.

Legittimo provare una certa ansia.

Il punto più alto della mia ignoranza, quando ho iniziato, era la convinzione che sesso e sessualità fossero correlati. È questa una delle cose fondamentali che voglio ribadire al mondo: si può essere gay o etero, trans uomo o donna, e queste due alternative non sono necessariamente allineate.

Cos'altro le ha insegnato sul gender il ruolo di Lili?

Questa cosa fondamentale, suppongo. Che è fluido. E anche che non deve essere etichettato.

Infatti nel suo Paese, sui documenti ufficiali, è ormai in uso il prefisso neutro Mx, accanto a Mr e Mrs.

È un altro traguardo. Sa, è come ammettere finalmente di vedere femminilità e mascolinità in tutti gli esseri umani. Questo merita di essere celebrato.

More from Gioia!:
Personaggi
CONDIVIDI
Daniela Ferolla, da Miss Italia al giornalismo: l'ascesa di una conduttrice italiana
Conosciamo meglio Daniela Ferolla, Miss Italia 2001, giornalista e conduttrice televisiva
Personaggi
CONDIVIDI
Perché dovremmo essere grate a Mariah Carey
Scegliendo di mostrarsi per quello che è, senza trucco e senza inganno, la cantante ha detto la sua sul body shaming che poi è quella di...
Gabriella Pession
Personaggi
CONDIVIDI
Perché Gabriella Pession è la regina delle serie tv?
La biografia di Gabriella Pession ci racconta la storia di un'attrice che è diventata nel tempo la regina della fiction italiana
Principessa Charlotte foto tenere
Personaggi
CONDIVIDI
Più Charlotte per tutti!
Se il fratello maggiore, il principe George, mette simpatia, la piccola di casa Windsor ti strappa il cuore dalla tenerezza
Sofia Vergara
Personaggi
CONDIVIDI
Perché Sofia Vergara è l'attrice più pagata della tv?
L'attrice di Modern Family ha lo stipendio più alto di tutte: come è riuscita a arrivare a questa meta così ambiziosa?
Chiara Biasi influencer confessioni
Personaggi
CONDIVIDI
Chiara Biasi: «A 60 anni non sarò così ridicola da mettermi la minigonna»
La fashion influencer si racconta, tra progetti futuri e numeri su Instagram: la certezza? Non sarà mai una donna alla Brigitte Macron
David Beckham ha un nuovo tatuaggio dedicato ai figli
Personaggi
CONDIVIDI
L'ultimo tatuaggio di David Beckham dimostra che è il papà più bravo del mondo
Sul collo dell'ex calciatore c'è una nuova scritta: è l'ennesima dedica speciale ai suoi 4 figli
Jane Fonda storia e stile di un'icona
Personaggi
CONDIVIDI
Perché domani mattina vorrei svegliarmi ed essere Jane Fonda
Al Festival del Cinema di Venezia riceverà il Leone d'oro alla carriera ma ci sono N(mila) ragioni che dimostrano che è la donna più giusta...
La Regina Elisabetta ha un nuovo corgi
Personaggi
CONDIVIDI
La Regina Elisabetta ha un nuovo corgi
La passione per i cani di Lilibet non ha eguali e la storia dell'ultimo arrivato è davvero tenerissima
Kate Middleton e il principe William stanno pensando ad avere un terzo figlio?
Personaggi
CONDIVIDI
E se Kate Middleton sognasse un terzo figlio?
In viaggio ufficiale in Polonia la duchessa di Cambridge e il principe William hanno scherzato sulla possibilità di avere un altro figlio