Eddie Redmayne: «La donna che è in me»

Recitava in ruoli femminili fin da ragazzino e i suoi compagni non ci vedevano niente di strano, poi è arrivata la parte della prima trans della storia in The danish girl che gli ha dato una nomination all'Oscar 2016

Più Popolare

La statuetta dell'Oscar la tiene in salotto, su un tavolino: certe sere, quando Eddie Redmayne rientra a casa un po' brillo, la vede e torna sui suoi passi, giusto per controllare. «La tocco, l'annuso, per verificare che sia vera». Quando la vinse, nel 2015, per aver interpretato Stephen Hawking in La teoria del tutto, aveva già iniziato le riprese di The danish girl, film per cui ha avuto una nomination all'Academy 2016, nei panni di Lili Elbe, la prima icona transgender del Ventesimo secolo.

Eddie Redmayne in una scena di The danish girl.
Advertisement - Continue Reading Below

«Ero molto nervoso, come sempre quando inizio qualcosa». A quanto pare l'ansia è un suo problema ricorrente, Eddie Redmayne l'attribuisce al fatto di non aver mai frequentato una scuola di recitazione. Ma, british per nascita e piacione per inclinazione, sa mascherare bene le emozioni. «Sono un uomo molto, molto fortunato», dichiarò infatti quella notte, ricevendo l'omino dorato nel suo smoking blu notte Alexander McQueen, un potente distillato della sua personalità. Chissà se alludeva al premio, o al suo status di londinese cresciuto nel benessere di Chelsea, istruito prima a Eton (tra i suoi compagni c'erano il principe William e il collega Tom Hiddleston), poi a Cambridge.

Più Popolare

Già da studente, dice la sua biografia, recitava vestito da donna. Un destino? Lili l'aspettava dietro l'angolo?

Inevitabile, se fai teatro in una scuola maschile: ho interpretato un sacco di parti femminili, da ragazzo. Ero identico a mia madre. Avevo abbastanza talento nella musica e nelle arti, ma ero anche bravo negli sport. Ho però sempre percepito che la gente intravedeva qualcosa di femminile in me. Ci sta. E grazie al cielo i miei compagni non ci hanno mai trovato niente di strano.

E un giorno mentre girava Les misérables, il regista Tom Hooper le mandò il copione di The danish girl...

Lo trovai profondamente commovente.

Poi, fedele al suo corso, il destino le ha fatto incontrare la regista transgender Lana Wachowski, che l'ha diretta in Jupiter ascending.

Che donna straordinaria. Avevo già in mano il copione di The danish girl, ma il film sembrava non dover mai decollare. Eppure, la storia di quel pittore così tenacemente deciso a diventare donna era ormai nei miei pensieri. Ho iniziato a parlare con Lana di Lili e lei, con pazienza e gentilezza, ha guidato la mia formazione, mi ha anche segnalato dei libri da leggere.

Prima di indossare le gonne e i corsetti di Lili ha conosciuto o intervistato altri trans?

Sì. Tutte persone così gentili e generose da condividere con me la propria esperienza. Apertamente. «Chiedimi qualsiasi cosa», era la prima frase che mi dicevano.

E lei?

Chiedevo. Col ruolo di Lili ero consapevole che mi fosse stata data una straordinaria occasione. Nel frattempo, sapevo anche che, educando me stesso, potevo educare il pubblico. Accidenti, è delicato. Complicato.

Legittimo provare una certa ansia.

Il punto più alto della mia ignoranza, quando ho iniziato, era la convinzione che sesso e sessualità fossero correlati. È questa una delle cose fondamentali che voglio ribadire al mondo: si può essere gay o etero, trans uomo o donna, e queste due alternative non sono necessariamente allineate.

Cos'altro le ha insegnato sul gender il ruolo di Lili?

Questa cosa fondamentale, suppongo. Che è fluido. E anche che non deve essere etichettato.

Infatti nel suo Paese, sui documenti ufficiali, è ormai in uso il prefisso neutro Mx, accanto a Mr e Mrs.

È un altro traguardo. Sa, è come ammettere finalmente di vedere femminilità e mascolinità in tutti gli esseri umani. Questo merita di essere celebrato.

More from Gioia!:
Harry: quando la tua migliore amica è la moglie di tuo fratello
Personaggi
CONDIVIDI
Harry: «Kate è la sorella che non ho mai avuto»
Succede raramente ma quando succede è BELLISSIMO
james-bradburne-brera
Personaggi
CONDIVIDI
James Bradburne: «Perché ho portato il ballo a Brera»
Il direttore della Pinacoteca punta a conquistare i giovani e la città di Milano con un approccio che va oltre il «consumo culturale»
William è il principe (azzurro) del popolo e nel giorno del suo compleanno vi spieghiamo perchè
Personaggi
CONDIVIDI
William, il principe (azzurro) del popolo
Il Duca di Cambridge compie 35 anni oggi e la sua popolarità non è mai stata così alta
Vip incinte 2017, Lucilla Agosti aspetta il terzo figlio
Personaggi
CONDIVIDI
In arrivo il terzo figlio di Lucilla Agosti
«Ho sempre sognato una famiglia numerosa: i bambini portano gioia», detto fatto: in arrivo il terzo figlio per la conduttrice e il compagno...
Personaggi
CONDIVIDI
Nicole Kidman, 50 anni e carpe(t) diem
Ogni volta è una persona nuova su quel tappeto rosso: la militanza femminista è la sua ultima reincarnazione
Personaggi
CONDIVIDI
Julianne Moore, le passioni di una donna FE-NO-ME-NA-LE
Ama leggere, cucinare ed è innamorata della vita (oltre che del suo compagno, conosciuto sul set)
Principe George annoiato al trooping the colour a Londra
Personaggi
CONDIVIDI
Caro George, che noia la vita di corte
Musi lunghi e facce sprezzanti, Baby George ti disprezza... sempre
Il motivo per cui la Regina Elisabetta indossa colori brillanti
Personaggi
CONDIVIDI
Il motivo per cui la regina Elisabetta veste sempre con colori brillanti
C'è un'ottima ragione per cui la Regina indossa sempre tinte vivaci: a spiegarlo è la contessa di Wessex
Charlize Theron
Personaggi
CONDIVIDI
Charlize Theron, una donna che sa cosa vuol dire resilienza
Le curiosità che forse non conosci sulla vita di Charlize Theron
Personaggi
CONDIVIDI
Queen Bey, 3 volte mamma
Grande mistero sui nuovi nati di casa Carter: per Beyoncé e Jay Z si tratta del secondo e del terzo figlio dopo l'arrivo della figlia Blue...