Francesco Renga: «La serenità dopo Ambra»

Un album disco d'oro in 6 settimane, un tour in autunno e la capacità finalmente di «godersi il momento»: così il cantante bresciano racconta, in esclusiva a Gioia!, come ha trasformato la dolorosa separazione da Ambra Angiolini in qualcosa di buono

Più Popolare

Ha attraversato, insieme ad Ambra Angiolini, una delle crisi coniugali più chiacchierate degli ultimi anni, culminata in una separazione. E Francesco Renga ne è uscito come fanno gli artisti: trasformando lo smarrimento e il dolore in parole e musica, quelle dell'album Scriverò il tuo nome (Sony), disco d'oro in sei settimane, che porterà in concerto in ottobre a Milano, Roma, Padova e Bari. Perché, sostiene Renga, 48 anni compiuti il 12 giugno, «un canto, per essere completo, deve avere dentro la sofferenza, l'incertezza, il sentirsi inadeguati, la paura». Renga si racconta con disarmante sincerità bypssando quella riservatezza che gli fa stropicciare le mani mentre parliamo di ciò che gli sta più a cuore.

La cover del nuovo disco di Francesco Renga.
Advertisement - Continue Reading Below

«È un momento felice», spiega, con il sorriso che gli illumina il viso mediterraneo. «Sono sereno e ho trovato finalmente un team di persone che mi stanno vicino. I successi non sono mai frutto di una sola persona, c'è sempre bisogno di collaboratori che ti portino a fare le scelte giuste e ti dicano quando stai sbagliando».

È così difficile farsi dire quando sta sbagliando?

Difficilissimo: l'artista è visto come un disadattato che usa l'arte per raccontarsi non avendo altri mezzi e chi ha intorno cerca di assecondarlo, spesso facendo il suo male, soprattutto quando l'arte si confronta con il mercato. 

Più Popolare

Le persone che un artista ha vicino a volte non glielo dicono se ha toppato, ma il pubblico sì.

Il pubblico è l'unico interlocutore che non ti mente mai e al quale non puoi mai mentire. Puoi avere intorno il più grande team del mondo a gratificare il tuo ego, ma è il pubblico a decidere se quello che hai fatto serviva veramente.

Che cosa la rende felice oggi?

Sapere che il mio lavoro è piaciuto, che fra poco andrò in vacanza con i miei figli (Jolanda e Leonardo, di 12 e 10 anni, ndr), stare con gli amici, bere un bicchiere di vino, leggere un buon libro, guardare un bel film: piccole cose alle quali prima non riuscivo a dare il giusto peso. Per carattere faccio fatica a godermi il momento: ho metabolizzato la mia vittoria a Sanremo (nel 2005 con Angelo, ndr) un anno e mezzo dopo: lì per lì non mi ero goduto niente. 

Non ha citato il nuovo disco d'oro.

(Ride) Quello è solo un felice accessorio.

In Scriverò il tuo nome, canta: «La vita mette in ordine».

Advertisement - Continue Reading Below

Io credo che esista una regia, o un destino. Ci sono stati momenti nella mia vita, anche molto dolorosi, in cui mi sembrava incomprensibile quello che stava succedendo, e invece a distanza di tempo si sono rivelati snodi importanti. Credo che la vita faccia ordine anche a discapito nostro, un po' come quando l'amore ci sceglie. 

Nel brano Il bene infatti canta l'amore come inevitabile.

L'amore vero è in qualche modo subìto, ti prende per mano e lo devi seguire, punto e basta, anche quando sai che ti farai male o che farai del male. 

L'amore finisce?

Non c'è mai una fine in una grande storia d'amore. Ma quando è matura diventa anche altre cose: compromesso, sacrificio, responsabilità, soprattutto se ci sono dei figli. 

Infatti ripete spesso che «tutto rimane qui».

Tutto resta, si trasforma e ti trasforma. Affetti, amicizie, amori lasciano una traccia indelebile. Lo scopo dell'esistenza è trovare una situazione in cui ci si senta adeguati. 

Adeguati?

Nel senso di amati, capiti, ascoltati, coccolati. Il primo abbraccio della vita lo ricevi dalle braccia di tua madre e noi maschi ricerchiamo sempre quel tipo di protezione e di accoglienza.

Francesco Renga con Ambra Angiolini nel 2013.

È possibile rimanere amici dopo una separazione? 

Io e Ambra abbiamo avuto l'intelligenza di renderci conto che era arrivato il momento in cui, per non fare implodere la situazione, c'era bisogno di buttare il cuore al di là dell'ostacolo, per responsabilità nei confronti di una famiglia che comunque continua a esistere. Litigare, farsi del male, può essere gratificante sul momento ma a lungo andare distrugge tutto. Ambra e io questo passaggio ce lo siamo evitati e siamo rimasti vicini per i nostri figli, viviamo a una rampa di scale di distanza. Ci hanno aiutato tantissimo i nostri fantastici bambini. Abbiamo fatto un bel lavoro su di loro e ci stanno restituendo il favore.

La coppia agli inizi del loro amore.

Che cosa vuole insegnare loro?

Vorrei che percepissero quella distinzione netta tra il bene e il male che mi hanno trasmesso i miei genitori e che costituisce i binari sui quali corre la mia esistenza. Poi la condivisione, la carità, il dovere di gratificare le persone che ci stanno intorno. Da soli non ce la si fa, e invece il rischio è che ognuno pensi per sé. Al di là della razza, della provenienza, del ceto sociale siamo tutti davvero fratelli, quelli che arrivano con i gommoni sul territorio italiano sono addirittura nostri cugini, ma proprio geneticamente. In maniera giocosa e non pedante cerco di comunicare ai miei figli, con l'esempio, che significhi aiutare il prossimo. Perché è una cosa che non si spiega: si fa. 

In Guardami amore canta: «È impossibile restare in verticale». Oggi chi la tiene in piedi?

I miei figli, il mio lavoro e questa serenità che Ambra e io siamo riusciti a ritrovare. E mi tiene in piedi anche quest'idea dell'amore che credo sia la cosa più importante, non solo nelle mie canzoni, ma nella vita. Perché davvero è il motore di tutto. 

More from Gioia!:
Michael Caine 1965
Personaggi
CONDIVIDI
La mitica Swinging London raccontata da un personaggio molto speciale: Michael Caine
L'attore ripercorre in un film-evento la Londra degli anni 60, quando nacque la pop revolution
Personaggi
CONDIVIDI
James Franco #youtoo? Un altro attore accusato di molestie
Lo scandalo delle molestie sessuali ha travolto anche lui, smascherato subito dopo aver ricevuto un Golden globe
Personaggi
CONDIVIDI
Jeanette Madsen è la fashion editor più popolare della Danimarca. Cosa dovremmo imparare da lei? Tutto
Fashion Editor di Costume Magazine e universalmente riconosciuta come icona di stile, la Brigitte Bardot dei Nord ha classe da vendere
Woody Harrelson Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Personaggi
CONDIVIDI
Woody Harrelson ci parla di Tre manifesti, il film più vicino agli Oscar (e dell'America più gretta e razzista)
La storia straziante di un poliziotto sotto accusa nella provincia americana più razzista e rancorosa, ago della bilancia tra bene e male
L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Ricky Martin ed Édgar Ramírez raccontano L'assassinio di Gianni Versace, la serie tv in onda su Sky
Intervista esclusiva a Ricky Martin ed Édgar Ramírez che vedremo sullo schermo nella serie L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Chiara Mastroianni a noi due: la storia da sceneggiatura della figlia d'arte che ha vissuto mille vite in una
Papà Marcello si assicurava sempre che lei mangiasse, per questo, anche sul set, le portava dei panini!
Personaggi
CONDIVIDI
Rosa Fanti e Carlo Cracco in love: la loro serenata social pre matrimonio è più unica che rara
Lo chef più famoso della televisione e la compagna diventeranno molto presto marito e moglie (c'è chi assicura che il wedding day sarà...
Personaggi
CONDIVIDI
La vita rosa pastello di Faye Dunaway: dalla gaffe agli Oscar al suo amore incondizionato per l'Italia e Marcello Mastroianni
Forse la più grande attrice della sua generazione, a Faye il cinema americano deve tanto, tutto
Personaggi
CONDIVIDI
Isabella Rossellini nel nome del padre, della madre, e del suo spirito rivoluzionario
Cinema, passerelle tv, è perfetta sempre ma il suo ruolo in Velvet Blu è storia
Ben Affleck e Jennifer Garner news
Personaggi
CONDIVIDI
Ben Affleck distrutto è la prova di quanto fare la parte di quello che lascia sia uno schifo. Ma la tristezza?
Se Jennifer Garner fosse cattiva potrebbe essere fiera di aver vinto la guerra lasciando che diventasse Ben Affleck il meno figo dei due