Robbie Williams e la malattia misteriosa che lo ha costretto a fermarsi (per sempre?)

"Una volta che sei sul pianeta da 43 anni, ti rendi conto che, anche se hai tutto quello che puoi desiderare, non sei invincibile"

Più Popolare

Robbie Williams sta bene ma nulla ora potrà mai essere come prima. Arriva un giorno in cui apri il giornale e leggi che Robbie Williams annulla il tour e no, non si sa quando potrà tornare a cantare. Esami del sangue sballati, ricovero in ospedale, lui che fa video messaggi "Non cancello un tour per motivi di salute dal 1998, sapete perfettamente che farei una scelta del genere solo per un problema serio" e poi silenzio e preoccupazione. Passa qualche settimana e Robbie Williams torna a farsi vedere. Si parla di ernia del disco ma anche di terapia intensiva per 5 settimane, lui preferisce essere evasivo e la nebulosa intorno alle condizioni di salute di Robbie Williams si fa più spessa. Intanto fa sapere che se è di nuovo in piedi è grazie alla moglie Ayda e dice di aver messo la testa a posto definitivamente. Niente più stravizi, in questo già la paternità lo aveva messo sulla retta via, e adesso anche la svolta vegana (salvo un big burger a settimana che non si sa mai).

Advertisement - Continue Reading Below

This vegan diet has got its perks 💪

A post shared by Robbie Williams (@robbiewilliams) on

Più Popolare

Il tempo passa e Robbie Williams impara a fare i conti con quello che gli è successo. Viene fuori che lo showman provocatorio e un po' matto, quello che nelle interviste dice cose del tipo "Sono molto fortunato a essere stato nei Take That e in quattro Spice Girls su cinque", ha voglia di voltare pagina, ha bisogno di voltare pagina. A fargli annullare le date dell'Heavy Entertainment Show a Mosca e San Pietroburgo sono state "anomalie al cervello" roba seria di quelle che non guardano in faccia a nessuno, di quelle che anche se sei Robbie Williams, e il concetto di normalità non ti è mai stato chiaro, ti ridimensionano e i piedi a terra te li mettono eccome. In un'intervista rilasciata al Sun, Robbie ha raccontato la paura di quei momenti in cui capisci che c'è qualcosa che non va. "Il mio braccio sinistro si era intorpidito, avevo mal di testa, problemi di respirazione, e non riuscito a prendere aria. Ho fatto degli esami del sangue e ho effettuato tac, risonanze magnetiche ed esami. Al cuore come al cervello, e in quest'ultimo sono state rintracciate alcune "anomalie"", a questo seguono ulteriori accertamenti e 5 settimane in cui si lotta, per la vita. La conclusione positiva ma "L'intera esperienza mi ha davvero terrorizzato. Avevo già affrontato l'oscurità prima, ma all'epoca avevo 23 anni, 27 e poi 32. Una volta che sei sul pianeta da 43 anni, ti rendi conto che, anche se hai tutto quello che puoi desiderare, non sei invincibile". Robbie Williams non si sente più Dio, è comunque lui ma nulla ora potrà mai essere come prima (e forse per fortuna).

More from Gioia!:
Michael Caine 1965
Personaggi
CONDIVIDI
La mitica Swinging London raccontata da un personaggio molto speciale: Michael Caine
L'attore ripercorre in un film-evento nella Londra degli anni 60, quando nacque la pop revolution
Personaggi
CONDIVIDI
James Franco #youtoo? Un altro attore accusato di molestie
Lo scandalo delle molestie sessuali ha travolto anche lui, smascherato subito dopo aver ricevuto un Golden globe
Personaggi
CONDIVIDI
Fabio Rovazzi al cinema e lo slogan diventa "andiamo a lavorare"
L'idolo dei teenager è un laureato in cerca di impiego nel film Il vegetale, con un messaggio: sono tempi precari, ma pieni di opportunità
Personaggi
CONDIVIDI
Jeanette Madsen è la fashion editor più popolare della Danimarca. Cosa dovremmo imparare da lei? Tutto
Fashion Editor di Costume Magazine e universalmente riconosciuta come icona di stile, la Brigitte Bardot dei Nord ha classe da vendere
Woody Harrelson Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Personaggi
CONDIVIDI
Woody Harrelson ci parla di Tre manifesti, il film più vicino agli Oscar (e dell'America più gretta e razzista)
La storia straziante di un poliziotto sotto accusa nella provincia americana più razzista e rancorosa, ago della bilancia tra bene e male
L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Ricky Martin ed Édgar Ramírez raccontano L'assassinio di Gianni Versace, la serie tv in onda su Sky
Intervista esclusiva a Ricky Martin ed Édgar Ramírez che vedremo sullo schermo nella serie L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Chiara Mastroianni a noi due: la storia da sceneggiatura della figlia d'arte che ha vissuto mille vite in una
Papà Marcello si assicurava sempre che lei mangiasse, per questo, anche sul set, le portava dei panini!
Personaggi
CONDIVIDI
Rosa Fanti e Carlo Cracco in love: la loro serenata social pre matrimonio è più unica che rara
Lo chef più famoso della televisione e la compagna diventeranno molto presto marito e moglie (c'è chi assicura che il wedding day sarà...
Personaggi
CONDIVIDI
La vita rosa pastello di Faye Dunaway: dalla gaffe agli Oscar al suo amore incondizionato per l'Italia e Marcello Mastroianni
Forse la più grande attrice della sua generazione, a Faye il cinema americano deve tanto, tutto
Personaggi
CONDIVIDI
Isabella Rossellini nel nome del padre, della madre, e del suo spirito rivoluzionario
Cinema, passerelle tv, è perfetta sempre ma il suo ruolo in Velvet Blu è storia