Audrey Hepburn, la biografia e le frasi celebri di una donna indimenticabile

Elegantissima, bella e impegnata nel sociale: no, non è stata solo un'attrice

Più Popolare

Audrey Hepburn nacque in Belgio, a Bruxelles, il 4 maggio 1929, e si spense serenamente a Tolochenaz, il 20 gennaio 1993. Audrey Hapburn èuna delle più importanti attrici del mondo: cresciuta tra Belgio, Regno Unito e Paesi Bassi, durante il periodo nazista, subito dopo il secondo conflitto mondiale, la bella Audrey conquistò velocemente il grande pubblico, grazie alla sua bellezza, alla sua simpatia e alla sua bravura nella recitazione e nella danza.

Advertisement - Continue Reading Below

Audrey Hepburn e la danza

Audrey Hepburn muove i suoi primi passi, di danza, durante il periodo nazista: la sua arte, infatti, è più grande degli orrori del mondo. Dopo la guerra si trasferì ad Amsterdam e poi a Londra dove legittimò le sue abilità nella danza lavorando con il famoso ballerino Vaclav Nižinskij. Nonostante la bravura e la grazia, la povera Audrey era troppo bassa (1 metro e 67) e aveva sofferto problemi di malnutrizione durante la guerra, per poter diventare una ballerina professionista: da allora Audrey decise di ripiegare sul cinema. E così, dopo i primi ruoli teatrali e qualche apparizione cinematografica di produzione prettamente europee, la bella Audrey Hepburn decide di tentare la strada hollywoodiana.

Più Popolare

Audrey Hepburn inizi di carriera

Nel 1952 fa il provino per recitare nel capolavoro Vacanze romane, e da debuttante soffiò il posto a Elizabeth Taylor, già deputata a recitare il ruolo da protagonista nel film. Da quel giorno la carriera di Audrey Hepburn è una semplice corsa in discesa verso la gloria: subito dopo Vacanze romane, sarà la protagonista di Sabrina, film di Billy Wilder, e reciterà insieme a Humphrey Bogart e William Holden. In breve tempo divenne una delle attrici più importanti di Hollywood, recitando di volta in volta, con i migliori attori del momento come Fred Astaire, Maurice Chevalier, Gary Cooper e Cary Grant: nel 1957 recitò Cenerentola a Parigi, uno dei film preferiti dalla stessa Audrey e che forse più valorizza la sua enorme bellezza. Da allora film su film, uno più famoso dell'altro: si menzionano La storia di una monaca, di Fred Zinnemann; Gli inesorabili, di John Huston; Colazione da Tiffany di Blake Edwards; Quelle due, di William Wyler; Sciarada, di Stanley Donen; My Fair Lady, di George Cukor; Come rubare un milione di dollari e vivere felici, di William Wyler; Robin e Marian di Richard Lester e ...E tutti risero di Peter Bogdanovich, del 1981.

Audrey Hepburn in Etiopia per la sua prima missione come Ambasciatrice dell'Unicef.
Advertisement - Continue Reading Below

Audrey Hepburn oltre il cinema

Dopo il 1981, Audrey Hepburn, decise di ritirarsi un po' a vita privata e a dedicarsi alla sua famiglia. D'altronde, girò oltre trenta film in meno di trent'anni: eppure, la sua grande fama proseguì anche dopo aver deciso di sospendere almeno per un po' la sua carriera da attrice.

Audrey Hepburn e l'impegno politico e sociale

Il suo peso politico e il suo prestigio trovano l'incoronazione definitiva quando il suo volto fu scelto per fare da ambasciatrice dell'Unicef, attività a cui la dolce Audrey si dedicò fino al giorno della sua morte, avvenuta nel 1993 proprio di ritorno da un viaggio in Somalia.

Audrey Hepburn e l'ultimo film

Poco prima di lasciarci, la meravigliosa Audrey ci ha regalato un ultimo capolavoro Always - Per sempre, con la regia di Steven Spielberg. Un film che rivisto in quest'ottica ci riempi gli occhi di lacrime e di grande passione.

Audrey Hepburn ci ha lasciato in eredità un mucchio di capolavori, tutti resi magnifici dal suo sguardo sempre vispo e quella luce negli occhi di un fiore nato nel deserto della guerra.

Advertisement - Continue Reading Below

Audrey Hepburn le frasi celebri

La sua bellezza e la sua bravura sono rimaste scolpite a lungo nel cuore di tutti i suoi fan: le sue frasi celebri sono ancora oggi ripetute come proverbi di ineluttabile verità:

Chi non crede nei miracoli non è realista.

Se gli uomini fossero belli ed intelligenti, si chiamerebbero donne.

Certe luci della ribalta rovinano la carnagione, a una ragazza.

Alla conversazione durante un party nessuno contribuisce più degli assenti.

Oltre alla bellezza e alla bravura, va ricordato il suo impegno nel sociale sin dai suoi primissimi anni di attività: a partire dagli spettacoli contro il nazismo, passando per le battaglie del femminismo, fino ad arrivare alla voglia di debellare la fame del mondo in qualità di ambasciatrice dell'Unicef. Semplicemente, un esempio per l'umanità intera.

More from Gioia!:
George Clooney non si candida presidente Usa
Personaggi
CONDIVIDI
George Clooney, scene da una vita perfetta
L'attore e regista di Suburbicon ha dichiarato che non si candiderà come prossimo presidente degli Stati Uniti, peccato
Chiara Ferragni: rompe vestito sul red carpet
Personaggi
CONDIVIDI
Chiara Ferragni: l'abito si rompe alla MFW
Galeotta fu la spallina del suo abito... monospalla
Halle Berry il nuovo fidanzato è Alex Da Kid: tutto il gossip sul nuovo amore
Personaggi
CONDIVIDI
Halle Berry, col suo nuovo giovanissimo fidanzato, dimostra che bisogna sempre credere nell'amore
Con una dichiarazione d'amore da incorniciare Halle Berry conferma la sua storia con il produttore cinematografico Alex Da Kid
Chi è Lila Grace Moss Hack la figlia di Kate Moss
Personaggi
CONDIVIDI
Chi è Lila Grace Moss Hack, la figlia (bellissima) di Kate Moss
Per la prima volta ha accompagnato mamma Kate Moss a una sfilata durante la London Fashion Week (e qualcosa ci dice che non sarà l'ultima)
Personaggi
CONDIVIDI
Perché Diletta Leotta ha battuto la Ferragni su Instagram
Tra i vincitori dell'edizione 2017 dei MIA (Macchianera Internet Awards) la presentatrice si aggiudica il titolo di migliore instagrammer...
Principe William parla dei figli e delle preoccupazioni per George ma anche per Charlotte
Personaggi
CONDIVIDI
Principe William: «Charlotte ci farà dannare da grande»
A chi crede che il più pestifero di casa Windsor sia George, il principe William ha qualcosa da dire
Elisabeth Moss: Emmy per Handmaid's tale
Personaggi
CONDIVIDI
Elisabeth Moss e il suo Emmy per una serie tv (che non è Mad men)
Dal 26 settembre 2017 la vedremo protagonista dell'attesissima e super premiata serie The handmaid's tale, su TimVision
Nicole Kidman and Keith Urban
Personaggi
CONDIVIDI
Le coppie più belle degli Emmy Awards
Non solo glamour e abiti da sogno il tappeto rosso degli Oscar delle TV made in USA ha regalato tantissimi momenti di tenerezza
Personaggi
CONDIVIDI
Nicole Kidman: «Guardando questo premio le mie figlie sapranno che è per tutte le donne»
Ritirando il premio per la sua interpretazione nella mini serie TV Big Little Lies, ha parlato di abusi domestici: «Una malattia complicata...
Personaggi
CONDIVIDI
Federica Pellegrini: la donna oltre la campionessa
Non solo la nostra super campionessa di nuoto, ma anche una donna piena di passioni (e di amori)