La vita e le poesie di Alda Merini, la poetessa dei Navigli

Alda Merini, la poetessa dei Navigli, è stata una delle donne di cultura che ha maggiormente caratterizzato il 900 italiano: scopri di più su questa poetessa molto amata

Più Popolare

Una donna, la sua poetica. Attraverso le sue straordinarie poesie, Alda Merini è la scrittrice che ha maggiormente caratterizzato il 900, non solo in Italia. La sua esperienza di vita, l'alternarsi di lucidità e follia, l'internamento in manicomio, sono costantemente presenti nella sua poetica.

Lo stile di Alda Merini, poetessa di squisita sensibilità, è caratterizzato allo stesso tempo da una spiccata lucidità visionaria e da una certa inquietudine di sottofondo, espresse tuttavia attraverso toni semplici, lineari, limpidi. Una sorta di «fantastica irruenza» creativa, per usare le parole del critico Giorgio Manganelli.

Advertisement - Continue Reading Below

Alda Merini, la biografia

Alda Merini nasce a Milano il 21 marzo 1931, da una famiglia di origini modeste. Manifesta sin da subito una certa passione per la poesia e la musica e a soli 15 anni esordisce come autrice, spinta da Giacinto Spagnoletti, suo primo mentore. Nel 1947 incontra «le prime ombre della mente», come ebbe modo di definirle, e finisce internata per un mese a Villa Turro. Per Alda Merini, il manicomio sarà un'esperienza purtroppo costante, una sorta di alternarsi tra buio e luce, l'inizio di un estenuante viaggio nella psicanalisi. Le prime poesie di Alda Merini pubblicate nell'Antologia della poesia italiana sono Il gobbo e Luce, nel 1950. Seguita e apprezzata da Montale e Quasimodo, nel 1953 Alda Merini sposa Ettore Carniti, un ricco panettiere, e pubblica un volume di versi, La presenza di Orfeo, seguito pochi anni dopo da Nozze Romane e Tu sei Pietro, dedicata al medico curante di Emanuela, la prima delle sue tre figlie. Alda Merini, però, nel 1961 va nuovamente in crisi: fino al 1972 resta internata al manicomio Paolo Pini.

Più Popolare

La terra santa di Alda Merini

I periodi di salute e di malattia si alternano ancora per diversi anni. Non è più l'Alda Merini giovane e spensierata quella che nel 1979 riprende a comporre i versi che saranno raccolti in La Terra Santa (1984), una sorta di terra promessa ricercata attraverso la poesia e la scrittura. Morto il marito nel 1981, Alda Merini sposa Michele Pierri, anch'egli poeta, nel 1983 e si sposta a Taranto, dove scrive La gazza ladra e L'altra verità. Diario di una diversa, il suo primo libro in prosa. Fa ritorno a Milano nel 1986 e attraverso l'editore Vanni Scheiwiller pubblica Fogli bianchi e Testamento. La vita di Alda Merini scorre finalmente serena in questi anni in cui compone libri come Delirio amoroso e Il tormento delle figure. Nel 1993 le viene assegnato il Premio Librex-Guggenheim Eugenio Montale.

I pensieri di Alda Merini

Anche gli ultimi anni di Alda Merini sono prodighi di titoli e opere famose, da La pazza della porta accanto del 1995 a Ballate non pagate. Grande successo ha pure Reato di vita, autobiografia e poesia, mentre La vita facile del 1996 le vale prima il Premio Viareggio, poi il Premio Elsa Morante. Molti dei più celebri aforismi di Alda Merini sono invece contenuti in La Volpe e il sipario e in Aforismi e magie, non scritti ma dettati spontaneamente ad altri. Ultime opere sono Clinica dell'abbandono, contenente la videocassetta dal titolo Più bella della mia vita è stata la poesia, Pulcinoelefante e Le briglie d'oro. La Poetessa dei Navigli muore l'1 novembre 2009 all'ospedale San Paolo di Milano, a causa di un tumore osseo. In suo onore il cantautore Roberto Vecchioni scrive Canzone per Alda Merini. Raccolte con le più belle poesie di Alda Merini sono pubblicate tuttora dalle principali case editrici italiane.

Advertisement - Continue Reading Below

Alcuni versi di Alda Merini

«Bacio che sopporti il peso della mia anima breve in te il mondo del mio discorso diventa suono e paura», da Clinica dell'abbandono.

«Manicomio è parola assai più grande delle oscure voragini del sogno», da Manicomio è parola, La Terra Santa.

«La cosa più superba è la notte quando cadono gli ultimi spaventi e l'anima si getta l'avventura», da Superba è la notte.

L'eredità di Alda Merini

In Alda Merini il disagio diventa fonte di ispirazione, materia prima per una poetica semplice e visionaria, spontanea e irruenta, in cui le immagini vengono accostate spesso senza collegamenti, senza la consueta linearità. È un modo di esprimersi, di fare poesia quasi orfico, che rimanda ad un'oralità primordiale piuttosto che a una vera ricercatezza di scrittura. Lo stile di Alda Merini è una sorta di compromesso tra sogno e poesia, che dalla traumatica esperienza personale dell'autrice arriva a toccare tutti i luoghi possibili del dolore dell'uomo. L'amore, la delusione, l'emarginazione, la sofferenza sono temi ricorrenti in poesie e libri di Alda Merini. La passione come fonte di santità, il dolore come modo per riscattarsi chiariscono la religiosità della poetessa, sempre presente nella sua produzione.

More from Gioia!:
Cesare Cremonini la nuova fidanzata è Ludovica Frasca?
Personaggi
CONDIVIDI
Chi sarebbe la nuova fidanzata di Cesare Cremonini? Uuuh possibile scenario interessante
Pettegolezzi e mezze parole ma anche qualche indizio
Personaggi
CONDIVIDI
Jackie Kennedy storia di una vita (fragile) da predestinata
"Non voglio la capote sulla macchina, tutte la texane devono vedere che bella ragazza è Jackie" (John F. Kennedy)
Personaggi
CONDIVIDI
Vorrei rinascere Christie Brinkley! La storia della top model anni 80 invecchiata benissimo
Famosissima negli anni 70 e 80, regina delle copertine di Sports Illustrated ed ex moglie del musicista Billy Joel, tutto sulla mitica...
Mila Kunis Mamme molto cattive
Personaggi
CONDIVIDI
Mila Kunis, mamma zero in condotta: "Non mettetemi troppa pressione, grazie!"
Torna al cinema nel sequel di Bad moms, sicura che il successo si ripeterà, "perché tutti i genitori si riconoscono in una madre in crisi"
GFVip finale vince Daniele Bossari
Personaggi
CONDIVIDI
Finale del GfVip 2017 con il botto! Bossari vincitore ma Luca Onestini premio rivelazione dell'anno
*Spoiler*. Alla fine ha vinto il nostro preferito
Nadia Toffa conduttrice Iene
Personaggi
CONDIVIDI
Nessuna news, Nadia Toffa è una guerriera ops Iena da una vita intera
Supporto pazzesco e totale per Nadia, amatissima dal pubblico e dalla tv che sta superando la sfida più tosta della sua vita
Personaggi
CONDIVIDI
Chi è Mikayla Holmgren, la prima miss Universo con la sindrome di Down
Una vittoria storica quella di Mikayla Holmgren
Personaggi
CONDIVIDI
Uma Thurman patrimonio dell'umanità solo prima della nuova Uma (ritoccata)?
Musa di tanti, amante di nessuno, 10 cose che forse non tutti sanno sulla divina Uma
Personaggi
CONDIVIDI
Sarah Felberbaum è la "moglie di" meno raccomandata e più talentuosa d'Italia?
Due anni fa ha sposato il suo grande amore Daniele De Rossi, capitano della Roma, attrice riconosciuta da sempre e mamma super
Chi è il nuovo fidanzato di Scarlett Johansson Colin Jost
Personaggi
CONDIVIDI
Un comico? Chi è il nuovo fidanzato di Scarlett Johansson
Si sa che non c'è niente di meglio di un uomo innamorato e che ci sappia far ridere per rubarci il cuore... per sempre