Shailene Woodley lo ammette: «Io so da che parte stare»

Contro gli oleodotti, le ingiustizie, Big Data, a favore degli animali, i giovani, Bernie Sanders: a soli 25 anni, la fidanzata dell'ex informatico della Cia Edward Snowden (al cinema) ha le idee chiare e le grida a voce, alta anche a costo di farsi arrestare

Più Popolare

Shailene Woodley si avvia verso l'auto, quando all'improvviso viene circondata da poliziotti ed arrestata. Le immagini sono state trasmesse in diretta sul suo profilo Facebook il 10 ottobre 2016, quando l'attrice è stata accusata di violazione di proprietà: insieme a duecento nativi americani protestava contro la costruzione dell'oleodotto Bakken in North Dakota. La notizia non mi ha sorpreso, considerato quello che mi aveva detto solo pochi giorni prima al festival di Zurigo: «Credo troppo nella natura e nelle future generazioni per potermene stare qui seduta con le mani in mano e permettere che vengano compiute ingiustizie». L'occasione di incontrare l'attrice diventata famosa col mélo Colpa delle stelle e la saga per giovani adulti Divergent, è quella di parlare di Snowden. Nel film di Oliver Stone è nella parte di Lindsay Mills, la fidanzata dell'ex agente Cia (lo interpreta Joseph Gordon-Levitt, ndr) che, spifferando al mondo il piano di sorveglianza di massa del Governo Usa, ha reso la giovane donna una celebrità suo malgrado.

Shailene Woodley e Joseph Gordon-Levitt in una scena di Snowden.
Advertisement - Continue Reading Below

«Lindsay, a differenza di me, non ha scelto una vita sotto i riflettori e, nonostante le avversità è riuscita a proteggere la sua vita privata», mi racconta Shailene Woodley, che tra le mani stringe un libro di ricette. Quando lo noto, mi spiega: «Me lo hanno regalato al ristorante perché sono vegetariana. Ai fornelli me la cavo bene, una volta cucinavo delle gran bistecche, ora non più». Venticinque anni compiuti il 15 novembre 2016, Woodley spicca nel panorama dei coetanei hollywoodiani per le prese di posizione politiche degne di una pasionaria. «Sono stata attratta da questo film perché, quando è scoppiato lo scandalo di Edward Snowden, sono rimasta scioccata. Io appartengo forse all'ultima generazione che ancora non aveva un iPhone a scuola, ma mi basta pensare a mio fratello, di soli tre anni più piccolo di me, che si rapporta al mondo attraverso lo smartphone, per capire cosa voglia dire questa raccolta di dati personali attraverso Internet. Ecco perché è importante parlare di privacy».

Più Popolare

La sua è più limitata per via del suo ruolo pubblico...

Io però questa vita l'ho scelta e so che a giornalisti&co piace frugare nella vita privata delle star; ormai non ci faccio più caso. Casomai a dispiacermi è che nell'industria dell'intrattenimento molta gente scrive cose false per vendere di più, oppure mi chiede cose banali mentre io vorrei solo parlare di cinema e arte. Ma d'altra parte viviamo nell'era dei reality show e delle Kardashian, che cavalcano questo modello di informazione.

Shailene Woodley a un convegno sulla rivoluzione climatica.

Recitare in Snowden per lei ha un significato politico?

Il mio impegno è iniziato con la campagna a favore di Bernie Sanders(il senatore candidato alle primarie del Partito democratico, battuto da Hillary Clinton, alle ultime elezioni Usa, ndr). Mi ha convinto a sostenerlo Susan Sarandon, che ammiro molto perché lotta in prima persona affinché il governo si occupi dei bisogni del 99 per cento della popolazione e non del restante 1 per cento. Perciò questo film è importante: negli Usa il diritto alla privacy è diventato un privilegio. Ormai tutti utilizzano i social media, compreso lei, pur sapendo che le multinazionali e il governo approfittano di ciò per raccogliere dati sul nostro conto. Io sto su Instagram e Twitter da quando ho fatto campagna per Sanders, ma sono consapevole che tutto quello che condivido è pubblico. Il vero problema è che si viene spiati non solo quando sei sui social, ma anche quando mandi una mail o un messaggio con WhatsApp. E questa è solo una delle tante forme di sorveglianza.

Mi faccia un esempio.

Una volta facevo shopping online e poco dopo ho ricevuto una mail pubblicitaria dei prodotti che stavo guardando. Siamo tracciati, e chissà a quali dati personali rinunciamo quando firmiamo le condizioni di utilizzo di alcuni servizi online. Ma chi le legge fino in fondo? Né ho modo di impedire a un eventuale hacker di collegare un computer alla mia auto e seguire via Internet il mio percorso fino a casa.

Questo scenario la spaventa?

Non sono una paranoica e non voglio essere paralizzata dalla paura, ma cercare di cambiare le cose e migliorare. Per questo mi ero impegnata per Bernie.

Shailene Woodley ospite del programma Last night con il senatore Bernie Sanders, da lei appoggiato.

Le cose poi sono andate molto diversamente e l'America ha scelto Donald Trump. Ma, in campagna elettorale, che il Partito democratico abbia sostenuto Hillary e non Sanders non l'ha fatta rimanere delusa dalla politica?

Mi ha deluso il partito, non Sanders. Si può restare innamorati della politica anche se non vinci. Sanders ha reso comunque un grande servizio al Paese: è stato capace di ispirare le nuove generazioni. I suoi programmi hanno saputo far breccia nei giovanissimi: ho visto migliaia di sedicenni trascinati dalle sue idee. Per questo bisogna guardare con ottimismo alle elezioni del 2020. La strada giusta è impegnarsi in prima persona, grazie anche alla tecnologia che oggi permette di informarsi su tutto, semplicemente consultando Wikileaks.

Le giovani generazioni però sul discorso della privacy sembrano meno "sensibili", come se vi avessero rinunciato...

Diciamo la verità , la privacy non esiste più. Mi preoccupano di più i "vecchi", perché sono disposti ad accettare senza discutere qualsiasi forma di controllo in nome della presunta sicurezza nazionale.

Insomma, questo film per lei ha un valore aggiunto, vero?

Tutti capiamo il valore dell'amore e del sacrificio, e cosa vuol dire sapere che qualcosa è sbagliato e scegliere se stare zitti oppure farsi avanti e denunciare tutto. Edward ha deciso di sacrificarsi per combattere un'ingiustizia. Quando ho incontrato la vera Lindsay, prima di interpretarla, ho cercato di dimostrarle che anche io sono come loro: sto dalla parte della gente.

More from Gioia!:
Personaggi
CONDIVIDI
James Franco #youtoo? Un altro attore accusato di molestie
Lo scandalo delle molestie sessuali ha travolto anche lui, smascherato subito dopo aver ricevuto un Golden globe
Personaggi
CONDIVIDI
Fabio Rovazzi al cinema e lo slogan diventa "andiamo a lavorare"
L'idolo dei teenager è un laureato in cerca di impiego nel film Il vegetale, con un messaggio: sono tempi precari, ma pieni di opportunità
Personaggi
CONDIVIDI
Jeanette Madsen è la fashion editor più popolare della Danimarca. Cosa dovremmo imparare da lei? Tutto
Fashion Editor di Costume Magazine e universalmente riconosciuta come icona di stile, la Brigitte Bardot dei Nord ha classe da vendere
Woody Harrelson Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Personaggi
CONDIVIDI
Woody Harrelson ci parla di Tre manifesti, il film più vicino agli Oscar (e dell'America più gretta e razzista)
La storia straziante di un poliziotto sotto accusa nella provincia americana più razzista e rancorosa, ago della bilancia tra bene e male
L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Ricky Martin ed Édgar Ramírez raccontano L'assassinio di Gianni Versace, la serie tv in onda su Sky
Intervista esclusiva a Ricky Martin ed Édgar Ramírez che vedremo sullo schermo nella serie L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Chiara Mastroianni a noi due: la storia da sceneggiatura della figlia d'arte che ha vissuto mille vite in una
Papà Marcello si assicurava sempre che lei mangiasse, per questo, anche sul set, le portava dei panini!
Personaggi
CONDIVIDI
Rosa Fanti e Carlo Cracco in love: la loro serenata social pre matrimonio è più unica che rara
Lo chef più famoso della televisione e la compagna diventeranno molto presto marito e moglie (c'è chi assicura che il wedding day sarà...
Personaggi
CONDIVIDI
La vita rosa pastello di Faye Dunaway: dalla gaffe agli Oscar al suo amore incondizionato per l'Italia e Marcello Mastroianni
Forse la più grande attrice della sua generazione, a Faye il cinema americano deve tanto, tutto
Personaggi
CONDIVIDI
Isabella Rossellini nel nome del padre, della madre, e del suo spirito rivoluzionario
Cinema, passerelle tv, è perfetta sempre ma il suo ruolo in Velvet Blu è storia
Ben Affleck e Jennifer Garner news
Personaggi
CONDIVIDI
Ben Affleck distrutto è la prova di quanto fare la parte di quello che lascia sia uno schifo. Ma la tristezza?
Se Jennifer Garner fosse cattiva potrebbe essere fiera di aver vinto la guerra lasciando che diventasse Ben Affleck il meno figo dei due