Robert Redford compie 80 anni: storia di un attore con più vite

Il 18 agosto 2016 compie 80 anni e ha già collezionato due vite, la prima come attore bello e tormentato, sex symbol indiscusso, la seconda come regista e guru del cinema indipendente: aspettiamo di vedere cosa combinerà nella terza

Più Popolare

Quando si dice il destino in un volto, perché di belli come il suo ce ne sono stati davvero pochi. A dire la verità, incredibilmente, con baffi e capelli un po' più lunghi era perfino meglio. Perché Robert Redford innestava su quella faccia da archetipo Wasp (white, anglosaxon, protestant) ricco, figo e di successo, un'ombra trasgressiva, un guizzo insolente, un twist inaspettato. Prendete Come eravamo: prima biondo, solare, adone dello sport; poi elegantissimo in smoking, vincente, compiaciuto e sicuro di sé. O Butch Cassidy, Corvo rosso non avrai il mio scalpo o anche I tre giorni del condor: dietro i lineamenti perfetti s'intravvede qualcosa di meno regolare, prevedibile, rassicurante: uno slittamento, una deriva, una linea d'ombra.

Robert Redford al Sundance Film Festival 2015.
Advertisement - Continue Reading Below

Ma non è stata (solo) questione di look, Robert Redford, che festeggia il suo compleanno il 18 agosto 2016 - 80 anni! - ed è ora nei cinema con il film Disney Il drago invisibile, è da sempre molto amato per questo: per aver osato scalfire la sua bellezza, emblema del successo e della ricchezza americana come da sempre viene immaginata, con l'ombra del dubbio, dell'insicurezza, dell'insofferenza verso i facili trionfalismi.

L'attore con la famiglia, nel 1969.

Aveva una faccia che non avrebbe mai potuto essere quella di un loser, di un perdente: e infatti non ottenne la parte di protagonista del Laureato. Nei suoi film poteva chiudere la partita in parità o con l'amaro in bocca, ma non cadere vittima di una sconfitta definitiva (è avvenuto solo nel Grande Gatsby, e a scapito della sua credibilità). Eppure, giocando di understatement, con lo smarrimento dello sguardo, riusciva a trasformare lo yankee vincente in un uomo in stato di crisi permanente. 

Robert Redford con Mia Farrow nel film Il grande Gatsby, del 1974.
Più Popolare

Una vita nomade tra New York e Firenze

Figlio di un lattaio e di una casalinga, Redford, adolescente, soffre della vita limitata della cittadina dove è nato. Sogna, si agita, cambia una scuola dopo l'altra e quando la madre muore di cancro, all'età di 18 anni, decide di partire. New York, poi Parigi, Firenze per diventare pittore, senza una lira in tasca, vivendo di lavoretti, saltando pasti, dormendo dove capita, tirando la cinghia. Tanto solo da sentire la necessità di ribadirlo in molte interviste «La solitudine... quando non parli con nessuno per giorni, quando il mondo è una scatola vuota che risuona solo dei tuoi passi e dei tuoi pensieri». Ma l'arte non è la sua strada. Si avvilisce, torna a casa. «Mi sentivo invecchiato dentro. Cominciai a bere, a uccidermi lentamente ogni giorno».

Robert Redford con Natalie Wood nel 1966.

L'amore a salvarlo e gli esordi a Broadway

È l'amore a questo punto a salvarlo: Lola von Wogenen, sua vicina di casa, è la sua ancora di salvezza. Insieme vanno a New York, si sposano, lei lavora per due mentre Redford si avvicina alla recitazione e frequenta l'accademia. Il successo arriva con A piedi nudi nel parco: tre anni di repliche a Broadway, poi il film con Jane fonda. È la rivincita. Lavora a fianco di Natalie Wood, Catherine Ross, Barbra Streisand, Meryl Streep, naturalmente Paul Newman.

Robert Redford con Paul Newman in Butch Cassidy e Billy the kid, uscito nel 1969.

Redford non perde la testa, fino al 1985 resta con Lola, non fa casino. Con i piedi per terra cresce, matura, costruisce, passa dietro la cinepresa e nel 1980 porta a casa da regista l'Oscar con Gente comune. Girerà altri 10 film in bilico tra analisi dei sentimenti (L'uomo che sussurrava ai cavalli) e temi politici (Leoni per agnelli, La regola del silenzio).

Con un'amica sulla Fifth Avenue, nel 1978.

Dietro l'attore Redford, il pubblico, passati in secondo piano il biondo grano dei capelli e il sorriso perfetto, ha imparato a vedere l'uomo: l'acceso democratico, l'ambientalista appassionato, il regista sempre impegnato, e naturalmente il fondatore del Sundance institute and festival, Dedicato a quei ragazzi che, come accadde a lui, sentono l'esigenza di esprimersi e hanno bisogno di aiuto e di una strada. In fondo, a Redford è riuscita una cosa rara: dimostrare che dietro l'immagine del sogno Wasp può battere il cuore di un uomo appassionato della vita, e degli altri esseri umani.

More from Gioia!:
Personaggi
CONDIVIDI
Jeanette Madsen è la fashion editor più popolare della Danimarca. Cosa dovremmo imparare da lei? Tutto
Fashion Editor di Costume Magazine e universalmente riconosciuta come icona di stile, la Brigitte Bardot dei Nord ha classe da vendere
Woody Harrelson Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Personaggi
CONDIVIDI
Woody Harrelson ci parla di Tre manifesti, il film più vicino agli Oscar (e dell'America più gretta e razzista)
La storia straziante di un poliziotto sotto accusa nella provincia americana più razzista e rancorosa, ago della bilancia tra bene e male
L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Ricky Martin ed Édgar Ramírez raccontano L'assassinio di Gianni Versace, la serie tv in onda su Sky
Intervista esclusiva a Ricky Martin ed Édgar Ramírez che vedremo sullo schermo nella serie L'assassinio di Gianni Versace
Personaggi
CONDIVIDI
Chiara Mastroianni a noi due: la storia da sceneggiatura della figlia d'arte che ha vissuto mille vite in una
Papà Marcello si assicurava sempre che lei mangiasse, per questo, anche sul set, le portava dei panini!
Personaggi
CONDIVIDI
Rosa Fanti e Carlo Cracco in love: la loro serenata social pre matrimonio è più unica che rara
Lo chef più famoso della televisione e la compagna diventeranno molto presto marito e moglie (c'è chi assicura che il wedding day sarà...
Personaggi
CONDIVIDI
La vita rosa pastello di Faye Dunaway: dalla gaffe agli Oscar al suo amore incondizionato per l'Italia e Marcello Mastroianni
Forse la più grande attrice della sua generazione, a Faye il cinema americano deve tanto, tutto
Personaggi
CONDIVIDI
Isabella Rossellini nel nome del padre, della madre, e del suo spirito rivoluzionario
Cinema, passerelle tv, è perfetta sempre ma il suo ruolo in Velvet Blu è storia
Ben Affleck e Jennifer Garner news
Personaggi
CONDIVIDI
Ben Affleck distrutto è la prova di quanto fare la parte di quello che lascia sia uno schifo. Ma la tristezza?
Se Jennifer Garner fosse cattiva potrebbe essere fiera di aver vinto la guerra lasciando che diventasse Ben Affleck il meno figo dei due
Personaggi
CONDIVIDI
La storia fragile (e la fine atroce) di Gabriella Ferri, la casta diva di Roma Testaccio vittima di se stessa
È stata la grande bellezza di Roma, la sua voce e i suoi occhi in un ricordo breve ma intenso
Personaggi
CONDIVIDI
Angela Nasti velina mora (con fidanzato calciatore), è la copia identica di sua sorella Chiara velina bionda
Angela Nasti sta seguendo egregiamente le orme della sorella Chiara nel patinato e affollato mondo del fashion blogging. Ps: è da...