Olimpiadi 2016: 14 atlete da seguire attentamente

Tutti parleranno di queste donne durante i Giochi olimpici di Rio: conosciamole un po' meglio, allora

More From Rio 2016 Unlimited
20 articles
paralimpiadi 2016: le medaglie dell'italia a rio
Paralimpiadi 2016: le medaglie dell'Italia
Pronta per seguire le Paralimpiadi 2016 a Rio?
Chi è Gregorio Paltrinieri. Anzi, Gregoro!
Presented by Vodafone Unlimited

Sono iniziate le Olimpiadi di Rio 2016 e questo vuol dire che sentiremo parlare di competizioni e atleti molto a lungo. Tra tutte le atlete presenti a Rio per i Giochi olimpici, ci sono 14 donne su cui dovreste puntare il vostro radar. Ecco perché.

Simone Biles, ginnastica, Usa

Advertisement - Continue Reading Below

L'affiatamento e il valore della squadra americana a Rio è molto promettente, capitanata da Simone Biles che con tre titoli mondiali e 10 medaglie d'oro si iscrive di diritto nel Guinness dei primati.

Jessica Ennis-Hill, eptathlon, Gran Bretagna

Ci sono state poche atlete ai Giochi Olimpici di Londra 2012 capaci di catturare la simpatia di tuti come Jessica Ennis-Hill, figlia di un assistente sociale del Derbyshire e di una pittrice giamaicana. Tra l'altro, Ennis è stata al centro di attenzioni per quel che riguarda il virus Zika in Brasile, considerato che a luglio 2014 è diventata madre.

La squadra di pallavolo femminile del Giappone

Il desiderio di vittoria è molto forte per le atlete giapponesi dal momento che il Giappone ospiterà le Olimpiadi del 2020 a Tokyo. Non dimentichiamo che la squadra di pallavolo femminile del Giappone è la quinta più forte al mondo e a Londra 2012 ha saputo riscattarsi dopo un periodo di negatività, dovuto anche ai famosi eventi sismici che si sono abbattuti sul Sol Levante.

Ana Marcela Cunha, nuoto, Brasile

Considerata una delle migliori nuotatrici al mondo, Cunha è tra le più gettonate dai bookmaker per la vittoria di una medaglia d'oro per il Brasile. Cunha è diventata una delle prime atlete a qualificarsi per i Giochi di Rio al World Championships di Kazan', in Russia, vincendo la prima medaglia d'oro sui 25 chilometri. Tra l'altro è stata eletta atleta dell'anno dal Comitato Olimpico del Brasile ed è membro dalla marina militare del suo paese.

Shelly-Ann Fraser-Pryce, centometrista, Giamaica

Tra velocisti giamaicani e statunitensi esiste una rivalità di vecchia data (e una lunga serie di scandali per doping), ma la sorprendente Shelly-Ann Fraser-Pryce è riuscita a tenersi fuori dalla mischia. Pryce è anche in lizza per la sua terza medaglia d'oro consecutiva ai Giochi Olimpici e condivide una posizione di prestigio nella sua specialità con il connazionale Usain Bolt. Lei ha vissuto a lungo alla sua ombra, ma non è certo da meno del suo mentore.

Advertisement - Continue Reading Below

Olufunke Oshonaike, ping pong, Nigeria

Oshonaike ha iniziato a giocare a ping-pong tra le strade di Lagos quando era una ragazza e a 36 anni ha rappresentato il suo paese ai Giochi di Londra 2012. Dopo essersi assicurata un posto ai Giochi di Rio piazzandosi tra i primi quattro posti agli All-Africa Games del 2015, fa parte di un grande contingente che il suo Paese ha inviato a Rio per spodestare le squadre asiatiche.

Ricordiamo che, fin dal suo ingresso nelle Olimpiadi del 1952, la Nigeria ha vinto 23 medaglie ma nessuna nel ping-pong.

Adeline Gray, lotta libera, Usa

Gli Stati Uniti non hanno mai vinto una medaglia d'oro olimpica nella lotta libera femminile, e Adeline Gray potrebbe essere colei che cambierà le cose. Gray è tre volte campionessa del mondo e solo per una questione di peso non ha partecipato ai Giochi di Londra nel 2012. Nativa del Colorado, Adeline Gray ha combattuto anche contro dei ragazzi fin dalla più giovane età, per poi imporsi all'attenzione dei media. Negli USA lei rappresenta una pioniera della lotta libera e una sua medaglia la consacrerebbe definitivamente.

Bridgitte Hartley, canoa, Sudafrica

Di certo pensando al Sudafrica non verrebbe in mente il canottaggio, soprattutto dopo i Campionati Mondiali di calcio tenutisi nel Paese. E per Bridgitte Hartley, campionessa nata a Johannesburg, la passione per la canoa non è stata immediata. Mentre studiava all'Università di Pretoria, Hartley è stata introdotta al kayak e infine alla canoa e per questa specialità ha partecipato alle Olimpiadi di Pechino nel 2008, arrivando in semifinale con la compagna di squadra Michele Eray e poi ha vinto un bronzo alle Olimpiadi di Londra 2012.

Più Popolare

Deepika Kumari, tiro con l'arco, India

Sebbene l'India conti una popolazione femminile di circa 600 milioni di individui, le donne hanno  dovuto lottare per affermarsi nel medagliere olimpico. Nonostante tutto, Deepika Kumari, arciere di Ranchi, si trova attualmente al quinto posto della classifica mondiale di tiro con l'arco e potrebbe lasciare Rio con una medaglia e, di conseguenza, sarebbe accolta da un sesto della popolazione mondiale come una superstar.

Laurie Hernandez, ginnastica, Usa

Ha solo 16 anni ed è entrata a far parte della squadra di ginnastica degli USA dopo aver vinto nel 2015 il campionato nazionale juniores. Ai Giochi di Rio è considerata molto forte alla trave olimpica. Tra l'altro, il che non guasta, è una delle più belle atlete latine a Rio.

Amy Cragg, maratona, Usa

A febbraio, Cragg ha vinto a Los Angeles la prove di maratona femminile con il tempo di 2 ore, 28 minuti e 20 secondi. Amy Cragg ha vinto un bronzo nei Giochi di Atene nel 2004 e ha corso i 10mila metri a Londra, piazzandosi in undicesima posizione, con un tempo di 31 minuti e 10 secondi.

Jo Aleh e Polly Powrie, vela, Nuova Zelanda

La vela è per i Kiwi quello che il calcio è per il Brasile: una vera e propria passione. Conosciuto come «Team Jolly», Jo Aleh e Polly Powrie veleggiano insieme dal 2006 vincendo anche un campionato mondiale. Da allora, sono diventate la squadra da battere e, nei Giochi di Londra, hanno portato a casa anche un oro.

Phupu Lamu Khatri, judo, Nepal

Poco nota al di là dei confini del suo Paese, in Nepal Khatri è una vera e propria celebrità, e ha vinto una medaglia d'oro e una d'argento. L'oro le è valso il titolo di eroe nazionale ai dodicesimi Giochi del Sud Asia: è stata la prima nepalese a vincerli. Commossa, ha dedicato la medaglia a suo padre, morto due anni prima sull'Everest per una valanga.

Da: Redbook

COSA NE PENSI?

Personaggi
CONDIVIDI
Frank Chamizo, il lottatore ribelle
​Nato a Cuba e naturalizzato italiano, ha riportato il nostro tricolore sul podio della lotta libera​
appuntamenti sport olimpici
Trend
CONDIVIDI
I prossimi appuntamenti con gli sport olimpici
​Dove e quando torneranno in campo gli atleti che ci hanno fatto appassionare ai loro sport
Personaggi
CONDIVIDI
​Gabriele Detti: la mia rivincita dopo l'infortunio​
​Il nuotatore compie oggi 22 anni, con due medaglie olimpiche in tasca e tante difficoltà dietro le spalle​
Storie
CONDIVIDI
Le 10 medaglie di legno dell'Italia a Rio 2016
​Tutti i quarti posti che ci hanno fatto piangere​ durante le Olimpiadi
settebello e setterosa
Personaggi
CONDIVIDI
8 cose da sapere su Settebello e Setterosa
​Dall'origine del nome alle curiosità sui capitani, tutto quello che dovresti sapere​ (anche se non sei un'appassionata di pallanuoto)​
nazionale italvolley maschile
Storie
CONDIVIDI
La Nazionale di volley è da medaglia d'oro per la solidarietà
​Il capitano Birarelli annuncia una donazione a favore delle vittime del terremoto in Centro Italia​
Personaggi
CONDIVIDI
Le medaglie olimpiche italiane: quale ti ha emozionato di più?
​A Rio 2016 chi tra i campioni azzurri ti ha fatto battere il cuore?​
Olimpiadi 2016: foto più belle della chiusura
Storie
CONDIVIDI
La chiusura delle Olimpiadi, tra spettacolo ed emozioni
Cala il sipario su Rio 2016: rivivi la cerimonia di chiusura con le foto più belle, aspettando Tokyo 2020
Personaggi
CONDIVIDI
Olimpiadi: e se ci fosse anche il premio Simpatia?
​​Lo vincerebbero loro, gli atleti italiani che hanno dato prova di sense of humor in queste interviste​
Storie
CONDIVIDI
Fotostoria di Rio 2016
Dalla cerimonia d'inaugurazione alle imprese sportive, fino allo show di chiusura: le 100 immagini più belle