Cara Amy Schumer, nel film sarai una Barbie meravigliosa

La comica americana è stata a scelta per dare alla Barbie, nel film che si girerà nel 2017, un corpo curvy: finalmente diverso

Più Popolare

Cara Amy Schumer,

è tutto meraviglioso.

Lo cantavano i pupazzetti Lego nel film dell'anno scorso, lo affermerai con qualche brillantemente appiccicoso tormentone pure tu nel film di Barbie che girerai l'anno prossimo, storia di riscatto e libertà in cui una bionda paffuta – guai a darti della cicciona, per essere una paladina del "mi piaccio come sono" sei permalosissima – viene cacciata da bambole magre (in quanto) conformiste e scopre, dopo debite peripezie, che la perfezione non esiste: ogni creatura è speciale a modo suo. Evviva.

Advertisement - Continue Reading Below

Il film, sono sicura, piacerà moltissimo alle ragazzine. Anche a quelle con i capelli rossi, la pelle nera o gli occhiali da miope, ché l'identificazione non ha molto a che fare con le caratteristiche organolettiche: più col nostro bisogno di validazione. Non sono altrettanto sicura che aiuterà a vendere bambole con la cellulite e il doppio mento – non che questi siano problemi che ti riguardano, Amy, per carità – ma forse non è questo il punto.

Più Popolare

Forse per vendere bambole longilinee è sufficiente trattarle da ripudiate. Lo scorso gennaio, dopo un paio d'anni di crisi, Mattel ha lanciato con spirito di rivalsa una linea di Barbie diverse – alte, grasse, magre, basse – e il fatturato ha ripreso a crescere. Però io queste bambole realistiche nelle case delle bambine reali non le ho mai viste – figuriamoci se conto di vedere quelle fatte a forma di Ashley Graham, la modella per taglie forti e contente – né menzionate nelle letterine al Babbo Natale di mia competenza. Eppure ho fatto propaganda spudorata: mi sembrava un regalo così engagé.

Non sono bambine particolarmente intelligenti, le mie. Però sono viziatissime: hanno voluto tutto, e tutto subito ottenuto: ogni capriccio è vocazione precoce, quando sei una madre senza nerbo ma con Amazon Prime. Scatole per costruire castelli rosa e Morti Nere, piccoli chimici e macchine da cucire, il vestito da Elsa di Frozen e il cappello con frusta di Indiana Jones. Ma la Barbie di ogni futuro possibile – astronauta, bagnina, prestigiatrice, oculista, domatrice di droni – è sempre quella: alta, bionda e snella. Quella sbagliata. Quella senza personalità.

Ma dimmi la verità, Amy, a te piacerebbe Beyoncé se fosse secca? Madonna se fosse pudica? Kim Kardashian spontanea? Se uno vale uno, la Barbie è quella cosa lì: decolorazione impossibile e proporzioni incompatibili con la vita. D'altra parte, è una bambola di plastica. Dobbiamo imparare ad accettarla per quello che è: finta, gnocca, dozzinale. Meravigliosa, a modo suo.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se l'autore è donna, cambia tutto
Philip Roth che parla della sua prostata è un artista, ma Nora Ephron che scrive un libro sul suo divorzio è priva di fantasia
oscar: discorsi memorabili degli attori vincitori
Storie
CONDIVIDI
Come si ringrazia quando si prende l'Oscar?
Pochi secondi per dire qualcosa: ecco i ringraziamenti dei vincitori degli Academy Awards entrati nella storia
Justin Trudeau
Personaggi
CONDIVIDI
Quel lato B perfetto di Justin Trudeau
Tutto è cominciato per scherzo, ma il tweet con il fondoschiena del primo ministro del Canada ha fatto il giro della rete
Firme
CONDIVIDI
La sinistra italiana si divide e lo pagherà
Con il Pd in pezzi, la condanna più atroce per la sinistra in Italia è non riuscire a stare unita, ma neppure divisa
amal clooney pancione
Personaggi
CONDIVIDI
Amal Clooney in bianco svela il pancione
La moglie di George Clooney è davvero incinta! La conferma dal red carpet dei César Awards, dove indossava un abito di Versace
chiaa ferragni
Personaggi
CONDIVIDI
Impossibile non notare Chiara Ferragni!
Era in prima fila alla sfilata di Fendi e il suo stile è riconoscibile tra mille: tutte le altre influncer in front row a Milano
zero-assoluto-studio-registrazione
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, così nasce una canzone
Scrivere canzoni è qualcosa che si rinnova ogni volta. Ed è una scommessa che ogni volta vale la pena di fare
Personaggi
CONDIVIDI
Melania Trump immigrata a rischio espulsione?
Con la politica di Trump sull'immigrazione anche sua moglie, modella di origini slovene, non sarebbe entrata negli Usa
Mentre si diffonde la notizia della fine del suo secondo matrimonio, Scarlett Johansson racconta in un'intervista a Playboy perché non ha fiducia nella monogamia.
Firme
CONDIVIDI
Cara Scarlett, la monogamia è sottovalutata
Ora ti spiego a cosa serve il matrimonio
Firme
CONDIVIDI
Con i figli si sbaglia senza sapere
Se ognuno si prendesse il suo pezzetto di responsabilità, i buchi neri in cui si perdono i ragazzi sarebbero meno spaventosi