Anche le star si innamorano degli uomini sbagliati

​Sono belle, brave, ricche e famosissime, eppure si innamorano degli uomini sbagliati

Charlize Theron, Kate Winslet, Gwen Stefani: anche le star si innamorano di uomini impresentabili, e poi devono rimediare.

È un errore che abbiamo fatto tutte, le migliori di noi più di una volta. Perdere la testa per uomini discutibili, e poi non ritrovarla per un numero di anni drammaticamente sufficiente a costruire una carriera o una famiglia. Succede anche alle celebrità, ché la fama mica protegge dalla scemenza. Solo che a loro tocca rinsavire in favore di paparazzo, e lasciarsi immortalare nel momento di lucidità. Per evitare ricadute, può servire questa fenomenologia del cretino in tre atti, e altrettanti sguardi disgustati.

Advertisement - Continue Reading Below

Lo scoppiato

Puoi fare la signora quanto ti pare. Puoi raccontare che prima di tutto vengono i bambini, e che resterete per sempre amici. Se sei Gwen Stefani, e di mestiere fai la cantante (o almeno: la facevi nel secolo scorso) puoi pubblicare il tuo primo disco nuovo in dieci anni, intitolarlo This is what the truth feels like – è così che suona la verità – e provare a raccontare con tutto lo struggimento che serve cosa si prova a divorziare dopo 13 anni, tre figli, una tata rampicante. Ma quando passa il periodo delle valigie e dei cerotti, dei ricordi e delle retromarce, quello che rimane è un calendario condiviso di impegni scolastici di fine anno. Nessuno dei quali è mai abbastanza avvincente da risparmiarti di osservare quell'ex-marito con ritrovato distacco, e domandarti: ma com'è che ci sono finita, io, con uno scemo così?

Il sopravvalutato

Certo meno di un figlio, ma comunque più del sopportabile, lega un film progettato insieme nell'euforia dell'innamoramento e distribuito dopo il crollo delle illusioni. Nello sguardo di Charlize Theron che abbraccia Sean Penn, a Cannes per The last face, si legge il destino del maschio sopravvalutato. Ve li ricordate l'anno scorso? Lei raggiante, lui abbacinato: sembravano felici. Ma là dove c'era un divo con privilegi da intellettuale adesso c'è un regista confuso, e in procinto di essere definitivamente fischiato.

Advertisement - Continue Reading Below

L'impresentabile

A volte l'amore è più forte del biasimo, e sono casi faticosissimi. Kate Winslet nel 2012 ha sposato uno che – da adulto – ha legalmente deciso di farsi chiamare Ned Rocknroll, e da allora lo tiene nascosto in una tenuta nel Sussex. È persino riuscita a ottenere un ordine di non pubblicazione per certe sue foto giovanili piuttosto imbarazzanti, che però è valido solo in Inghilterra. Al resto del mondo è concesso sapere: Kate Winslet ha sposato un cretino.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se l'autore è donna, cambia tutto
Philip Roth che parla della sua prostata è un artista, ma Nora Ephron che scrive un libro sul suo divorzio è priva di fantasia
Firme
CONDIVIDI
La sinistra italiana si divide e lo pagherà
Con il Pd in pezzi, la condanna più atroce per la sinistra in Italia è non riuscire a stare unita, ma neppure divisa
zero-assoluto-studio-registrazione
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, così nasce una canzone
Scrivere canzoni è qualcosa che si rinnova ogni volta. Ed è una scommessa che ogni volta vale la pena di fare
Mentre si diffonde la notizia della fine del suo secondo matrimonio, Scarlett Johansson racconta in un'intervista a Playboy perché non ha fiducia nella monogamia.
Firme
CONDIVIDI
Cara Scarlett, la monogamia è sottovalutata
Ora ti spiego a cosa serve il matrimonio
Firme
CONDIVIDI
Con i figli si sbaglia senza sapere
Se ognuno si prendesse il suo pezzetto di responsabilità, i buchi neri in cui si perdono i ragazzi sarebbero meno spaventosi
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente