Virginia Raggi è la nuova scommessa di Roma

Virginia Raggi, avvocata, 37 anni, ha sbaragliato tutti i candidati al primo turno delle elezioni amministrative a Roma con un programma che parla "solo" di normalità: cioè, per i romani, quasi un sogno

In fondo c'è sempre una logica di ferro dietro le scelte degli elettori. Chi si stupisce del successo travolgente della candidata di M5S Virginia Raggi al primo turno non vive a Roma. Non cammina per strada, non rasenta i cassonetti, non fa la fila in municipio. Non assiste, quotidianamente, al collasso di una capitale, la nostra. Una città della quale, non esagero, ci si vergogna quando si invitano amici forestieri. 

Advertisement - Continue Reading Below

Sulle macerie di questa metropoli spolpata dall'indifferenza e dal malaffare, dalle clientele e mafie locali, è salita questa giovane donna di 37 anni, avvocato, sposata con un figlio. Dichiara un reddito annuo di 25.000 euro, lo stipendio di un'impiegata, e ostenta in tv una distaccata normalità. Ha qualche discutibile vezzo: «Mi viene da ridere», risponde spesso ai giornalisti che le pongono domande sgradite. Ma anche una sicurezza piuttosto impressionante per una novizia della politica. Stretta di mano decisa, uso accurato del "lei", una precoce malizia politica nell'aggirare le questioni più spinose. 

Più Popolare

Il suo programma è di buon senso, non così diverso sulla carta da quello degli avversari. Ma la credibilità della sua offerta politica è moltiplicata dal fallimento dei predecessori. Se la destra di Alemanno ha fatto a brandelli Roma e il Pd di Marino non è stato capace di riscattarla, perché i romani avrebbero dovuto votare diversamente? Ora c'è il ballottaggio con Giachetti, politico onesto e non coinvolto nel disastro delle amministrazioni precedenti. Ma la vittoria di Virginia è quasi certa. Poi, un anno per governare Roma e risollevarla dall'abisso. 

Ai suoi cittadini basterebbe poco − via la monnezza dalle strade, autobus in orario, un po' di decoro urbano −per vedere nel nuovo sindaco un novello Winston Churchill. Roma è l'appuntamento decisivo per il movimento di Grillo. Se la risolleva, potrebbe seriamente vincere le prossime elezioni politiche. Se delude, l'effetto boomerang sarebbe micidiale. Il doppio taglio affilato e crudele di ogni regola dell'alternanza.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?