Lena Dunham pubblica i suoi diari di ventenne

Per farsi il regalo di compleanno, l'attrice di Girls ha pubblicato un libro con le sue confessioni di ventenne, per dire a tutte: «Continuate a sentirvi uniche!», come commenta Guia Soncini

Più Popolare

Lena Dunham ha compiuto trent'anni. E, come accade a tutte quando cambia la prima cifra dell'età e si entra in un decennio nuovo e si vogliono fare dei bilanci (un desiderio rischiosissimo), è andata a curiosare tra le cose della se stessa giovane. Si è messa a sfogliare i diari di dieci anni prima, quando stava per compierne venti. Siccome non si è Lena Dunham – una trentenne multimilionaria che è diventata tale rendendo collettivi i propri tic – se non si è disposte a fare di tutto quel che accade, ma proprio di tutto, materiale narrativo, Lena quei diari li ha subito pubblicati. Per beneficenza: i proventi delle vendite (su Amazon l'ebook, Is it evil not be sure?, è a 2,99 dollari) andranno a Girls write now, un'associazione che aiuta le giovani aspiranti scrittrici a realizzarsi (insomma: la Lena Dunham in atto fa la benefattrice delle Lena Dunham in potenza).

Advertisement - Continue Reading Below

Sfogliando i vecchi diari, ha osservato, le sembra di poter dire che la sua prosa risentiva dell'influenza di Joan Didion, che leggeva tanto in quegli anni: molti a capo, molte frasi tronche, molti pensieri ellittici. Lena dice che sembra il genere di prosa nato nell'era di Twitter – che però allora non esisteva, e quindi dev'essere per forza l'effetto-Didion. Non so come fosse essere ventenni dieci anni fa, ma vent'anni fa nessuna delle ventenni che conoscevo leggeva Joan Didion – e però scrivevamo tutte in quel modo lì. Leggevamo Marguerite Duras, forse era quella l'influenza, qui in Europa. O forse a vent'anni non puoi che avere pensieri monchi. E non particolarmente illuminanti, non di quelli che ti facciano dire «Si vedeva che era diversa da tutte, che era speciale, che ce l'avrebbe fatta».      

Più Popolare

A leggerla oggi, non c'è una riga che distingua la Lena Dunham men che ventenne dalle altre che all'epoca erano come lei e come quasi tutte le ventenni: universitarie smaniose, con velleità artistiche, ambizioni più o meno confuse e una certa determinazione a sentirsi speciali. «Voglio solo quel che mi è dovuto. Voglio solo quel che è mio», scrive nel novembre del 2005. Che sembra una battuta della Hannah di Girls, cioè una cosa che potrebbe pensare qualsivoglia ventenne, cioè il segreto del successo di Dunham: rendere speciale la mediocrità, permettersi ambizioni superiori ai propri talenti, essere la perfetta rappresentante dell'era dell'ego debordante. Forse la lezione che si può trarre da Is it evil not to be sure? è questa: che non bisogna spaventarsi se non si è speciali. Nessuna lo è, e tutte vogliamo essere trattate come tali. Le più cocciute, come Lena Dunham, ci riescono.

More from Gioia!:
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo
Lucio Dalla Sky Arte 33 giri
Firme
CONDIVIDI
Lucio Dalla: com'è (ancora) profondo il mare 40 anni dopo
Il primo documentario di un ciclo di Sky Arte sui vecchi dischi è dedicato a questo autore e contiene delle meraviglie
Madre e figlia rapporto
Firme
CONDIVIDI
L'amore di una mamma può essere una coperta che soffoca
Ci sono mamme che ti tirano a fondo e mamme che ti buttano lontano, perché sanno che appartieni al mondo
Se venisse confermato l'annullamento dell'assegno di divorzio stabilito dalla Corte d'appello di Milano, la ex-moglie di Berlusconi, Veronica Lario, dovrebbe rivedere il suo stile di vita, ecco alcuni consigli.
Firme
CONDIVIDI
Cara Veronica, se serve facciamo una colletta
Silvio rivuole indietro 43 milioni, e la parsimonia logora. Per riprenderti è necessaria una crociera nei mari del sud
Firme
CONDIVIDI
Com'era moderna Mary Astor, e ciò che scriveva sui suoi diari bollenti lo dimostra
Anche lei non sapeva che nessun adulterio può essere davvero segreto: una così, oggi, darebbe il voto agli amanti su Facebook