Guia Soncini parla dei maschi e della loro fissazione per la dieta

Eravamo convinte che l'ossessione per i chili di troppo fosse un problema esclusivamente femminile, ma i maschi ce l'hanno rubata, così come le sedute per la ceretta 

Non vedevo una tavolata così perfettamente divisa tra maschi e femmine da quella sera di quei mondiali di quella testata di Zidane. All'epoca i maschi difendevano il giocatore italiano, mentre le femmine dicevano che un figo come Zidane poteva fare quel che voleva. Adesso il dibattito verteva su un'intervista. Nella quale l'intervistatore, per dire che l'intervistato era ingrassato, diceva il numero. Quel numero, il peso, su cui mentiamo con tanto zelo. 

Advertisement - Continue Reading Below

Solo che le femmine – addestrate da anni di pubblici sbugiardamenti, amiche stronze che svelano che non ti entra davvero la taglia che dici, diete ritagliate dai giornali fin dalle scuole medie, armadi con quattro taglie diverse di vestiti – le femmine sanno che s'ingrassa, si dimagrisce, che sarà mai, mica è un dramma, succede. 

Le femmine concordavano: l'intervistatore è uno screanzato, ma quel numero non se lo ricorda più nessuno. I maschi, invece, quel temibile numero da display della bilancia se lo ricordavano tutti, e formavano un coro perfetto: se pubblicassero il mio peso sul giornale, non uscirei più di casa. È stato quella sera che ho iniziato a rendermene conto: i maschi sono molto più fissati di noi. 

Più Popolare

Anche perché alla stessa cena, esaurito l'argomento dell'intervista col peso svelato, un autore televisivo raccontava di dover decidere se lavorare di nuovo, nella prossima stagione, a un programma appena terminato. Le femmine dicevano: certo, che domande, c'è la crisi, mai rinunciare a un anno di fatture certamente saldate. Lui diceva che era una produzione particolarmente stressante: «Sono ingrassato 12 chili in due mesi». Dai maschi della tavolata si è levato un unico singulto, come davanti a certe scene di film horror. 

Quando hanno cominciato a rubarci l'ossessione della ciccia? Prima di mettersi a rubarci le pinzette per le sopracciglia? Dopo averci rubato l'appuntamento per la ceretta? Alla presentazione milanese del suo film, Paolo Virzì ha risposto a Natalia Aspesi, preoccupata per la magrezza della protagonista, che «lei ci mette un attimo a dimagrire, non come me che più ci provo e più ingrasso». Lo dicevo anch'io, da piccola. Non mangio niente, ma non dimagrisco. Quand'è che sono diventati delle ragazze, i maschi? 

More from Gioia!:
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?