Guia Soncini parla dei maschi e della loro fissazione per la dieta

Eravamo convinte che l'ossessione per i chili di troppo fosse un problema esclusivamente femminile, ma i maschi ce l'hanno rubata, così come le sedute per la ceretta 

Non vedevo una tavolata così perfettamente divisa tra maschi e femmine da quella sera di quei mondiali di quella testata di Zidane. All'epoca i maschi difendevano il giocatore italiano, mentre le femmine dicevano che un figo come Zidane poteva fare quel che voleva. Adesso il dibattito verteva su un'intervista. Nella quale l'intervistatore, per dire che l'intervistato era ingrassato, diceva il numero. Quel numero, il peso, su cui mentiamo con tanto zelo. 

Advertisement - Continue Reading Below

Solo che le femmine – addestrate da anni di pubblici sbugiardamenti, amiche stronze che svelano che non ti entra davvero la taglia che dici, diete ritagliate dai giornali fin dalle scuole medie, armadi con quattro taglie diverse di vestiti – le femmine sanno che s'ingrassa, si dimagrisce, che sarà mai, mica è un dramma, succede. 

Le femmine concordavano: l'intervistatore è uno screanzato, ma quel numero non se lo ricorda più nessuno. I maschi, invece, quel temibile numero da display della bilancia se lo ricordavano tutti, e formavano un coro perfetto: se pubblicassero il mio peso sul giornale, non uscirei più di casa. È stato quella sera che ho iniziato a rendermene conto: i maschi sono molto più fissati di noi. 

Più Popolare

Anche perché alla stessa cena, esaurito l'argomento dell'intervista col peso svelato, un autore televisivo raccontava di dover decidere se lavorare di nuovo, nella prossima stagione, a un programma appena terminato. Le femmine dicevano: certo, che domande, c'è la crisi, mai rinunciare a un anno di fatture certamente saldate. Lui diceva che era una produzione particolarmente stressante: «Sono ingrassato 12 chili in due mesi». Dai maschi della tavolata si è levato un unico singulto, come davanti a certe scene di film horror. 

Quando hanno cominciato a rubarci l'ossessione della ciccia? Prima di mettersi a rubarci le pinzette per le sopracciglia? Dopo averci rubato l'appuntamento per la ceretta? Alla presentazione milanese del suo film, Paolo Virzì ha risposto a Natalia Aspesi, preoccupata per la magrezza della protagonista, che «lei ci mette un attimo a dimagrire, non come me che più ci provo e più ingrasso». Lo dicevo anch'io, da piccola. Non mangio niente, ma non dimagrisco. Quand'è che sono diventati delle ragazze, i maschi? 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà