Pannella, ora il Parlamento lo celebra come un eroe

Pannella, da morto, è al centro del consenso postumo di una classe politica che ha sempre ostacolato, ignorato o deriso le sue battaglie per i diritti

E così, alla morte di Marco Pannella, un Parlamento intero gridò: «Siamo tutti pannelliani!». È successo, e davvero pare incredibile veder sfilare dinanzi al corpaccione grande e affusolato del leader radicale, esposto nella storica sede del suo partito, figure così diverse e distanti della politica italiana. Rappresentanti di una nazione che non ha una legge sul testamento biologico, figuriamoci sull'eutanasia o la legalizzazione delle droghe leggere. 

Advertisement - Continue Reading Below

Un Parlamento che non è stato capace di votare la legge sulla stepchild adoption, l'adozione del figlio del convivente nelle coppie omosessuali, rende omaggio all'uomo politico che più di chiunque altro si è battuto per i diritti. Spesso inascoltato, sovente deriso. Trattato in vita come reliquia, folclore, rompiballe supremo. E, appena morto, celebrato come padre della patria. 

L'Italia è proprio un Paese strano. Dove, per dire, uno come Gasparri, pur di guadagnarsi uno strapuntino in un Tg, salta dal Family day al funerale di Pannella come niente fosse. E i giornali indagano sulla malattia e gli amori terminali di Marco con una morbosità tale da squadernare il suo dolore, pubblicarne i rantoli, denudarne i desideri. 

Più Popolare

L'Italia ha pianto per Pannella e c'è qualcosa di veramente misterioso in questa terra spaventata dai matrimoni gay e dalla dolce morte, ma avvinghiata agli ultimi istanti di chi ha lottato per affermarli come legge dello Stato. 

Siamo un popolo di incoerenti, maestri del consenso postumo. Ma forse una spiegazione c'è. Nell'Italia esacerbata dalla casta e dal poltronismo, dalla ricerca esasperata del consenso e di un'auto blu, la scomparsa del leader radicale ci ha ricordato che esiste una politica senza potere, fatta d'impegno e di idee, di digiuni e di passione. Era quella di Marco Pannella, un burbero, insopportabile, logorroico, dolcissimo sognatore.

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità