Immunità, privilegio odioso: e Formigli si arrabbia

I politici si insultano a ruota libera, Corrado Formigli reagisce in tv: «Se non fossero protetti dall'immunità, starebbero attenti a quello che dicono»

La scorsa settimana, a Piazzapulita, mi sono arrabbiato parecchio. Si discuteva della frase del grillino Alessandro Di Battista contro Matteo Renzi, accusato di essere «credibile come un mafioso di Mafia capitale». Una frase insultante alla quale ha risposto per le rime l'onorevole Gennaro Migliore del Pd. Tutto finito? Macché. Qualche minuto dopo, un altro esponente del Partito democratico ha dato in escandescenze per le parole del parlamentare cinquestelle, invocando la dissociazione del sottoscritto. Come se il problema fosse la mia presa di distanza, ovvia, e non l'immunità dei nostri parlamentari. 

Advertisement - Continue Reading Below

Allora non ci ho visto più e ho sputato il rospo: sarebbe ora che i politici rispondessero in tribunale dei loro insulti e delle loro c....te, come tutti gli altri cittadini. Ma questo, a causa dell'insindacabilità delle loro "opinioni", non avviene quasi mai. È soltanto il Parlamento, infatti, a decidere se le affermazioni di un suo membro siano o meno punibili. E la tendenza è quella di proteggere i propri componenti, garantendo a ciascuno la libertà di offendere «nell'esercizio delle proprie funzioni». La norma sull'immunità, sacrosanta all'indomani del fascismo per tutelare i nostri rappresentanti e la loro libertà di critica, oggi viene usata a pretesto per offendere a piacimento. 

Più Popolare

Così, alla Camera e al Senato ci si insulta, si grida, si gesticola (nella foto). Si mimano ombrelli, accoppiamenti, forme falliche. Si alza il dito medio. Si sventolano cartelli zeppi d'ingiurie, magari davanti a una scolaresca in gita invitata ad assistere a una lezione di educazione civica. I nostri poco onorevoli, non paghi delle gazzarre in Parlamento, proseguono quindi su Twitter. Salvo infine minacciarsi reciproca querela. Ma sono querele finte, perché tanto esiste l'insindacabilità. Basterebbe abolirla per legge. Ma nessuno lo fa, preferendo di gran lunga la libertà di diffamare.

More from Gioia!:
prova-costume-estate-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
La prova costume non esiste
Nessuna donna deve entrare in un camerino per sapere come le sta un bikini: le sta nello stesso modo impietoso in cui le sta a casa sua
compiti-delle-vacanze-estive-ozio
Firme
CONDIVIDI
Perché l'ozio è il miglior compito delle vacanze
Perché se non hai più spazi vuoti, quand'è che trovi il tempo per la libertà, la memoria, i desideri, il sogno?
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali