Immunità, privilegio odioso: e Formigli si arrabbia

I politici si insultano a ruota libera, Corrado Formigli reagisce in tv: «Se non fossero protetti dall'immunità, starebbero attenti a quello che dicono»

La scorsa settimana, a Piazzapulita, mi sono arrabbiato parecchio. Si discuteva della frase del grillino Alessandro Di Battista contro Matteo Renzi, accusato di essere «credibile come un mafioso di Mafia capitale». Una frase insultante alla quale ha risposto per le rime l'onorevole Gennaro Migliore del Pd. Tutto finito? Macché. Qualche minuto dopo, un altro esponente del Partito democratico ha dato in escandescenze per le parole del parlamentare cinquestelle, invocando la dissociazione del sottoscritto. Come se il problema fosse la mia presa di distanza, ovvia, e non l'immunità dei nostri parlamentari. 

Advertisement - Continue Reading Below

Allora non ci ho visto più e ho sputato il rospo: sarebbe ora che i politici rispondessero in tribunale dei loro insulti e delle loro c....te, come tutti gli altri cittadini. Ma questo, a causa dell'insindacabilità delle loro "opinioni", non avviene quasi mai. È soltanto il Parlamento, infatti, a decidere se le affermazioni di un suo membro siano o meno punibili. E la tendenza è quella di proteggere i propri componenti, garantendo a ciascuno la libertà di offendere «nell'esercizio delle proprie funzioni». La norma sull'immunità, sacrosanta all'indomani del fascismo per tutelare i nostri rappresentanti e la loro libertà di critica, oggi viene usata a pretesto per offendere a piacimento. 

Più Popolare

Così, alla Camera e al Senato ci si insulta, si grida, si gesticola (nella foto). Si mimano ombrelli, accoppiamenti, forme falliche. Si alza il dito medio. Si sventolano cartelli zeppi d'ingiurie, magari davanti a una scolaresca in gita invitata ad assistere a una lezione di educazione civica. I nostri poco onorevoli, non paghi delle gazzarre in Parlamento, proseguono quindi su Twitter. Salvo infine minacciarsi reciproca querela. Ma sono querele finte, perché tanto esiste l'insindacabilità. Basterebbe abolirla per legge. Ma nessuno lo fa, preferendo di gran lunga la libertà di diffamare.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?