Immunità, privilegio odioso: e Formigli si arrabbia

I politici si insultano a ruota libera, Corrado Formigli reagisce in tv: «Se non fossero protetti dall'immunità, starebbero attenti a quello che dicono»

La scorsa settimana, a Piazzapulita, mi sono arrabbiato parecchio. Si discuteva della frase del grillino Alessandro Di Battista contro Matteo Renzi, accusato di essere «credibile come un mafioso di Mafia capitale». Una frase insultante alla quale ha risposto per le rime l'onorevole Gennaro Migliore del Pd. Tutto finito? Macché. Qualche minuto dopo, un altro esponente del Partito democratico ha dato in escandescenze per le parole del parlamentare cinquestelle, invocando la dissociazione del sottoscritto. Come se il problema fosse la mia presa di distanza, ovvia, e non l'immunità dei nostri parlamentari. 

Advertisement - Continue Reading Below

Allora non ci ho visto più e ho sputato il rospo: sarebbe ora che i politici rispondessero in tribunale dei loro insulti e delle loro c....te, come tutti gli altri cittadini. Ma questo, a causa dell'insindacabilità delle loro "opinioni", non avviene quasi mai. È soltanto il Parlamento, infatti, a decidere se le affermazioni di un suo membro siano o meno punibili. E la tendenza è quella di proteggere i propri componenti, garantendo a ciascuno la libertà di offendere «nell'esercizio delle proprie funzioni». La norma sull'immunità, sacrosanta all'indomani del fascismo per tutelare i nostri rappresentanti e la loro libertà di critica, oggi viene usata a pretesto per offendere a piacimento. 

Più Popolare

Così, alla Camera e al Senato ci si insulta, si grida, si gesticola (nella foto). Si mimano ombrelli, accoppiamenti, forme falliche. Si alza il dito medio. Si sventolano cartelli zeppi d'ingiurie, magari davanti a una scolaresca in gita invitata ad assistere a una lezione di educazione civica. I nostri poco onorevoli, non paghi delle gazzarre in Parlamento, proseguono quindi su Twitter. Salvo infine minacciarsi reciproca querela. Ma sono querele finte, perché tanto esiste l'insindacabilità. Basterebbe abolirla per legge. Ma nessuno lo fa, preferendo di gran lunga la libertà di diffamare.

More from Gioia!:
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te