Bimbi: evitate di portarli in aereo finché non crescono

Una compagnia aerea ha rimborsato il biglietto ai passeggeri perché 4 bambini (sui 5 presenti) avevano pianto, disturbando tutti durante la traversata: a premiare il quinto, che era stato buono, non c'ha pensato nessuno 

Premessa necessaria a non ricevere troppe lettere d'insulti da lettrici con prole: no, non ho figli; sì, sono stata una bambina imposta agli altri adulti, e mi ricordo quant'ero fastidiosa, e mi meraviglio ancora oggi che gli amici dei miei genitori si limitassero a insultarmi, invece di tentare di strozzarmi. 

Non ero sul volo che il 15 aprile la JetBlue ha rimborsato ai passeggeri, con la motivazione: quattro pianti. L'offerta era questa: il 25 per cento del biglietto rimborsato per ogni neonato a bordo che piange. Considerato che a bordo c'erano cinque bambini e che la tratta era tra New York e la California – cioè più o meno sei ore di volo – che si arrivasse al 100 per cento era una certezza. Per inciso, ero sulla stessa tratta (ma con un'altra compagnia, che non ha avuto la stessa splendida idea) la settimana dopo: quando una coppia di genitori con molteplici passeggini si è accomodata nella fila dietro la mia, volevo mettermi a piangere io e batterli sul tempo. 

Advertisement - Continue Reading Below

La JetBlue dice che l'operazione serviva a premiare, a festa della mamma in arrivo, le povere madri con bambini piangenti guardate da tutti malissimo, e a educare le persone a sorridere ai neonati sugli aerei, unici posti in cui vengono guardati male (nel resto delle circostanze è regola fare smorfiette ai passeggini). Certo: vengono guardati male perché non è posto per loro, seduti per sei ore con le orecchie dolenti. Teneteli a casa, almeno finché non sono abbastanza grandi da capire che non possono rendere la vita degli estranei un inferno acustico. 

Più Popolare

(Nota a margine: scrivo queste righe subito dopo aver assistito, ai controlli di sicurezza di un aeroporto, alla scena di una fila ferma mentre un bambino si rotolava per terra piangendo e rifiutandosi di passare sotto i raggi X; la madre faceva finta di non conoscerlo). 

La JetBlue si è rallegrata del fatto che i passeggeri fossero gentili con le famiglie, invece di cercare di far piangere i bambini per avere il rimborso: questo dovrebbe fornirci un'idea del fastidio del pianto dei figli altrui, non compensabile neanche in denaro. Nessuno, però, ci ha informato circa il quinto bambino, quello che non ha pianto. Qualcuno ha pensato a dare un premio a lui, vero eroe della traversata?

More from Gioia!:
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te