Bimbi: evitate di portarli in aereo finché non crescono

Una compagnia aerea ha rimborsato il biglietto ai passeggeri perché 4 bambini (sui 5 presenti) avevano pianto, disturbando tutti durante la traversata: a premiare il quinto, che era stato buono, non c'ha pensato nessuno 

Premessa necessaria a non ricevere troppe lettere d'insulti da lettrici con prole: no, non ho figli; sì, sono stata una bambina imposta agli altri adulti, e mi ricordo quant'ero fastidiosa, e mi meraviglio ancora oggi che gli amici dei miei genitori si limitassero a insultarmi, invece di tentare di strozzarmi. 

Non ero sul volo che il 15 aprile la JetBlue ha rimborsato ai passeggeri, con la motivazione: quattro pianti. L'offerta era questa: il 25 per cento del biglietto rimborsato per ogni neonato a bordo che piange. Considerato che a bordo c'erano cinque bambini e che la tratta era tra New York e la California – cioè più o meno sei ore di volo – che si arrivasse al 100 per cento era una certezza. Per inciso, ero sulla stessa tratta (ma con un'altra compagnia, che non ha avuto la stessa splendida idea) la settimana dopo: quando una coppia di genitori con molteplici passeggini si è accomodata nella fila dietro la mia, volevo mettermi a piangere io e batterli sul tempo. 

Advertisement - Continue Reading Below

La JetBlue dice che l'operazione serviva a premiare, a festa della mamma in arrivo, le povere madri con bambini piangenti guardate da tutti malissimo, e a educare le persone a sorridere ai neonati sugli aerei, unici posti in cui vengono guardati male (nel resto delle circostanze è regola fare smorfiette ai passeggini). Certo: vengono guardati male perché non è posto per loro, seduti per sei ore con le orecchie dolenti. Teneteli a casa, almeno finché non sono abbastanza grandi da capire che non possono rendere la vita degli estranei un inferno acustico. 

Più Popolare

(Nota a margine: scrivo queste righe subito dopo aver assistito, ai controlli di sicurezza di un aeroporto, alla scena di una fila ferma mentre un bambino si rotolava per terra piangendo e rifiutandosi di passare sotto i raggi X; la madre faceva finta di non conoscerlo). 

La JetBlue si è rallegrata del fatto che i passeggeri fossero gentili con le famiglie, invece di cercare di far piangere i bambini per avere il rimborso: questo dovrebbe fornirci un'idea del fastidio del pianto dei figli altrui, non compensabile neanche in denaro. Nessuno, però, ci ha informato circa il quinto bambino, quello che non ha pianto. Qualcuno ha pensato a dare un premio a lui, vero eroe della traversata?

More from Gioia!:
L'attrice inglese Emma Thompson rivela alla tv scandinava: l'invcecchiamento non si può combattere, deve diventare un processo sostenibile.
Firme
CONDIVIDI
Cara Emma, sei la mia amica geniale
Quante rughe mi devo far venire per diventare come te?
milano-zucchero-e-catrame-prima-estate-milanese
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, come sarà l'estate milanese?
La sto aspettando come un viaggio dall'altra parte del mondo, perché Roma per me è un libro aperto, Milano, no: ci sono le cicale?
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna