Beyoncé tradita da Jay Z: chi è Becky?

Nel nuovo video album Lemonade, la cantante allude esplicitamente a un tradimento del marito Jay Z con un'amante misteriosa: ma chi è davvero Becky dai bei capelli?

Più Popolare

L'autopromozione è la nuova privacy. E quello che doveva essere uno speciale di HBO su Beyoncé si è rivelato un nuovo concept visual album (oh yeah) intitolato Lemonade, dal motto di buon senso americano che fa «Quando la vita ti offre limoni, fai una limonata».

Undici canzoni tenute insieme da alcuni brani di poesia e una potente verità: Jay Z è un cretino. Un cretino milionario, perché il disco ha venduto il consueto fantastiliardo di copie – e molte in streaming su Tidal, la piattaforma di famiglia – ma un cretino nondimeno.

Advertisement - Continue Reading Below

Lemonade è la storia di un tradimento metabolizzato (in forma di successo planetario) in cui Jay Z è il colpevole. Poi certo: ci sono gli uomini del mondo che sono tutti mascalzoni – ribadirlo non guasta – ma questa specifica storia è esemplare, e voi la sapete già: è la stessa di due anni fa.

Vi ricordate quando la cognata Solange prese a pugni Jay Z in ascensore la sera del Met Ball? Pare ce l'avesse con la sua condotta sentimentalmente sbarazzina. E ricordate con quale espressione imperturbata uscì Beyoncé dal medesimo ascensore? Aveva già tutto previsto. Un processo in undici passi, i capitoli di Lemonade. Più uno: la vendetta. Che consiste nel rimanere col fedifrago, come fosse per generosità, e poi convincerlo ad assistere – di più: a partecipare mansueto – al successo dell'opera d'arte in cui gli dai del cretino, e lo fai sembrare uno studio antropologico.

Più Popolare

#LEMONADE premieres on 4.23 9ET | 6PT HBO

A post shared by Beyoncé (@beyonce) on

«Mi vuole solo quando non ci sono, farebbe meglio a chiamare Becky belli capelli»  – in Sorry – è il verso più pettegolo del disco: chi è questa Becky? E come osa? 

La prima indiziata è stata Rachel Roy – stilista, ex moglie dell'ex socio di Jay Z, presa a male parole da Solange qualche minuto prima della scena in ascensore – che ha fatto la spiritosa su Instagram col cancelletto #nodramaqueen. Assalita da legioni di fan inferociti, ha frignato: «Brutti bulli!» e si è dissolta. 

Quindi Rita Ora ha postato una sua foto in reggiseno con limoni applicati, e poi si è messa per uscire un vestito proprio uguale a quello che Beyoncé ha nel video di Formation, eppure no, non voleva significare nulla, è solo una coincidenza – vabbè: due (e poi non è che abbia chissà quali capelli). In ogni caso non si permetterebbe mai. 

E  si sente in dovere di specificarlo con una spilletta sul bavero: «Non sono Becky». Perché se c'è una che sa rimettere le ancelle al proprio posto è Beyoncé, «the baddest woman in the game».

More from Gioia!:
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?
Firme
CONDIVIDI
Il maniaco senza qualità è peggio di Weinstein
C'è chi pensa di poterti saltare addosso senza possedere punti di forza evidenti, e senza che tu gli abbia dato il via libera