Bruce Springsteen: che fatica andare al suo concerto

Biglietti esauriti, cerco di entrare con un escamotage, ma le cose si complicano: per fortuna ho trovato un genio dell'imprenditoria, in grado di risolvere il mio problema subito e per soli per 5 dollari

Ho finalmente trovato la risposta  alla domanda di Amici miei, «Che cos'è il genio?». L'ho trovata a Brooklyn, a un concerto di Springsteen. Grazie tante, dirà chiunque sia mai stata a un concerto di Bruce: era quello sul palco. E invece no. Cioè: sì, certo – ma questo lo sapevamo. O almeno lo sapevo io, che infatti quella mattina, scoprendo che la sera il mio preferito avrebbe chiuso il tour americano, mi ero precipitata a comprare un costosissimo biglietto, nonostante ne avessi già uno per uno dei concerti che farà a Milano a luglio. 

Advertisement - Continue Reading Below

Erano esauriti, ma si trovavano su un sito che, mi hanno spiegato amici competenti, fa il secondary ticketing per il gestore ufficiale. Cioè chi l'ha già comprato e se lo vuole rivendere lo dà a loro. E infatti il biglietto che mi hanno venduto, nominativo, era intestato a una certa Carol Edell. Che aveva rinunciato a un posto magnifico a un concerto che di certo sarebbe stato fighissimo. Gli amici mi hanno rassicurato e io ho smesso di interrogarmi sulla rinuncia di Carol. Non avrei dovuto. 

Più Popolare

Arrivata lì, i controlli hanno sancito che il codice a barre sul mio biglietto era già stato letto. Cioè, Carol ci aveva ripensato ed era entrata con una copia del mio biglietto. Cioè, io stavo per farmi venire una crisi isterica. Dopo 25 minuti di insulti, la signorina che avevo fin lì insolentito al telefono mi ha mandato per email un nuovo biglietto; non poteva però risolvere il problema cartaceo: lì non ti fanno entrare se il biglietto non è stampato – niente display del telefono, niente modernità. Dove lo stampo, un biglietto, fuori da un palasport? È stato allora che mi hanno indicato il genio. 

Il genio mi ha spiegato che gli era capitato lo stesso guaio, a un concerto di Stevie Wonder. Ha capito l'opportunità commerciale: gente che ha urgente bisogno di stampare biglietti. Si è piazzato lì fuori, con una stampante: per 5 dollari ti salva la vita. Quando tra qualche anno il genio dell'imprenditoria avrà una catena di stampatori fuori dai concerti di tutto il mondo e verrà giustamente celebrato, io dirò che mi ricordo di lui da piccolo. Era un ragazzino che mi permise di sentire Thunder road. Era l'uomo più indispensabile, risolutivo e prezioso che avessi mai incontrato.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà