Se una va a letto con tanti...

​Padri e figlie di Muccino come Trainwreck: la protagonista ha rapporti con molti uomini. Al cinema funziona, ma nella realtà...

Più Popolare

Della ragazza di facili costumi è meglio ridere o piangere? Vi eravate accorte che Padri e figlie, il nuovo film di Gabriele Muccino, è la versione drammatica di Trainwreck – Un disastro di ragazza, la commedia romantica con Amy Schumer uscita a settembre?In entrambi, al presente la protagonista (in Padri e figlie è Amanda Seyfried) va a letto con chiunque; in entrambi, nel suo passato c'è la spiegazione freudiana a questo comportamento inaccettabile. Nel caso di Amy Schumer il trauma stava nella prima scena: il padre, separandosi dalla madre, aveva ammonito le figlie: la monogamia è una truffa (dategli torto voi, se riuscite: io non me la sento). La ricostruzione del trauma di Amanda Seyfried arriva un po' alla volta, lungo tutto il film di Muccino, ma c'entra sempre il padre, l'imprinting, il primo grande amore che l'ha abbandonata.

Advertisement - Continue Reading Below

La morale è sempre la stessa: se una va a letto con tutti(meglio: con tanti), qualche problema ce l'ha. La stessa Schumer, che il film che ha interpretato l'ha anche scritto, dice che se avesse un'amica che si comporta in quel modo le suggerirebbe di andare da un analista.Qual è la soglia d'allarme? Quand'è che dici «amica, sono troppi, devi curarti»? Esiste? È un'immagine realistica, nel ventunesimo secolo? Ci sono amiche che ti fanno la morale sulla quantità dei tuoi amanti? E ci sono poco-di-buono che non rispondano «Fatti gli affari tuoi, vado a letto con chi mi pare»? È un meccanismo che funziona solo al cinema?

Più Popolare

Perché che al cinema funzioni è evidente: il film di Muccino sta andando bene e tutte, all'uscita dalla sala, dicono d'aver pianto tantissimo; Trainwreck qui da noi non è andato a vederlo nessuno, ma in America aveva incassato 130 milioni di dollari.Ero al liceo quando uscì Attrazione fatale. Ero moralista come sanno esserlo solo le adolescenti, e ricordo che m'indignò molto un articolo in cui Natalia Aspesi diceva che il personaggio di Glenn Close, che il pubblico amava odiare, pagava lo scotto dell'essere una donna che andava a letto con chi le pareva. Aveva ragione la Aspesi, ovviamente: ce la prendevamo con Alex Forrest, la bollitrice di conigli, non perché c'importasse dei cuccioli lessati, ma perché non c'era neanche un trauma infantile che la motivasse.

Se Attrazione fatale lo girassero oggi, ci sarebbe almeno un flashback in cui la piccola Alex Forrest sorprende il padre a letto con una donna che non è la madre; fuggendo, viene inseguita dalla coppia fedifraga che, nella foga, investe l'animale domestico della piccina. La scena, assente dalla sceneggiatura originale, verrebbe però pretesa dal produttore. Consapevole che al cinema, se vai a letto con la gente sbagliata, devi almeno avere la giustificazione dello psicologo.

(Nella foto: Aaron Paul e Amanda Seyfried in una scena diPadri e figlie di Gabriele Muccino)

More from Gioia!:
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes