Breivik, perché il mostro della Norvegia ha vinto la causa

Anders Breivik, assassino di 77 persone, resterà in carcere, ma senza isolamento, perché la Norvegia riconosce davvero i diritti dei detenuti

Provate a immaginarvi il Male: avrà sicuramente il volto vichingo di Anders Breivik. Il 22 luglio del 2011 ha massacrato 77 civili inermi a colpi di mitra. Fra loro, tantissimi ragazzi. Condannato a 21 anni di detenzione, la pena massima prevista dal codice penale della Norvegia, non ha speso una parola né una lacrima per le sue vittime. Ha assistito impassibile al proprio processo, punteggiando la sua presenza con saluti nazisti. Breivik è un mostro di disumanità. Eppure, la giustizia norvegese ha condannato lo Stato per aver violato l'articolo 3 della Convenzione dei diritti dell'uomo che stabilisce il diritto a un'equa detenzione. Diritto violato dai cinque anni d'isolamento. Tenete conto che la cella di Breivik è un appartamento di 31 metri quadrati, praticamente un monolocale, con palestra, servizi, televisore e computer (ma senza Internet). 

Advertisement - Continue Reading Below

Molti leggono in questa decisione, in tempi di stragi e terrorismo, la prova della debolezza dell'Occidente ultragarantista: anziché ripagare il mostro con la sua stessa moneta, i norvegesi gli rimboccano la coperta e gli danno il bacetto della buonanotte! Non sono per nulla d'accordo. La forza dell'Europa è proprio nell'applicare i diritti a prescindere dalla qualità della persona. Anders Breivik in questo senso è esattamente il metro della nostra civiltà: chi ha emesso la sentenza non ha guardato il suo volto né il suo curriculum criminale, ma soltanto la fonte del diritto. 

Più Popolare

Ricordo che l'Italia è agli ultimi posti fra le democrazie occidentali per degrado, sovrafollamento delle carceri e tasso di recidiva dei criminali. Secondo autorevoli studi, sembra che i prigionieri maltrattati, una volta usciti, delinquano di nuovo. In Norvegia li rieducano e il tasso di recidiva è bassissimo. Di sicuro Breivik non è recuperabile. Ma salvando un principio di diritto, i giudici norvegesi hanno tutelato tutti i cittadini.

More from Gioia!:
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento