Breivik, perché il mostro della Norvegia ha vinto la causa

Anders Breivik, assassino di 77 persone, resterà in carcere, ma senza isolamento, perché la Norvegia riconosce davvero i diritti dei detenuti

Provate a immaginarvi il Male: avrà sicuramente il volto vichingo di Anders Breivik. Il 22 luglio del 2011 ha massacrato 77 civili inermi a colpi di mitra. Fra loro, tantissimi ragazzi. Condannato a 21 anni di detenzione, la pena massima prevista dal codice penale della Norvegia, non ha speso una parola né una lacrima per le sue vittime. Ha assistito impassibile al proprio processo, punteggiando la sua presenza con saluti nazisti. Breivik è un mostro di disumanità. Eppure, la giustizia norvegese ha condannato lo Stato per aver violato l'articolo 3 della Convenzione dei diritti dell'uomo che stabilisce il diritto a un'equa detenzione. Diritto violato dai cinque anni d'isolamento. Tenete conto che la cella di Breivik è un appartamento di 31 metri quadrati, praticamente un monolocale, con palestra, servizi, televisore e computer (ma senza Internet). 

Advertisement - Continue Reading Below

Molti leggono in questa decisione, in tempi di stragi e terrorismo, la prova della debolezza dell'Occidente ultragarantista: anziché ripagare il mostro con la sua stessa moneta, i norvegesi gli rimboccano la coperta e gli danno il bacetto della buonanotte! Non sono per nulla d'accordo. La forza dell'Europa è proprio nell'applicare i diritti a prescindere dalla qualità della persona. Anders Breivik in questo senso è esattamente il metro della nostra civiltà: chi ha emesso la sentenza non ha guardato il suo volto né il suo curriculum criminale, ma soltanto la fonte del diritto. 

Più Popolare

Ricordo che l'Italia è agli ultimi posti fra le democrazie occidentali per degrado, sovrafollamento delle carceri e tasso di recidiva dei criminali. Secondo autorevoli studi, sembra che i prigionieri maltrattati, una volta usciti, delinquano di nuovo. In Norvegia li rieducano e il tasso di recidiva è bassissimo. Di sicuro Breivik non è recuperabile. Ma salvando un principio di diritto, i giudici norvegesi hanno tutelato tutti i cittadini.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili
Donne vittime
Firme
CONDIVIDI
Donne e molestie: si può dire "no", ma non tutte ci riescono
Non si sceglie di essere prede, si accetta, ubbidendo a diktat millenari, per paura, vergogna, abitudine