Claudio Santamaria è la prova che ingrassare fa vincere premi

Leo DiCaprio ha avuto l'Oscar la volta che ha accettato di imbruttirsi e in Italia abbiamo dato il David a un attore che ha messo su peso per un film, Lo chiamavano Jeeg robot: la differenza è che Claudio non è tornato magro e figo

Possiedo una foto, mio promemoria del fatto che non devo mai bere champagne a stomaco vuoto. È stata scattata a una festa qualche anno fa. Ci sono io di nuca, e c'è Claudio Santamaria che fa una faccia. È la faccia di uno che si sta chiedendo come venga in mente a una che ha visto due volte di fargli certe domande. Gli avevo appena chiesto di Baciami ancora, il film di Gabriele Muccino, il ruolo che, secondo il mio tasso alcolico di quella sera, Santamaria non avrebbe mai dovuto interpretare. Credo che la frase esatta fosse: «Ha ucciso la tua scopabilità» (ho già detto che non devo mai bere a digiuno?). 

Advertisement - Continue Reading Below

Dopo aver fatto quella faccia, lo ricordo nonostante il tasso alcolico, Santamaria disse che quello era proprio il suo fine: essere inscopabile. Ovvero, non lasciare che la sua sexsymbolitudine interferisse con la sua intensità recitativa. Insomma, Claudio Santamaria è uno di noi: noi che vogliamo essere apprezzate per l'intelligenza, mica per le tette. 

Il fatto è che ha ragione: il mondo ci casca. Il mondo pensa che, se sei disposto a imbruttirti, allora vuol dire che vali. A Leonardo DiCaprio l'Oscar l'hanno dato per un film in cui era zozzo e afono, mica per lo splendido splendente lupo di Wall Street o per il mai stropicciato Jay Gatsby. A Cary Grant, che col piffero che si faceva stare la giacca meno impeccabilmente per dimostrarsi intenso, col piffero che gliel'hanno mai dato. Ingrassare è valso l'Oscar a Charlize Theron, nel 2004, per Monster; figuriamoci se non assicurava il David a Claudio Santamaria, che in ogni intervista ha rimarcato d'essere ingrassato 20 chili per Lo chiamavano Jeeg Robot. E, con una dedizione al mestiere che a Hollywood se la sognano, ha completato l'opera di imbruttimento in diretta televisiva. 

Più Popolare

Lì, Charlize e Leo ritirano i premi già tornati alla normalità. È la ragione principale della premiazione: dimostrare che sono di nuovo dei fighi, magri, sbarbati, copertinabili. Santamaria no: lui arriva con un cappellino improbabile e, ricevuto il premio, se lo toglie, svelando una crapa mezza pelata con degli improbabili ricci che scendono sul collo. Dice che è per il prossimo ruolo. Un altro in cui si mostrifica. Si vede che gli piacciono i premi. 

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità