Claudio Santamaria è la prova che ingrassare fa vincere premi

Leo DiCaprio ha avuto l'Oscar la volta che ha accettato di imbruttirsi e in Italia abbiamo dato il David a un attore che ha messo su peso per un film, Lo chiamavano Jeeg robot: la differenza è che Claudio non è tornato magro e figo

Possiedo una foto, mio promemoria del fatto che non devo mai bere champagne a stomaco vuoto. È stata scattata a una festa qualche anno fa. Ci sono io di nuca, e c'è Claudio Santamaria che fa una faccia. È la faccia di uno che si sta chiedendo come venga in mente a una che ha visto due volte di fargli certe domande. Gli avevo appena chiesto di Baciami ancora, il film di Gabriele Muccino, il ruolo che, secondo il mio tasso alcolico di quella sera, Santamaria non avrebbe mai dovuto interpretare. Credo che la frase esatta fosse: «Ha ucciso la tua scopabilità» (ho già detto che non devo mai bere a digiuno?). 

Advertisement - Continue Reading Below

Dopo aver fatto quella faccia, lo ricordo nonostante il tasso alcolico, Santamaria disse che quello era proprio il suo fine: essere inscopabile. Ovvero, non lasciare che la sua sexsymbolitudine interferisse con la sua intensità recitativa. Insomma, Claudio Santamaria è uno di noi: noi che vogliamo essere apprezzate per l'intelligenza, mica per le tette. 

Il fatto è che ha ragione: il mondo ci casca. Il mondo pensa che, se sei disposto a imbruttirti, allora vuol dire che vali. A Leonardo DiCaprio l'Oscar l'hanno dato per un film in cui era zozzo e afono, mica per lo splendido splendente lupo di Wall Street o per il mai stropicciato Jay Gatsby. A Cary Grant, che col piffero che si faceva stare la giacca meno impeccabilmente per dimostrarsi intenso, col piffero che gliel'hanno mai dato. Ingrassare è valso l'Oscar a Charlize Theron, nel 2004, per Monster; figuriamoci se non assicurava il David a Claudio Santamaria, che in ogni intervista ha rimarcato d'essere ingrassato 20 chili per Lo chiamavano Jeeg Robot. E, con una dedizione al mestiere che a Hollywood se la sognano, ha completato l'opera di imbruttimento in diretta televisiva. 

Più Popolare

Lì, Charlize e Leo ritirano i premi già tornati alla normalità. È la ragione principale della premiazione: dimostrare che sono di nuovo dei fighi, magri, sbarbati, copertinabili. Santamaria no: lui arriva con un cappellino improbabile e, ricevuto il premio, se lo toglie, svelando una crapa mezza pelata con degli improbabili ricci che scendono sul collo. Dice che è per il prossimo ruolo. Un altro in cui si mostrifica. Si vede che gli piacciono i premi. 

More from Gioia!:
La vita di Victoria Beckham, e di tutta la famiglia più posh d'Inghilterra, è un po' come la nostra, e somiglia a quello che succede sui social: c'è chi ride, chi piange, e chi non sa quello che dice.
Firme
CONDIVIDI
Cara Victoria, la vita vera non è facile
L'ostinazione delle celebrità a fingersi normali sui social network ha convinto noi normali a comportarci come celebrità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, 3 posti magici che rendono unica l'estate
Milano non è solo il Duomo o la Pinacoteca di Brera, c'è molto di più: d'altra parte, questa città non si mostra subito, va scoperta pian...
Firme
CONDIVIDI
L'età giusta per il sesso orale (e la crostata)
C'è una prima volta per tutto, come dimostrano le storie di due giovani attrici: Rooney Mara e Sophie Turner
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento