Claudio Santamaria è la prova che ingrassare fa vincere premi

Leo DiCaprio ha avuto l'Oscar la volta che ha accettato di imbruttirsi e in Italia abbiamo dato il David a un attore che ha messo su peso per un film, Lo chiamavano Jeeg robot: la differenza è che Claudio non è tornato magro e figo

Possiedo una foto, mio promemoria del fatto che non devo mai bere champagne a stomaco vuoto. È stata scattata a una festa qualche anno fa. Ci sono io di nuca, e c'è Claudio Santamaria che fa una faccia. È la faccia di uno che si sta chiedendo come venga in mente a una che ha visto due volte di fargli certe domande. Gli avevo appena chiesto di Baciami ancora, il film di Gabriele Muccino, il ruolo che, secondo il mio tasso alcolico di quella sera, Santamaria non avrebbe mai dovuto interpretare. Credo che la frase esatta fosse: «Ha ucciso la tua scopabilità» (ho già detto che non devo mai bere a digiuno?). 

Advertisement - Continue Reading Below

Dopo aver fatto quella faccia, lo ricordo nonostante il tasso alcolico, Santamaria disse che quello era proprio il suo fine: essere inscopabile. Ovvero, non lasciare che la sua sexsymbolitudine interferisse con la sua intensità recitativa. Insomma, Claudio Santamaria è uno di noi: noi che vogliamo essere apprezzate per l'intelligenza, mica per le tette. 

Il fatto è che ha ragione: il mondo ci casca. Il mondo pensa che, se sei disposto a imbruttirti, allora vuol dire che vali. A Leonardo DiCaprio l'Oscar l'hanno dato per un film in cui era zozzo e afono, mica per lo splendido splendente lupo di Wall Street o per il mai stropicciato Jay Gatsby. A Cary Grant, che col piffero che si faceva stare la giacca meno impeccabilmente per dimostrarsi intenso, col piffero che gliel'hanno mai dato. Ingrassare è valso l'Oscar a Charlize Theron, nel 2004, per Monster; figuriamoci se non assicurava il David a Claudio Santamaria, che in ogni intervista ha rimarcato d'essere ingrassato 20 chili per Lo chiamavano Jeeg Robot. E, con una dedizione al mestiere che a Hollywood se la sognano, ha completato l'opera di imbruttimento in diretta televisiva. 

Più Popolare

Lì, Charlize e Leo ritirano i premi già tornati alla normalità. È la ragione principale della premiazione: dimostrare che sono di nuovo dei fighi, magri, sbarbati, copertinabili. Santamaria no: lui arriva con un cappellino improbabile e, ricevuto il premio, se lo toglie, svelando una crapa mezza pelata con degli improbabili ricci che scendono sul collo. Dice che è per il prossimo ruolo. Un altro in cui si mostrifica. Si vede che gli piacciono i premi. 

More from Gioia!:
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà
Moda sostenibile Green carpet fashion award
Firme
CONDIVIDI
La moda sostenibile ha un premio tutto per sé
Si può fare fashion etico senza sacrificare l'estetica: cronaca del primo Green Carpet Fashion Award