Migranti, perché l'Europa tace sul muro del Brennero

Un'epidemia di paura impedisce alla Ue e all'Italia di fermare l'Austria, che sta chiudendo la frontiera meridionale con il filo spinato

È troppo debole la protesta dell'Europa per il muro del Brennero. L'Austria lo sta costruendo a tempo di record, una barriera di reticolato per respingere i migranti sbarcati in Italia e diretti a nord. È un'offesa ai valori fondanti dell'Unione europea e un calcio nei denti al governo italiano. Eppure, da Roma la risposta è flebile. Il nostro continente sta esplodendo. A minacciarne il futuro, prima di ogni invasione migratoria, è un'epidemia di paura.

Advertisement - Continue Reading Below

I numeri non contano: hai voglia a spiegare che non esiste alcuna invasione (lo dice chiaramente l'Unhcr, agenzia dell'Onu) e che, alla peggio, ci troveremo nel 2016 con un milione di migranti da distribuire su un continente abitato da mezzo miliardo di persone. Hai voglia a ipotizzare che, in parecchi casi, i profughi di guerra saranno in futuro i pagatori delle nostre pensioni. Non intendo minimizzare i problemi: accogliere i rifugiati richiede organizzazione ferrea e rispetto delle leggi. Ma non c'è alternativa e i nostri governanti dovrebbero saperlo. Finché il Medio Oriente sarà squassato dalla guerra, la gente fuggirà verso l'Europa. Si possono almeno rimpatriare i migranti economici? Nella maggior parte dei casi no, dal momento che non esistono accordi con i Paesi di provenienza. I quali non vogliono riprenderseli perché contano sulle loro rimesse economiche. Ecco la ragione per cui servirebbero un ministero europeo unico per l'immigrazione e un piano di accordi economici internazionali, specie con i Paesi africani.

Più Popolare

E torniamo al muro del Brennero. Vi pare possibile che questa strada – una cessione delle sovranità nazionali sui temi dell'accoglienza – possa essere percorsa se nel frattempo accettiamo che Vienna tiri su un filo spinato al confine con l'Italia? La risposta ovviamente è no. Se ci terremo senza fiatare quel muro osceno, la dissoluzione dell'Ue sarà quasi raggiunta. E, in fondo, anche meritata.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?
Firme
CONDIVIDI
Terrorismo a Stoccolma e oltre: prove di guerra
Una raffica di attentati in Svezia, Egitto e Somalia ha seminato decine di morti e ha fatto crollare il mito dell'inviolabile sicurezza...