Migranti, perché l'Europa tace sul muro del Brennero

Un'epidemia di paura impedisce alla Ue e all'Italia di fermare l'Austria, che sta chiudendo la frontiera meridionale con il filo spinato

È troppo debole la protesta dell'Europa per il muro del Brennero. L'Austria lo sta costruendo a tempo di record, una barriera di reticolato per respingere i migranti sbarcati in Italia e diretti a nord. È un'offesa ai valori fondanti dell'Unione europea e un calcio nei denti al governo italiano. Eppure, da Roma la risposta è flebile. Il nostro continente sta esplodendo. A minacciarne il futuro, prima di ogni invasione migratoria, è un'epidemia di paura.

Advertisement - Continue Reading Below

I numeri non contano: hai voglia a spiegare che non esiste alcuna invasione (lo dice chiaramente l'Unhcr, agenzia dell'Onu) e che, alla peggio, ci troveremo nel 2016 con un milione di migranti da distribuire su un continente abitato da mezzo miliardo di persone. Hai voglia a ipotizzare che, in parecchi casi, i profughi di guerra saranno in futuro i pagatori delle nostre pensioni. Non intendo minimizzare i problemi: accogliere i rifugiati richiede organizzazione ferrea e rispetto delle leggi. Ma non c'è alternativa e i nostri governanti dovrebbero saperlo. Finché il Medio Oriente sarà squassato dalla guerra, la gente fuggirà verso l'Europa. Si possono almeno rimpatriare i migranti economici? Nella maggior parte dei casi no, dal momento che non esistono accordi con i Paesi di provenienza. I quali non vogliono riprenderseli perché contano sulle loro rimesse economiche. Ecco la ragione per cui servirebbero un ministero europeo unico per l'immigrazione e un piano di accordi economici internazionali, specie con i Paesi africani.

Più Popolare

E torniamo al muro del Brennero. Vi pare possibile che questa strada – una cessione delle sovranità nazionali sui temi dell'accoglienza – possa essere percorsa se nel frattempo accettiamo che Vienna tiri su un filo spinato al confine con l'Italia? La risposta ovviamente è no. Se ci terremo senza fiatare quel muro osceno, la dissoluzione dell'Ue sarà quasi raggiunta. E, in fondo, anche meritata.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...