Migranti, perché l'Europa tace sul muro del Brennero

Un'epidemia di paura impedisce alla Ue e all'Italia di fermare l'Austria, che sta chiudendo la frontiera meridionale con il filo spinato

È troppo debole la protesta dell'Europa per il muro del Brennero. L'Austria lo sta costruendo a tempo di record, una barriera di reticolato per respingere i migranti sbarcati in Italia e diretti a nord. È un'offesa ai valori fondanti dell'Unione europea e un calcio nei denti al governo italiano. Eppure, da Roma la risposta è flebile. Il nostro continente sta esplodendo. A minacciarne il futuro, prima di ogni invasione migratoria, è un'epidemia di paura.

Advertisement - Continue Reading Below

I numeri non contano: hai voglia a spiegare che non esiste alcuna invasione (lo dice chiaramente l'Unhcr, agenzia dell'Onu) e che, alla peggio, ci troveremo nel 2016 con un milione di migranti da distribuire su un continente abitato da mezzo miliardo di persone. Hai voglia a ipotizzare che, in parecchi casi, i profughi di guerra saranno in futuro i pagatori delle nostre pensioni. Non intendo minimizzare i problemi: accogliere i rifugiati richiede organizzazione ferrea e rispetto delle leggi. Ma non c'è alternativa e i nostri governanti dovrebbero saperlo. Finché il Medio Oriente sarà squassato dalla guerra, la gente fuggirà verso l'Europa. Si possono almeno rimpatriare i migranti economici? Nella maggior parte dei casi no, dal momento che non esistono accordi con i Paesi di provenienza. I quali non vogliono riprenderseli perché contano sulle loro rimesse economiche. Ecco la ragione per cui servirebbero un ministero europeo unico per l'immigrazione e un piano di accordi economici internazionali, specie con i Paesi africani.

Più Popolare

E torniamo al muro del Brennero. Vi pare possibile che questa strada – una cessione delle sovranità nazionali sui temi dell'accoglienza – possa essere percorsa se nel frattempo accettiamo che Vienna tiri su un filo spinato al confine con l'Italia? La risposta ovviamente è no. Se ci terremo senza fiatare quel muro osceno, la dissoluzione dell'Ue sarà quasi raggiunta. E, in fondo, anche meritata.

More from Gioia!:
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento