Panama papers: questa gente davvero non paga le tasse

La lista dei titolari di società offshore pubblicata dai giornali è una lista di evasori fiscali: quale altro motivo c'è di aprire una società a Panama senza dichiararlo all'agenzia delle entrate?

Ogni articolo che tratti dei cosiddetti Panama papers, ovvero la lista dei titolari di società offshore panamensi trafugata da un hacker e distribuita a varie testate giornalistiche, precisa quanto segue: «Di per sé non è vietato controllare una società offshore. Basta segnalarlo nella dicharazione dei redditi». È una normale prudenza giornalistica per evitare cause legali. Ma chi di noi davvero pensa che qualcuno dei titolari di società nascoste negli archivi dello studio legale centramericano Mossack Fonseca lo abbia comunicato al fisco? Diciamolo: aprire società offshore a Panama, uno degli Stati più caparbiamente refrattari a ogni accordo di trasparenza bancaria, serve soprattutto a eludere le tasse. (Nella foto, manifestazione di protesta dopo la pubblicazione delle liste).

Advertisement - Continue Reading Below

Si prendono dei soldi e li si affida a qualche vispo consulente o commercialista abile a farli sparire. Sono denari per lo più al nero, o comunque destinati a finanziare attività al riparo da occhi indiscreti. Nella rete della fonte anonima che ha svelato i Panama papers sono cadute società estere riconducibili, per esempio, ai tesorieri di boss mafiosi desiderosi di nascondere capitali frutto di traffici illeciti. Quanto ai nomi del jet set italiano, da Montezemolo a Verdone, dallo stilista Valentino al pilota Jarno Trulli a Barbara D'Urso, c'è chi rivendica totale estraneità e chi dichiara di avere le carte in regola. 

Più Popolare

Vedremo come si muoverà il fisco italiano. Per ora il direttore dell'Agenzia delle entrate Rossella Orlandi, interpellata da L'Espresso, il settimanale che ha pubblicato per l'Italia in esclusiva le liste, si limita a ripetere la stessa frase di noi giornalisti: «Avere società estere è lecito, ma bisogna dichiararlo». Ma poi, alla domanda su quanti italiani abbiano denunciato legalmente le loro offshore, a parte i veri grossisti di frutta esotica, la sua risposta è chiara e disarmante: «Per la verità, nessuno». Appunto.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...