Panama papers: questa gente davvero non paga le tasse

La lista dei titolari di società offshore pubblicata dai giornali è una lista di evasori fiscali: quale altro motivo c'è di aprire una società a Panama senza dichiararlo all'agenzia delle entrate?

Ogni articolo che tratti dei cosiddetti Panama papers, ovvero la lista dei titolari di società offshore panamensi trafugata da un hacker e distribuita a varie testate giornalistiche, precisa quanto segue: «Di per sé non è vietato controllare una società offshore. Basta segnalarlo nella dicharazione dei redditi». È una normale prudenza giornalistica per evitare cause legali. Ma chi di noi davvero pensa che qualcuno dei titolari di società nascoste negli archivi dello studio legale centramericano Mossack Fonseca lo abbia comunicato al fisco? Diciamolo: aprire società offshore a Panama, uno degli Stati più caparbiamente refrattari a ogni accordo di trasparenza bancaria, serve soprattutto a eludere le tasse. (Nella foto, manifestazione di protesta dopo la pubblicazione delle liste).

Advertisement - Continue Reading Below

Si prendono dei soldi e li si affida a qualche vispo consulente o commercialista abile a farli sparire. Sono denari per lo più al nero, o comunque destinati a finanziare attività al riparo da occhi indiscreti. Nella rete della fonte anonima che ha svelato i Panama papers sono cadute società estere riconducibili, per esempio, ai tesorieri di boss mafiosi desiderosi di nascondere capitali frutto di traffici illeciti. Quanto ai nomi del jet set italiano, da Montezemolo a Verdone, dallo stilista Valentino al pilota Jarno Trulli a Barbara D'Urso, c'è chi rivendica totale estraneità e chi dichiara di avere le carte in regola. 

Più Popolare

Vedremo come si muoverà il fisco italiano. Per ora il direttore dell'Agenzia delle entrate Rossella Orlandi, interpellata da L'Espresso, il settimanale che ha pubblicato per l'Italia in esclusiva le liste, si limita a ripetere la stessa frase di noi giornalisti: «Avere società estere è lecito, ma bisogna dichiararlo». Ma poi, alla domanda su quanti italiani abbiano denunciato legalmente le loro offshore, a parte i veri grossisti di frutta esotica, la sua risposta è chiara e disarmante: «Per la verità, nessuno». Appunto.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Rose McGowan ovvero la donna che per prima ha dato il via allo scandalo delle molestie a Hollywood
Esce in Italia il libro dell'attrice che con la sua denuncia ha dato il via allo scandalo delle molestie di Hollywood
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori