Terrorismo: dall'attentato di Stoccolma all'Egitto, ecco le prove di guerra

Una raffica di attentati in Svezia, Egitto e Somalia ha seminato decine di morti e ha fatto crollare il mito dell'inviolabile sicurezza delle città scandinave

Ricapitolando. È poi successo davvero qualcosa di orribile in Svezia, come Donald Trump aveva sostenuto, sbagliando o spoilerando, un mese fa. L'ultimo camion assassino lanciato contro la folla (dopo Nizza e Berlino, passando per il suv di Londra) ha fatto quattro morti tra cui una bambina di 11 anni, e molti feriti, nel centro di Stoccolma. Il principale sospettato, un uzbeko di 39 anni padre di quattro figli, la cui domanda d'asilo era stata respinta, avrebbe confessato. Finisce così, insieme al mito dell'inviolabile sicurezza delle città scandinave, la leggenda di un Paese «perfetto», le cui politiche di integrazione sono state a lungo ritenute un modello.

Advertisement - Continue Reading Below

Nella vicina Norvegia le forze dell'ordine hanno disinnescato un ordigno artigianale in una fermata della metropolitana di Oslo e arrestato, per possesso di esplosivi, un diciassettenne di cittadinanza russa. In Egitto, dove a breve è attesa una visita del Papa, decine di cristiani sono morti straziati da una bomba e da un successivo attacco kamikaze in due chiese copte, durante le celebrazioni della domenica delle Palme. Il primo attentato, il più sanguinoso, è avvenuto a Tanta, a nord del Cairo; il secondo all'ingresso della chiesa di San Marco ad Alessandria. Entrambe le stragi, avvenute a breve distanza temporale l'una dall'altra, sono state immediatamente rivendicate dallo Stato islamico attraverso l'agenzia semi-ufficiale Amaq. Il presidente Al-Sisi ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale e tre mesi di stato d'emergenza. Ma raffiche di attentati, con decine di morti, hanno insanguinato negli ultimi giorni anche la Somalia, che purtroppo c'è abituata e comunque fa meno notizia.

Più Popolare

Sullo sfondo, il rapido deterioramento della crisi tra Stati Uniti/Iran e Stati Uniti/Corea del Nord: l'attacco americano in Siria è stato giudicato da Pyongyang «un atto di aggressione intollerabile», nonché «la prova di quanto sia giusto continuare il nostro programma nucleare»; per tutta risposta, portaerei americane muovono verso la Corea e Donald Trump non esclude nessuna opzione. «Venti di guerra», li ha già ribattezzati qualche giornale.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?