Anche i Muccino piangono, una soap opera multimediale

​L'ultima puntata della saga tra i due fratelli è andata in onda in tv. Protagonista: Silvio, che ha accusato Gabriele di violenza contro la ex moglie. Il seguito? Prossimamente sui social network

Più Popolare

Una domenica di primavera, Silvio Muccino ha trovato opportuno farsi intervistare da Massimo Giletti. Noi con inveterata vocazione a farci i fatti degli altri ci aspettavamo rispondesse alle scuse che il fratello molto maggiore Gabriele – prima pigmalione, poi arcinemico – aveva pubblicamente presentato a Carla Vangelista pochi giorni prima, ritirando le vecchie accuse di plagio, ridefinite per l'occasione «improprie esternazioni delle mie opinioni, nelle quali attribuivo a Carla la responsabilità dell'allontanamento di Silvio da me e dalla mia famiglia».

Advertisement - Continue Reading Below

Nella tv che pensavamo di meritare, di sottofondo alla pennichella, stava per andare in onda una carrambata di riconciliazione, o quantomeno la risoluzione pacifica di una causa di diffamazione.

Invece Silvio Muccino ha scoperchiato trame da soap opera inaudite. «Un'estate eravamo tutti nella casa di campagna di Gabriele. A un certo punto lui si è innervosito, ed è andato in camera da Elena (Majoni, violinista, moglie di Gabriele dal 2002 al 2006, ndr). Quando mi sono alzato per vedere cosa succedeva, l'ho vista uscire con una mano sull'orecchio, le lacrime agli occhi. Non sentiva più nulla: uno schiaffo le aveva perforato un timpano».

Più Popolare

Ma «per perbenismo, per ipocrisia, per tutela del clan familiare e dell'immagine pubblica dei Muccino, e per via dei sensi di colpa e dei ricatti morali con cui sono stato cresciuto» (dall'elenco secco di alibi e ragioni è evidente che l'episodio è stato a lungo professionalmente sviscerato) davanti al pm Silvio è stato «indotto a mentire». 

Dieci anni dopo, di pomeriggio su Rai1, il Muccino minore ha perciò deciso di assumersi le sue responsabilità, e ritrattare la falsa testimonianza: «Scelsi la mia famiglia anziché la verità, e non me lo sono mai perdonato». Gabriele, con ritrovata sobrietà, ha (non) commentato le dichiarazioni del fratello postando su Facebook e su Twitter immagini di svitati. 

Quel che resta da sapere sugli affari di famiglia verrà dipanato, probabilmente, in tribunale. O su qualche social network, se siamo fortunate.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Se il referendum è un voto su Renzi
Il risultato del 4 dicembre sarà un test sul governo più che la decisione di abolire o meno il bicameralismo perfetto
Firme
CONDIVIDI
Milano è davvero violenta come la dipingono?
I reati nel capoluogo lombardo sono scesi in 10 anni del 36%, ma i titoli dei giornali insistono con l'allarmismo
matteo-maffucci-foto-pioggia-3
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non ricordo più il colore del cielo
Dopo tre settimane da expat accuso il colpo: a parte la pioggia c'è anche altro, non sto vivendo
Firme
CONDIVIDI
The young pope: così Sorrentino se la ride
«Ha sfogliato gli ultimi bestseller e si è reso conto di cosa vende: l'orfano adulto», commenta Guia Soncini
violenza-sulle-donne-coraggio-denunciare
Firme
CONDIVIDI
Violenza sulle donne, il coraggio non basta se nessuno interviene
È in aumento il numero delle donne che considerano reato i maltrattamenti, ma il coraggio non basta a salvarsi
Firme
CONDIVIDI
(E)lezioni americane: basta che sia uomo
I neri hanno avuto diritto di voto nel 1870, le donne di qualsiasi colore, negli illuminati Stati Uniti, 50 anni dopo
Matteo Maffucci, Milano Zucchero e Catrame, Roma, Milano, expat, cantanti, Zero Assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, tutto l'amore del mondo
Da quando vivo a Milano, mi sveglio la mattina presto pronto a tutto. E mi diverto a fare l'esploratore, scoprendo cose meravigliose
A gennaio si insedierà alla Casa Bianca insieme al marito, il presidente eletto Donald Trump: ecco cosa può insegnarci la nuova First Lady americana.
Firme
CONDIVIDI
Cara Melania, sarai una First Lady esemplare
Non siate prevenute, anche dalla futura prima signora d'America abbiamo molto da imparare. Per esempio: a fingere scemenza.
Firme
CONDIVIDI
Se Bob Dylan 
non alza il telefono
Non cedere, fallo per tutte noi che non abbiamo mai detto a voce alta «Ti lascio»: e Bob alla fine non andrà a ritirare il Nobel
Firme
CONDIVIDI
Quella di Hillary Clinton è la sconfitta del merito
Ha perso la Clinton o hanno perso le donne? Io penso che abbiamo perso tutti, maschi e femmine