Anche i Muccino piangono, una soap opera multimediale

​L'ultima puntata della saga tra i due fratelli è andata in onda in tv. Protagonista: Silvio, che ha accusato Gabriele di violenza contro la ex moglie. Il seguito? Prossimamente sui social network

Più Popolare

Una domenica di primavera, Silvio Muccino ha trovato opportuno farsi intervistare da Massimo Giletti. Noi con inveterata vocazione a farci i fatti degli altri ci aspettavamo rispondesse alle scuse che il fratello molto maggiore Gabriele – prima pigmalione, poi arcinemico – aveva pubblicamente presentato a Carla Vangelista pochi giorni prima, ritirando le vecchie accuse di plagio, ridefinite per l'occasione «improprie esternazioni delle mie opinioni, nelle quali attribuivo a Carla la responsabilità dell'allontanamento di Silvio da me e dalla mia famiglia».

Advertisement - Continue Reading Below

Nella tv che pensavamo di meritare, di sottofondo alla pennichella, stava per andare in onda una carrambata di riconciliazione, o quantomeno la risoluzione pacifica di una causa di diffamazione.

Invece Silvio Muccino ha scoperchiato trame da soap opera inaudite. «Un'estate eravamo tutti nella casa di campagna di Gabriele. A un certo punto lui si è innervosito, ed è andato in camera da Elena (Majoni, violinista, moglie di Gabriele dal 2002 al 2006, ndr). Quando mi sono alzato per vedere cosa succedeva, l'ho vista uscire con una mano sull'orecchio, le lacrime agli occhi. Non sentiva più nulla: uno schiaffo le aveva perforato un timpano».

Più Popolare

Ma «per perbenismo, per ipocrisia, per tutela del clan familiare e dell'immagine pubblica dei Muccino, e per via dei sensi di colpa e dei ricatti morali con cui sono stato cresciuto» (dall'elenco secco di alibi e ragioni è evidente che l'episodio è stato a lungo professionalmente sviscerato) davanti al pm Silvio è stato «indotto a mentire». 

Dieci anni dopo, di pomeriggio su Rai1, il Muccino minore ha perciò deciso di assumersi le sue responsabilità, e ritrattare la falsa testimonianza: «Scelsi la mia famiglia anziché la verità, e non me lo sono mai perdonato». Gabriele, con ritrovata sobrietà, ha (non) commentato le dichiarazioni del fratello postando su Facebook e su Twitter immagini di svitati. 

Quel che resta da sapere sugli affari di famiglia verrà dipanato, probabilmente, in tribunale. O su qualche social network, se siamo fortunate.

More from Gioia!:
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?
Firme
CONDIVIDI
Il maniaco senza qualità è peggio di Weinstein
C'è chi pensa di poterti saltare addosso senza possedere punti di forza evidenti, e senza che tu gli abbia dato il via libera
Moda può cambiare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Avvertenza: la moda non è una cosa frivola
Non solo ci fa sentire bene quando tutto va storto, ma la moda può cambiare noi che la indossiamo e il mondo
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è