Anche i Muccino piangono, una soap opera multimediale

​L'ultima puntata della saga tra i due fratelli è andata in onda in tv. Protagonista: Silvio, che ha accusato Gabriele di violenza contro la ex moglie. Il seguito? Prossimamente sui social network

Più Popolare

Una domenica di primavera, Silvio Muccino ha trovato opportuno farsi intervistare da Massimo Giletti. Noi con inveterata vocazione a farci i fatti degli altri ci aspettavamo rispondesse alle scuse che il fratello molto maggiore Gabriele – prima pigmalione, poi arcinemico – aveva pubblicamente presentato a Carla Vangelista pochi giorni prima, ritirando le vecchie accuse di plagio, ridefinite per l'occasione «improprie esternazioni delle mie opinioni, nelle quali attribuivo a Carla la responsabilità dell'allontanamento di Silvio da me e dalla mia famiglia».

Advertisement - Continue Reading Below

Nella tv che pensavamo di meritare, di sottofondo alla pennichella, stava per andare in onda una carrambata di riconciliazione, o quantomeno la risoluzione pacifica di una causa di diffamazione.

Invece Silvio Muccino ha scoperchiato trame da soap opera inaudite. «Un'estate eravamo tutti nella casa di campagna di Gabriele. A un certo punto lui si è innervosito, ed è andato in camera da Elena (Majoni, violinista, moglie di Gabriele dal 2002 al 2006, ndr). Quando mi sono alzato per vedere cosa succedeva, l'ho vista uscire con una mano sull'orecchio, le lacrime agli occhi. Non sentiva più nulla: uno schiaffo le aveva perforato un timpano».

Più Popolare

Ma «per perbenismo, per ipocrisia, per tutela del clan familiare e dell'immagine pubblica dei Muccino, e per via dei sensi di colpa e dei ricatti morali con cui sono stato cresciuto» (dall'elenco secco di alibi e ragioni è evidente che l'episodio è stato a lungo professionalmente sviscerato) davanti al pm Silvio è stato «indotto a mentire». 

Dieci anni dopo, di pomeriggio su Rai1, il Muccino minore ha perciò deciso di assumersi le sue responsabilità, e ritrattare la falsa testimonianza: «Scelsi la mia famiglia anziché la verità, e non me lo sono mai perdonato». Gabriele, con ritrovata sobrietà, ha (non) commentato le dichiarazioni del fratello postando su Facebook e su Twitter immagini di svitati. 

Quel che resta da sapere sugli affari di famiglia verrà dipanato, probabilmente, in tribunale. O su qualche social network, se siamo fortunate.

More from Gioia!:
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà
Moda sostenibile Green carpet fashion award
Firme
CONDIVIDI
La moda sostenibile ha un premio tutto per sé
Si può fare fashion etico senza sacrificare l'estetica: cronaca del primo Green Carpet Fashion Award
Cucire lavoro per diventare ricca
Firme
CONDIVIDI
Vuoi essere ricca? Impara a rammendare
Nessuna inchiesta dice che il convento è ben più utile per trovare un'occupazione, perché t'insegnano a cucire
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, cosa ho capito dopo 1 anno in questa città
Milano mi ha cambiato il metabolismo e anche i pensieri, mettendoli tutti in fila, ordinati, uno dietro l'altro, come un domino, come una...
Hillary Clinton con Anna Wintour
Firme
CONDIVIDI
Anche Hillary Clinton ha il suo complesso (come noi)
Ci sono quelle che ti umiliano a forza di plank per gli addominali e quelle cui basta uno sguardo, come Anna Wintour
Femminicidio e libertà delle ragazze
Firme
CONDIVIDI
Femminicidi, le ragazze devono essere libere
L'amore non ordina e non vieta, le ragazze non devono avere padroni