Kate Middleton, la scuola di George sarà un inferno

I duchi di Cambridge hanno scelto la scuola per il principe George con estrema attenzione, perché adesso anche i ricchi devono occuparsi dei bambini

Più Popolare

Cara Kate,

benvenuta all'inferno.

A settembre George andrà a scuola, Kensington Palace ha annunciato che i fortunati candidati al titolo di "compagno di classe" nelle didascalie delle foto reali sono gli alunni della Thomas's di Battersea, una primaria privata – e assai costosa, ci mancherebbe – della quale non sapevo niente e ora so tutto. Non è la scuola di William, la divisa costa 370 sterline, è lontana da casa (addirittura oltre il fiume, dove non arriva neanche la metropolitana: che sublime snobismo).

Advertisement - Continue Reading Below

È una scuola mista – non è il momento di fare i disinvolti con le discriminazioni di genere – e il motto d'istituto è: «Sii gentile». Ma per carità, Kate, non t'illudere. L'altra sera al galà della National Portrait Gallery hai detto che non sai se George si renda conto di cosa sta per capitargli. Mi chiedo se tu lo sappia, invece. E no, non sto per parlarti della feroce piaga delle chat su WhatsApp: sono certa che, come per il trasporto, preporrai un inserviente al disbrigo della pratica.

Più Popolare

Il problema sono gli esseri umani. I quali nelle scuole primarie si sentono tutti investiti del sacro compito di preservare l'integrità spirituale degli eletti pargoletti, ma partecipano alla vita di classe con assiduità (e veemenza) direttamente proporzionale alla posizione sociale rivestita. I tempi in cui bastava essere ricchi per potersi disinteressare dei bambini sono finiti, anzi: almeno i poveri hanno la scusa di dover tornare a lavorare. Tu no, ma hai tempo per prepararti.

L'ecosistema scolastico nella sua più esatta rappresentazione è il protagonista principale di Big Little Lies (se l'hai guardato per copiare i vestiti di Reese Whiterspoon o le messe in piega di Laura Dern, guarda meglio). Ci sono tutti. C'è la madre fisiologicamente impicciona, quella che pensi avrebbe un gran bisogno di un lavoro o di un amante o di una vita, invece è così di suo: amica del cuore o nemica giurata, purché informatissima. C'è quella di successo che trova la scuola dell'obbligo una seccatura: la sua bambina sarà CEO del mondo, cominciate a portare rispetto. C'è la madre che sembra perfetta ma nasconde torbide atrocità, la riconosci perché su Facebook mette solo foto di bambini e like a storie di corsa o di vendetta. E c'è la povera, che non è mai sicura di niente.

Poi ci sono i bambini: la vittima, il represso, l'isterica, il manesco, la manipolatrice. E soprattutto c'è quella maestra: terrorizzata da grandi e piccini, priva di qualsivoglia autorevolezza. Un figlio che va alle elementari è un thriller a puntate: è un miracolo è che non ci scappi il morto tutti gli anni.

More from Gioia!:
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà