Terroristi per caso: i lupi solitari degli attentati di Parigi e Londra

L'attacco terroristico al Parlamento di Londra del 22 marzo 2017 è l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'è stato l'aeroporto d'Orly a Parigi, dove ha agito l'ennesimo balordo in bilico tra delinquenza comune e disagio psichico

L'ultimo lupo solitario in azione nell'attentato terroristico di Parigi (all'aeroporto d'Orly, il 22 marzo 2017) nel cuore di un'Europa fragile e sotto elezioni, è l'ennesimo balordo in bilico tra delinquenza comune e disagio psichico, la cui cosiddetta radicalizzazione (forse avvenuta in carcere, non una novità) assomiglia piuttosto a un definitivo buttarla in caciara.

La parabola di Zyed B., francese di origine maghrebina che prima ha reagito a un controllo di polizia aprendo il fuoco e ferendo leggermente un poliziotto, poi ha rubato l'auto a una signora «nel nome di Allah», quindi ha raggiunto l'aeroporto di Orly, ha aggredito una soldatessa strappandole l'arma e infine è stato ucciso, ci ricorda che esiste un terrorismo così, un po' di risulta.

Advertisement - Continue Reading Below

Zyed non era un foreign fighter di ritorno, ma un tipaccio con precedenti per crimini comuni. Non un fiche S, che è il codice con cui la Francia scheda gli islamisti ritenuti pericolosi, ma un pregiudicato che dopo averne combinate di cotte e di crude (furto, spaccio, rapina), s'è forse convinto che tanto valeva farsi ammazzare nel nome di dio. Questo almeno pare abbia detto ai militari prima che lo uccidessero: «Sono qui per morire per Allah». Fonti giudiziarie rivelano tuttavia la presenza di alcol e droghe nel suo sangue. E il contenuto dell'ultimo sms, mandato al padre quella mattina, non è esattamente riconducibile a uno stato d'esaltazione religiosa: «Ho fatto una cazzata».

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?
Firme
CONDIVIDI
Non si finisce mai di fare le madri
Un calciatore vince una partita e dice che sua mamma da lassù lo starà guardando, ma dovrà guardarlo giocare anche da morta?