Terroristi per caso: i lupi solitari degli attentati di Parigi e Londra

L'attacco terroristico al Parlamento di Londra del 22 marzo 2017 è l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'è stato l'aeroporto d'Orly a Parigi, dove ha agito l'ennesimo balordo in bilico tra delinquenza comune e disagio psichico

L'ultimo lupo solitario in azione nell'attentato terroristico di Parigi (all'aeroporto d'Orly, il 22 marzo 2017) nel cuore di un'Europa fragile e sotto elezioni, è l'ennesimo balordo in bilico tra delinquenza comune e disagio psichico, la cui cosiddetta radicalizzazione (forse avvenuta in carcere, non una novità) assomiglia piuttosto a un definitivo buttarla in caciara.

La parabola di Zyed B., francese di origine maghrebina che prima ha reagito a un controllo di polizia aprendo il fuoco e ferendo leggermente un poliziotto, poi ha rubato l'auto a una signora «nel nome di Allah», quindi ha raggiunto l'aeroporto di Orly, ha aggredito una soldatessa strappandole l'arma e infine è stato ucciso, ci ricorda che esiste un terrorismo così, un po' di risulta.

Advertisement - Continue Reading Below

Zyed non era un foreign fighter di ritorno, ma un tipaccio con precedenti per crimini comuni. Non un fiche S, che è il codice con cui la Francia scheda gli islamisti ritenuti pericolosi, ma un pregiudicato che dopo averne combinate di cotte e di crude (furto, spaccio, rapina), s'è forse convinto che tanto valeva farsi ammazzare nel nome di dio. Questo almeno pare abbia detto ai militari prima che lo uccidessero: «Sono qui per morire per Allah». Fonti giudiziarie rivelano tuttavia la presenza di alcol e droghe nel suo sangue. E il contenuto dell'ultimo sms, mandato al padre quella mattina, non è esattamente riconducibile a uno stato d'esaltazione religiosa: «Ho fatto una cazzata».

More from Gioia!:
Femminicidio e libertà delle ragazze
Firme
CONDIVIDI
Femminicidi, le ragazze devono essere libere
L'amore non ordina e non vieta, le ragazze non devono avere padroni
Nessun avevva dubbi su quale fosse la natura della relazione di Katie Holmes e Jamie Foxx, ma dopo quattro anni l'embargo è stato sollevato, e ora possono farsi fotografare in pubblico.
Firme
CONDIVIDI
Katie e Jamie: storia di un amore segreto
Dopo quattro anni di smentite la storia con Jamie Foxx è confermata, ma riuscirà l'amore a sopravvivere all'ufficialità?
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: il potere dell'amore renderà possibile l'integrazione
Calcolando che già ad oggi il cognome più diffuso a Milano non è Brambilla, ma Hu e ormai iniziano a esserci generazioni di cinesi milanesi...
serie-tv-problema-di-coppia-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Le serie tv ora sono un problema di coppia
Le mie amiche si annoiano con Narcos, i mariti si addormentano con Fleabag, ma divani separati mai: cominci con Netflix e poi...
Firme
CONDIVIDI
Figli: fino a che età è giusto mantenerli?
I figli hanno diritto ad essere mantenuti fino a una certa età, i genitori, d'altra parte, a scaricarli dopo una certa età
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, l'agonia dell'ascoltare i racconti delle vacanze altrui
Armati di sorriso standard e tanta pazienza iniziamo a giro antiorario, con telefono per un supporto fotografico, a sentire gli...
Insieme al marito Mark Zuckerberg, Priscilla Chan ha scritto su Facebook una lettera, alla neonata figlia secondogenita, piena di buoni sentimenti e riassumibile in: stai lontana da Facebook
Firme
CONDIVIDI
Cara Priscilla, devi comprare un giardino più grande (per Mark)
O qualunque altra cosa possa servire a tenerlo lontano da Facebook
Bruce Springsteen concerto Broadway
Firme
CONDIVIDI
Quando il desiderio rimane in standby
E poi cerchi di consolarti dicendoti che lo spettacolo di Bruce Springsteen sarà insignificante
Firme
CONDIVIDI
Anche una pacca sul sedere è molestia sessuale
La popstar ha vinto in tribunale contro un dj che l'aveva palpeggiata: anche questo è un abuso, che non può essere accettato o sminuito
Helen Mirren film Paolo Virzì
Firme
CONDIVIDI
Niente «cose da vecchia» per Helen Mirren se il regista è Virzì
L'attrice 71enne recita in Elle & John, film «di malati terminali», e Paolo Virzì le ha spiegato un'ovvietà: si ammalano anche i giovani