Ben Affleck, superuomo sì, ma solo part time

Mentre sullo schermo interpreta Batman, un supereroe muscolosissimo, a casa è un ex marito colpevole di aver tradito la moglie con la tata: ecco perché nelle interviste non vuole parlare della sua vita privata

Con piglio scarsamente supereroico, prima di ogni intervista a corredo di Batman V Superman: dawn of justice, Ben Affleck ha fatto sapere che non avrebbe discusso la sua vita privata. Come se le autobiografiche riflessioni sulla psicologia del più depresso tra i giustizieri in calzamaglia potessero, per un pubblico qualunque, risultare più avvincenti di tutta la verità sulla triste e assai credibile storia dell'attore in crisi di mezz'età e la babysitter snaturata. (Ripasso per le smemorate: a giugno, dopo dieci anni di matrimonio, Ben Affeck e Jennifer Garner hanno congiuntamente annunciato il divorzio; a luglio, come in un libro scritto male, abbiamo saputo che Affleck si era individualmente a lungo intrattenuto con la bionda e spigliata tata di casa).

Advertisement - Continue Reading Below

Ma con il preciso talento delle ex mogli per il dispetto, Jennifer Garner ha scelto proprio questo periodo per raccontare nel dettaglio a Vanity fair Usa la sua versione dei fatti, riassumibile con buona approssimazione in «Sì, è un cretino; ma era il mio cretino e gli ho voluto bene». Lui ha replicato confermandole immutata stima. Che altro poteva fare? Una delle fondamentali regole di Eli Gold, lo stratega della comunicazione nella serie tv The good wife, sancisce suppergiù: «Se non vuoi che una storia si sappia, devi essere il primo a raccontarla». Ben Affleck ha perso questo privilegio: per tutti ormai lui è il (fedifrago) cretino. La ragione per cui non risponde a ulteriori domande è che, sull'argomento, non c'è altro da aggiungere.  

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Rose McGowan ovvero la donna che per prima ha dato il via allo scandalo delle molestie a Hollywood
Esce in Italia il libro dell'attrice che con la sua denuncia ha dato il via allo scandalo delle molestie di Hollywood
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori