Kate Moss e l'arte di invecchiare come una top model

La modella ha appena compiuto 43 anni: è invecchiata, ma non si rassegna a vestirsi come la regina Elisabetta. E perché dovrebbe?

Più Popolare

Cara Kate,

non tagliare i tuoi capelli mai.

E mangia pure quanto ti pare, tanto per tutti sempre sarai tutt'ossa. Quella che quando le chiesero se avesse regole di vita – a te: una modella famosa per parlare il meno possibile, rimanendo il più inaccessibile possibile – rispose «Niente sa di buono quanto sentirsi magra», assicurando contemporaneamente il fatturato annuale all'industria degli indignati e a quella dei produttori di spillette motivazionali.

Advertisement - Continue Reading Below

Da qualche anno, avrai notato, hai cambiato casella esistenziale. Non sei più una top model scheletrica, non sei più una drogata saccente, non sei neanche più un'icona da celebrare solo ai compleanni. Sei diventata una vecchia. Peggio: una vecchia che non si rassegna. Come diavolo ti è saltato in mente di uscire per Londra con un vestito trasparente e i capezzoli all'aria? Non sai che alla tua età bisogna cominciare a vestirsi come la regina Elisabetta? (L'altra Kate, quella Middleton, si è già portata avanti).

Più Popolare

Sono diventata vecchia la prima volta quando mi sono accorta che, nell'estratto conto della mia carta di credito, le spese di manutenzione straordinaria avevano superato quelle di guardaroba anche nei mesi di cambio di stagione. Anzi: soprattutto nei mesi di cambio di stagione. La dermatologa mi chiama per nome e il parrucchiere mi fa gli auguri di compleanno: non c'è niente di straordinario nella mia manutenzione. Come ogni cosa, l'ha detta meglio di tutte Nora Ephron: sono a otto ore a settimana – più una cifra che non intendo divulgare – dal sembrare la barbona dietro l'angolo.

Il che probabilmente rende anche me, nel mio minuscolo, «una vecchia che non si rassegna». E sì che per me sarebbe facile: mica sono mai stata Kate Moss. Ma non sono neanche mai stata una di quelle signore in bicicletta che la mattina presto vanno a yoga con l'Internazionale e il caschetto grigio che rimbalza. Ogni giorno prima di colazione sciolgo la curcuma nel latte di mandorla; prendo le vitamine, il magnesio, il collagene; e poi mi raccomando al dio delle oche: fa' che funzioni.

Sono diventata vecchia la seconda volta – più saggia – quando ho capito che, così come non ti somigliavo a vent'anni, non ti somiglierò neanche a cinquanta, Kate. Io estirpo inorridita i peli bianchi – che schifo – ma in fondo della mia vecchiaia importa solo a me. Tu hai incarnato l'ideale di un'epoca: perché dovresti rassegnarti a diventare vecchia come una qualunque? Se avessi speso gli stessi soldi – e tempo, e fatica – in diamanti, troverei perfettamente appropriato mandarti a fare la spesa con la corona.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda