Winona Ryder, miglior premiata protagonista

Sul palco dei SAG Awards con il cast di Stranger Things, l'attrice ha dimostrato come evitare di trasformare le cerimonie di premiazione in noiosi comizi

Più Popolare

Cara Winona,

sei la mia unica speranza.

Mai come quest'anno la stagione dei premi – in quanto manifestazione morale del mondo – si è rivelata complicata. La colpa è di Donald Trump, che non ha mai fatto niente per rendersi simpatico, e ciò non di meno comanda. La colpa è di Meryl Streep, che all'inizio dell'anno ha ricevuto il Golden Globe alla carriera, e con l'occasione si è espressa in veemente difesa dei tre «gruppi sociali più maltratti d'America»: Hollywood, la stampa e gli stranieri. (Te ne viene in mente almeno un'altra mezza dozzina? Sei la solita benaltrista).

Advertisement - Continue Reading Below

La colpa è di David Harbour – attore fin qui conosciuto come «quello che faceva lo sceriffo» in Stranger Things – che la settimana scorsa ai SAG ha accettato il premio collettivo al cast della serie. (A proposito, a nome della collettività mia coetanea: grazie per Stranger Things. Con un solo telefilm abbiamo potuto raccontare a figlie e nipoti tutto l'album di figurine degli anni Ottanta, e pure perché «Winona Ryder» è un nome da pronunciare con rispetto).

Più Popolare

Sul palco, eri in piedi lì vicino. E mentre lui si pericolava a offrire «rifugio per i diversi e per gli esclusi», e prometteva di dare la «caccia ai mostri» e persino «un pugno in faccia a chi cerca di colpire gli indifesi» – «Mi sono ispirato a Woody Goothrie quando ha scritto This land is your land», ha spiegato dopo, per mantenere il senso delle proporzioni – tu mettevi in scena il vasto campionario del ca* che ce ne fregava. Che cosa sta dicendo adesso questo? Non eravamo qui per festeggiare? Bisognerà starlo a sentire, che pazienza. E pure dimostrarsi solidali: ho lo sguardo abbastanza corrucciato? Ehi, però. Forse un po' ha ragione. I bulli sono il male: cacca, puzza. Hasta la victoria, amici. Siempre!

La trasformazione di serate frivole in comizi di gala è diventata un problema, Winona. Gli inglesi dei BAFTA sono così preoccupati che la BBC potrebbe decidere di tagliar via i discorsi più politici dal montaggio: quei pavidi trasmettono la cerimonia in differita (e non sono a conoscenza di un'invenzione chiamata internet). Ma gli Oscar, a fine mese, sono in diretta, e mica tutti hanno la competenza retorica di Meryl Streep. Il rischio è di finire con uno show avvincente come la Festa dell'Unità a Foligno, ma senza le salsicce. Per questo devi sacrificarti. Devi metterti fissa a un angolo del palco – magari ti portiamo uno sgabello – e per ogni vincitore garantire le faccette di commento in simultanea. Premio, discorso, reazione, finito. Possiamo farcela anche quest'anno, e magari persino ricordarci qualche film.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo