Winona Ryder, miglior premiata protagonista

Sul palco dei SAG Awards con il cast di Stranger Things, l'attrice ha dimostrato come evitare di trasformare le cerimonie di premiazione in noiosi comizi

Più Popolare

Cara Winona,

sei la mia unica speranza.

Mai come quest'anno la stagione dei premi – in quanto manifestazione morale del mondo – si è rivelata complicata. La colpa è di Donald Trump, che non ha mai fatto niente per rendersi simpatico, e ciò non di meno comanda. La colpa è di Meryl Streep, che all'inizio dell'anno ha ricevuto il Golden Globe alla carriera, e con l'occasione si è espressa in veemente difesa dei tre «gruppi sociali più maltratti d'America»: Hollywood, la stampa e gli stranieri. (Te ne viene in mente almeno un'altra mezza dozzina? Sei la solita benaltrista).

Advertisement - Continue Reading Below

La colpa è di David Harbour – attore fin qui conosciuto come «quello che faceva lo sceriffo» in Stranger Things – che la settimana scorsa ai SAG ha accettato il premio collettivo al cast della serie. (A proposito, a nome della collettività mia coetanea: grazie per Stranger Things. Con un solo telefilm abbiamo potuto raccontare a figlie e nipoti tutto l'album di figurine degli anni Ottanta, e pure perché «Winona Ryder» è un nome da pronunciare con rispetto).

Più Popolare

Sul palco, eri in piedi lì vicino. E mentre lui si pericolava a offrire «rifugio per i diversi e per gli esclusi», e prometteva di dare la «caccia ai mostri» e persino «un pugno in faccia a chi cerca di colpire gli indifesi» – «Mi sono ispirato a Woody Goothrie quando ha scritto This land is your land», ha spiegato dopo, per mantenere il senso delle proporzioni – tu mettevi in scena il vasto campionario del ca* che ce ne fregava. Che cosa sta dicendo adesso questo? Non eravamo qui per festeggiare? Bisognerà starlo a sentire, che pazienza. E pure dimostrarsi solidali: ho lo sguardo abbastanza corrucciato? Ehi, però. Forse un po' ha ragione. I bulli sono il male: cacca, puzza. Hasta la victoria, amici. Siempre!

La trasformazione di serate frivole in comizi di gala è diventata un problema, Winona. Gli inglesi dei BAFTA sono così preoccupati che la BBC potrebbe decidere di tagliar via i discorsi più politici dal montaggio: quei pavidi trasmettono la cerimonia in differita (e non sono a conoscenza di un'invenzione chiamata internet). Ma gli Oscar, a fine mese, sono in diretta, e mica tutti hanno la competenza retorica di Meryl Streep. Il rischio è di finire con uno show avvincente come la Festa dell'Unità a Foligno, ma senza le salsicce. Per questo devi sacrificarti. Devi metterti fissa a un angolo del palco – magari ti portiamo uno sgabello – e per ogni vincitore garantire le faccette di commento in simultanea. Premio, discorso, reazione, finito. Possiamo farcela anche quest'anno, e magari persino ricordarci qualche film.

More from Gioia!:
L'attrice inglese Emma Thompson rivela alla tv scandinava: l'invcecchiamento non si può combattere, deve diventare un processo sostenibile.
Firme
CONDIVIDI
Cara Emma, sei la mia amica geniale
Quante rughe mi devo far venire per diventare come te?
milano-zucchero-e-catrame-prima-estate-milanese
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, come sarà l'estate milanese?
La sto aspettando come un viaggio dall'altra parte del mondo, perché Roma per me è un libro aperto, Milano, no: ci sono le cicale?
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»