Le vacanze del popolo della partita Iva

​Ecco cosa succede mentre il popolo della busta paga parla di ferie e mete lontane

Più Popolare

L'estate del popolo della partita Iva è una strada piena di buche. Un rettilineo senza orizzonte dentro una macchina sempre in riserva. Nel periodo dedicato allo svago e al riposo, il popolo della partita Iva si sente il dettaglio sbagliato, sotto la scritta "trova l'intruso".

Mentre gli altri – il popolo della busta paga – parlano di ferie, di mete lontane, di capuffici despoti che negano e dispongono a loro arbitrio – e si lamentano si lamentano – loro, gli autonomi, covano risentimenti atavici, trasformando il disagio di essere vittime di ben altri arbitri – i progetti che non partono, i telefoni che non rispondono, le settimane in stand by, i "ti richiamerò" – in spavalda e filosofica opposizione alla logica giurassica del posto fisso.

Advertisement - Continue Reading Below

In effetti, il popolo della partita Iva è avanti. Lo dice pure l'Economist.Così avanti che in Italia nessuno lo capisce. Ma, soprattutto, nessuno se ne cura. Né il Renzi col suo Jobs Act, né i sindacati. Nessuno.

I dipendenti hanno avuto gli 80 euro politici, le imprese gli sgravi fiscali; loro, solo tasse e balzelli: da versare rigorosamente in anticipo, perché nel nostro Paese, secondo secolare e consolidata convinzione, i liberi professionisti, fino a prova contraria, raramente fatturano, quasi sempre evadono. La prova contraria in realtà ci sarebbe, nella figura di quegli 1,3 milioni di freelance – grafici, designer, giornalisti, traduttori, consulenti, creativi, fotografi, videomaker, ma anche architetti, psicologi, fisioterapisti, eccetera eccetera – che a fine mese si trovano alla canna del gas, o poco ci manca. Perché i soldi che entrano finiscono subito all'Agenzia delle entrate o all'Inps.

E i loro soldi in banca non sostano più di tre mesi. Nel portafogli meno

Più Popolare

A volte ci pensano, di evadere – perché uno Stato così, che prende molto e rende poco, un po' se lo merita – ma non ce la fanno. Per essere evasori ci vuole il pelo, le physique du rôle. Il grande evasore è una categoria antropologica a sé. Molto odiata, molto tutelata.

Il popolo della partita Iva in estate si sente il cuore oppresso da un sordoe strisciante senso di colpa. Cosa vado in vacanza io, che sto in ferie forzate un mese sì e un mese no? A volte di meno, a volte di più. Ma soprattutto cosa vado in vacanza io, che non ho i soldi neanche per pagare l'affitto? E il regalo per la pagella. E gli alimenti all'ex. Dove li trovo mille euro per un villaggio tutto compreso o una casetta in un mare minore o un camping non troppo sfigato che possa spacciare per glamping?

Così alla fine si va nella casa dei nonni, oppure dagli zii, vitto e alloggio pagati e l'ultima cena offerta, perché va bene scrocconi ma maleducati no. A volte però capita che, crepi l'avarizia, si parte! Londra, Barcellona, Paros, Corfù… Perché non si può continuare a vivere di "espedienti" a 40 anni, facendo finta che sia normale. Rinunciando a tutto: un bel viaggetto, un vino buono una sera alristorante, un piccolo sfizio ogni tanto. Ma pure un'influenza o un accidente qualsiasi senza sentirsi perennemente senza rete. Ma pure la dignità, che quella alla fine è la rinuncia più grande. E così inizia la spunta dei "pagherò", i lavori retribuiti a 60 giorni, che dopo 90 sono ancora inevasi. E poi 120, e poi 180. Finché ti viene il dubbio che non ti pagheranno mai, anche se hai scritto decine di mail e fatto chiamate a questo e a quello, per essere certo che sia tutto ok: i dati, la fattura, l'indirizzo.

Il popolo della partita Iva ha molta dimestichezza con la pratica dello scaricabarile, ci fa i conti tutti i giorni

E mastica amaro questa regola folle di dover assolvere il suo debito allo Stato, prima di essere stato liquidato. Pensa ogni giorno: Paese di merda, prima o poi espatrio. Ma se trovo i soldi per l'espatrio, tanto vale che vada prima in vacanza.

Foto: Getty

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili
Donne vittime
Firme
CONDIVIDI
Donne e molestie: si può dire "no", ma non tutte ci riescono
Non si sceglie di essere prede, si accetta, ubbidendo a diktat millenari, per paura, vergogna, abitudine