Profughi: l'Europa paga, ora il problema è di Erdogan

Solo 72.000 siriani potranno entrare in Europa, la Ue paga la Turchia perché tenga tutti gli altri dentro ai propri confini: c'è da vergognarsi di essere europei

Abbiamo appaltato il problema dei profughi di guerra a un autocrate, pagandolo profumatamente. È questo, in buona sostanza, l'accordo sui profughi siglato dall'Europa con la Turchia. Erdogan, presidente che chiude i giornali di opposizione e ha per anni permesso ai jihadisti di transitare sul suo territorio e ai contrabbandieri di rifornire l'Isis, si riprenderà i rifugiati approdati in Grecia in cambio di svariati miliardi di euro (nella foto, bambini del campo profughi di Idomeni, in Grecia, aspettano in coda la distribuzione del pranzo). Nell'accordo, un capolavoro di cinismo, si prevede poi che, per ogni profugo rispedito in Turchia, un altro dai campi di accoglienza turchi andrà in Europa. Ma occhio ai numeri: il tetto massimo di rifugiati accettati dall'Ue sarà di 72.000, rigorosamente siriani. 72.000 su 500 milioni di europei. 

Advertisement - Continue Reading Below

A Bruxelles, adesso si può dire, è morta la pietà. Di fronte a un accordo che tratta le famiglie fuggite dalla guerra come un parco bestiame da valutare un tanto al chilo, mi vergogno di essere europeo. Di appartenere a quel continente che ha visto nascere la democrazia, il principio di eguaglianza e vissuto la Shoah.  L'Europa, governata da leader xenofobi o da premier terrorizzati di perdere le elezioni, si consegna al ricatto di Erdogan: o mi pagate per riprendermeli – dice il presidente di Ankara – o spedirò sulle vostre coste milioni di immigrati. Questo accordo di fatto appalta ai turchi, esterni all'Ue, la gestione di un'emergenza umanitaria che riguarda il nostro continente. 

Più Popolare

Il principio, scusate la brutalità, è lo stesso secondo il quale i sindaci incapaci di gestire lo smaltimento dei rifiuti urbani li spediscono in Nord Europa sui treni, pagando un tanto al quintale. Ma considerare i profughi come merce che puzza non risolverà i nostri problemi: sposterà il fronte dell'emergenza da un'altra parte. Se chi fugge dalle  guerre troverà chiusa la rotta balcanica, si sposterà più a ovest. Passando dall'Albania o dalla Libia. E una folla di disperati si riverserà di nuovo sulle coste italiane.

Read Next:
milano-alba.foto-matteo-maffucci
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, una città tutta per me
Il giorno di Sant'Ambrogio mi sono svegliato alle 7 e sono uscito: giorno di festa, mattina presto, zero esseri umani, la città a...
Firme
CONDIVIDI
L'insostenibile svenevolezza dell'uomo debole
Il vittimismo maschile in amore non è un'invenzione di questo secolo: già Alberto Moravia si struggeva per Elsa Morante
justin bieber concerto con due ballerine
Firme
CONDIVIDI
Volevo essere la madre di Justin Bieber
Viva i giovani: quelli che sanno sognare in grande, come Bieber, e quelli che gli sgambetti della vita non li ferma, come Bebe Vio
Per Kim Kardashian il 2016 è stato l'anno più difficile
Firme
CONDIVIDI
Kim Kardashian, propositi per l'anno nuovo
Il 2016 è stato un anno disgraziato, ecco come superare il trauma
Firme
CONDIVIDI
Sì, sembro più giovane: lo scriverò sul biglietto da visita
Sono decenni che mi sento dire che non dimostro la mia età, alla millesima replica è impossibile non annoiarsi
Firme
CONDIVIDI
Laura Boldrini e gli insulti sessisti
Nella Giornata contro la violenza sulle donne la presidente della Camera ha reso pubblici minacce e offese ricevute dui social
matteo maffucci aperitivo milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, sto iniziando a volare
Vola il desiderio di continuare a scoprire, realizzarmi e capirmi, volo io per le strade fra incontri, battute amici vecchi e nuovi
Firme
CONDIVIDI
Lasciateci almeno Babbo Natale!
Dire subito la verità ai bambini, anche la più crudele, o nascondergliela finché è possibile. Poi c'è una terza scuola di pensiero : il...
Carrie Fisher ha avuto una storia con Harrison Ford durante Star Wars
Firme
CONDIVIDI
Cara Carrie, anch'io ho avuto una storia con Harrison Ford
Solo che la mia era immaginaria, e non avrei mai avuto la forza di tenerla segreta per 40 anni
Firme
CONDIVIDI
Milano è davvero violenta come la dipingono?
I reati nel capoluogo lombardo sono scesi in 10 anni del 36%, ma i titoli dei giornali insistono con l'allarmismo