Profughi: l'Europa paga, ora il problema è di Erdogan

Solo 72.000 siriani potranno entrare in Europa, la Ue paga la Turchia perché tenga tutti gli altri dentro ai propri confini: c'è da vergognarsi di essere europei

Abbiamo appaltato il problema dei profughi di guerra a un autocrate, pagandolo profumatamente. È questo, in buona sostanza, l'accordo sui profughi siglato dall'Europa con la Turchia. Erdogan, presidente che chiude i giornali di opposizione e ha per anni permesso ai jihadisti di transitare sul suo territorio e ai contrabbandieri di rifornire l'Isis, si riprenderà i rifugiati approdati in Grecia in cambio di svariati miliardi di euro (nella foto, bambini del campo profughi di Idomeni, in Grecia, aspettano in coda la distribuzione del pranzo). Nell'accordo, un capolavoro di cinismo, si prevede poi che, per ogni profugo rispedito in Turchia, un altro dai campi di accoglienza turchi andrà in Europa. Ma occhio ai numeri: il tetto massimo di rifugiati accettati dall'Ue sarà di 72.000, rigorosamente siriani. 72.000 su 500 milioni di europei. 

Advertisement - Continue Reading Below

A Bruxelles, adesso si può dire, è morta la pietà. Di fronte a un accordo che tratta le famiglie fuggite dalla guerra come un parco bestiame da valutare un tanto al chilo, mi vergogno di essere europeo. Di appartenere a quel continente che ha visto nascere la democrazia, il principio di eguaglianza e vissuto la Shoah.  L'Europa, governata da leader xenofobi o da premier terrorizzati di perdere le elezioni, si consegna al ricatto di Erdogan: o mi pagate per riprendermeli – dice il presidente di Ankara – o spedirò sulle vostre coste milioni di immigrati. Questo accordo di fatto appalta ai turchi, esterni all'Ue, la gestione di un'emergenza umanitaria che riguarda il nostro continente. 

Più Popolare

Il principio, scusate la brutalità, è lo stesso secondo il quale i sindaci incapaci di gestire lo smaltimento dei rifiuti urbani li spediscono in Nord Europa sui treni, pagando un tanto al quintale. Ma considerare i profughi come merce che puzza non risolverà i nostri problemi: sposterà il fronte dell'emergenza da un'altra parte. Se chi fugge dalle  guerre troverà chiusa la rotta balcanica, si sposterà più a ovest. Passando dall'Albania o dalla Libia. E una folla di disperati si riverserà di nuovo sulle coste italiane.

More from Gioia!:
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento