L'era di Donald Trump nasce sotto il segno del caos

Il nuovo presidente Usa vuole rompere gli schemi e far subito vedere chi è al potere: il gabinetto di collaboratori che lo consiglia è eterogeneo, e non si conosce la classe dirigente che governerà col presidente

Più Popolare

Sguardo torvo da bullo, andatura caracollante, giacca svolazzante e cravattona rossa troppo lunga. Ecco Donald Trump, il nuovo presidente degli Stati Uniti d'America alla cerimonia d'insediamento. Se ne frega del rito, è chiaro. Vuole rompere gli schemi e far subito vedere chi comanda. Pronuncia un discorso perfettamente coerente con le parole d'ordine della vittoriosa campagna elettorale: potere al popolo, compra americano, affitta americano, proteggi i confini. Protezionista, populista, prosa semplice e diretta.

Advertisement - Continue Reading Below

A pochi metri di distanza, Barack Obama ha lo sguardo cupo e le labbra serrate. È chiaramente preoccupato dai toni di Trump. Che racconta l'America senza luce né colori, un ammasso di fabbriche arrugginite e malumori, un carnage, un massacro di lavoratori incazzati. Mai sentito un discorso più dirompente: l'insediamento del nuovo presidente contiene l'annuncio esplicito di una folle corsa contromano: The Donald dichiara guerra alla globalizzazione che è stata la Bibbia economica d'America e il cardine delle sue relazioni internazionali. Da affarista qual è, probabilmente adotterà in politica criteri di stretta convenienza economica: amico di chi non minaccia le tasche dell'America, come la Russia di Putin e Israele, avversario di chi compete sul mercato dei consumatori e dei salari come la Cina, il Messico e l'Unione Europea. Magari stringendo alleanza con la Gran Bretagna fresca di Brexit e di nuovo parte integrante di quell'anglosfera che potrebbe ridisegnare i confini dei nuovi poteri mondiali.

Il gabinetto di collaboratori che lo consiglia è eterogeneo, l'era Trump nasce sotto il segno del caos. Non si conosce la classe dirigente che governerà col presidente, né l'esito finale di questo enorme cambiamento. Ma chi conosce The Donald assicura che il caos sia deliberato e punti a concentrare nelle mani del presidente quanto più potere possibile.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente
Firme
CONDIVIDI
«Fa l'amore con me e poi loda sua moglie»
Sei capitata con il più classico dei moglioni, cioè il mammone della moglie, che tradisce sempre ma non se ne va mai
Firme
CONDIVIDI
Il terremoto non può portare via i ricordi
Michela Monferrini ha scritto un libro che è un viaggio nel dolore della perdita ma anche un viaggio nella memoria
Firme
CONDIVIDI
Sesso e giovani: prima di Internet c'era Cioè
I ragazzi di oggi, rivela il Censis, di sesso ne sanno, ma il primo rapporto arriva a 17 anni e molti confondono contraccezione e...
Firme
CONDIVIDI
La Caporetto della grammatica
I professori dell'Accademia della Crusca lanciano l'allarme: gli italiani non sanno più scrivere né parlare
Firme
CONDIVIDI
Sally te lo aveva detto, Donald!
Sally Yates, l'ex procuratrice licenziata con l'accusa di tradimento, aveva provato a spiegare a Trump che il Muslim ban era una boiata
Firme
CONDIVIDI
«Mio figlio e le escort che gli paga papà»
«Mio marito ha scoperto che è vergine e teme sia gay»: un padre così insicuro della propria virilità da ricorrere al vecchio bordello