L'era di Donald Trump nasce sotto il segno del caos

Il nuovo presidente Usa vuole rompere gli schemi e far subito vedere chi è al potere: il gabinetto di collaboratori che lo consiglia è eterogeneo, e non si conosce la classe dirigente che governerà col presidente

Più Popolare

Sguardo torvo da bullo, andatura caracollante, giacca svolazzante e cravattona rossa troppo lunga. Ecco Donald Trump, il nuovo presidente degli Stati Uniti d'America alla cerimonia d'insediamento. Se ne frega del rito, è chiaro. Vuole rompere gli schemi e far subito vedere chi comanda. Pronuncia un discorso perfettamente coerente con le parole d'ordine della vittoriosa campagna elettorale: potere al popolo, compra americano, affitta americano, proteggi i confini. Protezionista, populista, prosa semplice e diretta.

Advertisement - Continue Reading Below

A pochi metri di distanza, Barack Obama ha lo sguardo cupo e le labbra serrate. È chiaramente preoccupato dai toni di Trump. Che racconta l'America senza luce né colori, un ammasso di fabbriche arrugginite e malumori, un carnage, un massacro di lavoratori incazzati. Mai sentito un discorso più dirompente: l'insediamento del nuovo presidente contiene l'annuncio esplicito di una folle corsa contromano: The Donald dichiara guerra alla globalizzazione che è stata la Bibbia economica d'America e il cardine delle sue relazioni internazionali. Da affarista qual è, probabilmente adotterà in politica criteri di stretta convenienza economica: amico di chi non minaccia le tasche dell'America, come la Russia di Putin e Israele, avversario di chi compete sul mercato dei consumatori e dei salari come la Cina, il Messico e l'Unione Europea. Magari stringendo alleanza con la Gran Bretagna fresca di Brexit e di nuovo parte integrante di quell'anglosfera che potrebbe ridisegnare i confini dei nuovi poteri mondiali.

Il gabinetto di collaboratori che lo consiglia è eterogeneo, l'era Trump nasce sotto il segno del caos. Non si conosce la classe dirigente che governerà col presidente, né l'esito finale di questo enorme cambiamento. Ma chi conosce The Donald assicura che il caos sia deliberato e punti a concentrare nelle mani del presidente quanto più potere possibile.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo